Anno 3°

lunedì, 23 ottobre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

A Coreglia niente bavaglio, tranquilli. Casomai un bavagliolino...

sabato, 11 marzo 2017, 23:02

di aldo grandi

Il consigliere comunale di opposizione al comune di Coreglia Piero Taccini si domanda, allarmato, che fine farà la libertà di espressione fino ad oggi garantita da Il Giornale di Coreglia che, a quanto pare, passerà di mano e il servizio di comunicazione verso l'esterno sarà affidato dal sindaco ad una agenzia esterna. Bene, possiamo tranquillizzare il signor Taccini perché siamo convinti che i suoi comunicati saranno trattati, giornalisticamente (sic!) parlando, né più né meno allo stesso modo e questo per due ragioni: la prima, che nessuna agenzia si occuperà del compito fino ad oggi assolto da un dipendente comunale che, a quanto pare, avrebbe deciso di mollare. La seconda che nessun professionista del mestiere redigerà i comunicati stampa la cui redazione sarà affidata ai singoli dipendenti comunali. Taccini può, quindi, sperare che capitino nelle mani giuste di chi, oltre che a fare il bradipo, sappia anche scrivere bene. A dire la verità il sindaco aveva cercato agganci con agenzie dedite alla compilazione di comunicati ad hoc, ma ha lasciato, poi, correre probabilmente per questioni di bilancio. E, infatti, quanto al costo, chi lavora dentro l'amministrazione non costa assolutamente niente di più del classico e fisso stipendio di fine mese. I comunicati arriveranno ai giornali scritti direttamente dai dipendenti del Comune di Coreglia Antelminelli.

Pericolo bavaglio scongiurato quindi? Pensiamo di sì, ma poiché è sempre vero che è meglio aver paura che toccarne, allora teniamo pardon tenete gli occhi aperti e al primo tentativo di giocare sporco, si esca allo scoperto pronti a combattere. Il Giornale di Coreglia non è che sia mai stato un capolavoro di grafica e contenuti, tutt'altro. Del resto i soldi a disposizione non sono mai stati tanti anche se sarebbe interessante conoscere quanto è costato, negli anni, il mantenimento di questa pubblicazione che, a detta di chi l'ha vista e letta, con il giornalismo ha lo stesso rapporto che abbiamo noi con la fisica quantistica, ossia zero assoluto. Ma tant'è. In fondo era pagato con i soldi del comune ossia della collettività. Già, ma almeno la soddisfazione di vedere se tutto è chiaro rispetto alla gestione prima ancora della sua chiusura. 

Ecco perché ci rivolgiamo direttamente al sindaco affinché ci faccia sapere i costi, per singole voci, di questo organo di stampa indispensabile per la manifestazione del libero pensiero in quel di Coreglia Antelminelli.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi


Geminiani


fondazione carilucca


Terigi auto 2014-15


prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


domenica, 22 ottobre 2017, 12:30

Anziani dovete morire!

Al pari del grido lanciato, all'indomani dell'8 settembre 1943, sull'isola di Cefalonia, dal generale Hubert Lanz con cui venne data esecuzione all'ordine di Hitler di non fare prigionieri tra gli italiani traditori, così le parole del ministro dell'economia Pier Carlo Padoan hanno sostanzialmente definito il problema degli anziani o vecchi...


domenica, 15 ottobre 2017, 13:10

Grazie Senatore, ma noi non ci stiamo

Mancano pochi mesi alle elezioni, il Pd costruirà una grande coalizione con tutti coloro che vorranno opporsi ai populismi del M5S e della Lega e continuare a governare il cambiamento in Italia. Voi ci state? Questa è la domanda che il senatore del partito democratico Andrea Marcucci rivolge, erga omnes, dal...


Prenota questo spazio


venerdì, 29 settembre 2017, 21:41

Meglio un ebreo in casa che un musulmano all'uscio

Oggi, per chi non lo sapesse e per chi, vedi i nostri politicanti della Sinistra da strapazzo compresi gli stupidi studenti che scendono in strada in nome della Rivoluzione - tutti rivoluzionari sì, ma con la fame degli altri - comincia lo Yom Kippur, la ricorrenza religiosa ebraica che celebra il...


domenica, 17 settembre 2017, 13:23

La paura di avere coraggio molto peggio del coraggio di avere paura

L'Apocalisse di Giovanni è niente in confronto a ciò che ci sta per colpire, magari non ora, probabilmente non nei prossimi cinque anni, ma che, inevitabilmente, è destinata a devastare completamente il nostro continente e il nostro Paese.


mercoledì, 13 settembre 2017, 17:28

Mallegni, il fascino del mastice e della poltrona

Una volta, a margine di una interSvista, Massimo Mallegni, quando era nostro amico, ci disse che se fosse andato a Roma a fare il parlamentare o anche, chissà, qualcosa di più, ci avrebbe volentieri chiamati a fare il suo capo ufficio-stampa perché, secondo lui, di meglio - e lo ringraziammo...


sabato, 9 settembre 2017, 09:45

Vorrei la pelle nera...

Viviamo in un Paese dove, per il solo fatto di avere la pelle scura, si gode di una sorta di privilegio esteso ed estendibile a tutti i campi dello scibile umano. In virtù di un senso di colpa inculcato sin da piccoli dalle truppe cammellate e politicamente ipocrite della Sinistra...