Anno 3°

domenica, 22 ottobre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'Evento

La più giovane cocchiera d'Italia risiede a Lucca

sabato, 12 agosto 2017, 15:51

di barbara ghiselli

Nella carta d'identità di Marika Iavarone, nata a Napoli 20 anni fa ma da sempre residente a Lucca, alla voce professione ci dovrebbe essere scritto “cocchiera” dato che questo è il suo lavoro ed è la più giovane in Italia a potersi dichiarare tale.

Ma da cosa è nata questa idea? “Un anno e mezzo fa mentre ero in città – ha spiegato Marika – vidi passare una carrozza trainata da cavalli e il mio fidanzato, che era con me, mi chiese, sapendo il mio amore per questi animali, se mi sarebbe piaciuto diventare una cocchiera.L'idea mi entusiasmò subito e mi informai su cosa fosse necessario fare per poter mettere in pratica questo mio sogno”.Sembra che il destino già stesse lavorando in favore di questo progetto infatti Marika ha lavorato come stalliera anni fa in un maneggio, conosce quindi bene i cavalli, ha poi un diploma preso all'istituto alberghiero di Barga in accoglienza turistica che le ha fatto maturare esperienza in questo ambito oltre che sapere bene le lingue in particolare inglese e spagnolo.In un certo senso quindi é una predestinata!Si è iscritta all'albo dei conducenti sostenendo un esame dove viene valutata la conoscenza del codice della strada, del cavallo e tutto ciò che è necessario per saper guidare una carrozza, in seguito ha preso la licenza e il mezzo ma soprattutto è arrivato lui, Lucier, un cavallo di 8 anni che è un incrocio tra un lusitano e un andaluso e che è diventato come fosse uno di famiglia per Marika, un rapporto simbiotico che non sfugge certamente agli occhi di chi li osserva.

“E' stato amore a prima vista – ha fatto presente Marika – e non ho sbagliato infatti Lucier è un cavallo eccezionale e tra noi c'è veramente una grande sintonia.E' poco più di un mese che è con me, lui si fida e mi emoziona vedere come riconosce la mia voce e segue quello che gli dico. Tengo tantissimo a lui, lo curo e faccio tutto il possibile perchè stia bene e non si affatichi troppo infatti cerco di limitare il lavoro in carrozza a massimo quattro ore al giorno e solo nelle ore di maggior fresco e con soste al'ombra o per farlo bere dato che ciò più mi preme è la sua salute”.E' da circa una settimana che Marika e Lucier accompagnano i turisti italiani e stranieri a fare un giro per la città o sulle mura, nella carrozza che può contenere fino ad una massimo di  sette persone, ed è veramente un'esperienza piacevole.Di solito è facile trovarli nelle loro soste vicino alla cattedrale o in piazza Napoleone o in piazza San Michele, soste nelle quali Lucier adora farsi viziare da Marika che non risparmia carezze al suo amico, il quale si mostra molto contento di tutte queste attenzioni.Le attenzioni di Marika verso Lucier non sfuggono agli occhi dei passanti che percepiscono il forte legame che si è creato tra i due e li osservano ammirati.

Lucier risiede al centro ippico comunale in via della Scogliera gestito dall'Asd centro equitazione “La luna”  però nelle intenzioni di Marika c'è quella di poterlo portare in futuro a casa sua e di creare un box vicino ad un campo, in modo che il cavallo possa muoversi in tutta libertà e le sia sempre vicino.

(Foto di Antonio Tortorella)


Questo articolo è stato letto volte.


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in L'Evento


Prenota questo spazio


venerdì, 20 ottobre 2017, 10:08

Il Gotha internazionale di turismo e hotellerie fa meta al Ciocco

Gestione consapevole dei flussi turistici, valorizzazione di itinerari inediti, sviluppo di una promozione territoriale sempre più legata all’emozione e all’unicità dell’esperienza: Lucca e la Valle del Serchio si preparano ad accogliere uno dei più importanti appuntamenti dell’universo hotellerie e accoglienza


lunedì, 16 ottobre 2017, 21:26

Niente... Vicinanza per Donna Assunta: scatta la querela per diffamazione nei confronti del direttore de 'Il Tirreno'

Nell'ambito di una proposta in consiglio comunale a Grosseto di intitolare una via a Giorgio Almirante ex segretario del Msi-Dn, il quotidiano livornese ha pubblicato dichiarazioni e articoli che la vedova, Raffaella Stramandinoli, legale rappresentante della Fondazione Almirante, ha ritenuto gravemente lesivi della memoria storica e della verità


Prenota questo spazio


sabato, 14 ottobre 2017, 18:08

“Io non rischio”: studenti e cittadini a lezione per prevenire le calamità naturali

Un vero successo la settima edizione di "Io non rischio", la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile promossa per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i cittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sulle calamità naturali


giovedì, 12 ottobre 2017, 16:47

Sofidel, eccellenza lucchese, a Roma per parlare dell'oro "blu"

Ieri pomeriggio a Palazzo Montecitorio, nella sala Aldo Moro, si è tenuto un convegno sull'importanza dell'acqua e sul futuro delle industrie organizzato da Sofidel, società cartaria di origine lucchese, "la più grande nel settore in Italia, la seconda in Europa e la sesta nel mondo" come ha detto il suo...


giovedì, 12 ottobre 2017, 16:45

Lazzareschi: "Da grandi poteri derivano grandi responsabilità"

"Le aziende devono comprendere che da grandi poteri derivano grandi responsabilità e che, in un momento così difficile, bisogna andare tutti nella stessa direzione". È questo quanto ha espresso ieri, nella sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio, l'amministratore delegato di Sofidel Luigi Lazzareschi


giovedì, 12 ottobre 2017, 16:31

"Io non rischio": campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile

L'iniziativa nazionale sulle buone pratiche di protezione civile è promossa, a livello locale, in collaborazione con la Regione Toscana, la Provincia di Lucca, iComuni di Lucca e Viareggio, le Unioni dei Comuni della Garfagnana, della Mediavalle e della Versilia, e l'Autorità di Bacino del fiume Serchio