Anno 3°

mercoledì, 29 marzo 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

Bagni di Lucca

I cittadini propongono oltre 100 varianti al regolamento urbanistico

venerdì, 17 febbraio 2017, 14:17

di andrea cosimini

E’ stata un’assemblea partecipata, quella di ieri sera, al Circolo dei Forestieri di Bagni di Lucca. Un’assemblea pubblica, dal carattere informativo, volta ad illustrare i documenti per l’avvio del procedimentoe i contenuti della variante al regolamento urbanistico. Lo scopo era infatti quello di accogliere le richieste avanzate dalla cittadinanza e provvedere così alla risoluzione degli errori cartografici evidenziati. Un primo passaggio importante che ora però richiede l’approvazione della regione prima di dover passare al vaglio del consiglio comunale.

Sono state 145 le domande in tutto. Una revisione dell’attuale regolamento che è stata possibile grazie al rinvenimento, da parte dell’amministrazione, di un finanziamento regionale che ha permesso di trovare così fondi per le varianti. Un procedimento, avviato nel gennaio dell’anno scorso, volto a sanare alcune incongruenze ed errori tecnici presenti nel regolamento urbanistico approvato dalle precedenti amministrazioni.

“Si tratta di piccoli interventi – ha esordito il sindaco Massimo Betti - che, ovviamente, richiedono la compatibilità con le varianti del regolamento urbanistico. In questo modo andiamo a sanare oltre cento varianti di fondo anche se prima sarà necessaria una valutazione della regione. In realtà, la mia amministrazione si è mossa per tempo. In precedenza infatti avevamo già fatto degli incontri con la regione per discutere di queste varianti. Quindi non credo ci saranno problemi nell’approvazione”.

Nel caso la regione dovesse decidere di approvare le varianti proposte dai cittadini, volte a rendere più aderente alla realtà e agli attuali bisogni di Bagni di Lucca il regolamento urbanistico, queste dovranno comunque passare in adozione in consiglio comunale, indicativamente verso marzo, e poi essere approvate dal consiglio stesso.

“Questo – ha concluso il sindaco – è stato solo un primo passaggio. Un passaggio importante però perché queste varianti permettono ad alcuni cittadini di favorire interventi edilizi ed economici. Per qualche cittadino infatti alcuni aspetti del regolamento risultavano onerosi mentre per altri, che magari avevano un terreno, si trovavano impossibilitati a costruirci sopra”.

Si trattava, quindi, di un aggiornamento necessario. E che andava fatto adesso. Anche perché la stesura del nuovo piano strutturale vedrà la vita solo tra qualche anno. E andare avanti senza applicare queste varianti avrebbe potuto creare disagi a molti cittadini. Il nuovo piano strutturale, essendo stilato tramite la funzione associata dell’Unione dei comuni della Media Valle, ha comunque avuto accesso a contributi regionali e quindi verrà realizzato a costo zero per i cittadini.


Questo articolo è stato letto 612 volte.



Terigialdo2017


Prenota Spazio - 520px  x 120px

Directo Lucca


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Bagni di Lucca


sabato, 25 marzo 2017, 20:01

Bernardi si presenta ai cittadini delle frazioni: "Mi candido perché amo Bagni di Lucca"

E' partito il "tour" elettorale del candidato sindaco Quinto Bernardi, esponente del movimento di centro-destra Cdl, in corsa per le prossime elezioni amministrative


sabato, 25 marzo 2017, 19:57

Gemignani presenta la sua lista: "Il centro-destra siamo noi, diffidate dalle imitazioni"

Per ora ha svelato il logo, il nome della lista e i quattro candidati più giovani della sua squadra. Una scelta voluta


Prenota questo spazio


sabato, 25 marzo 2017, 11:33

Uomo di 59 anni trovato morto nella propria auto a Cocciglia

Si tratta di Vittorio Bini, operaio 59 anni. L’uomo, originario del luogo, viveva da solo e lascia un fratello ed un figlio di 20 anni che abita a Lucca con la madre


venerdì, 24 marzo 2017, 17:13

Giornate FAI di Primavera: i prossimi appuntamenti

Sabato e domenica si apre l’edizione 2017 di Giornate Fai di Primavera: un’occasione unica per scoprire luoghi solitamente chiusi al pubblico e sentirsi parte di quell’Italia vivace e impegnata, creata dai 9 milioni di persone


Prenota questo spazio