Anno 3°

lunedì, 23 ottobre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'Evento

"Io non rischio": campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile

giovedì, 12 ottobre 2017, 16:31

Il volontariato di protezione civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme per comunicare sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Il 14 ottobre volontari e volontarie di protezione civile allestiranno punti informativi "Io non rischio" nelle piazze dei capoluoghi di provincia italiani, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto.
L'iniziativa è stata presentata oggi – giovedì 12 ottobre - a Palazzo Ducale dal consigliere provinciale delegato alla protezione civile Nicola Boggi insieme con il dirigente del settore Francesca Lazzari e a Francesco Grossi dell'Ufficio di protezione civile della Provincia, dalla dirigente dell'Area di Protezione Civile della Prefettura di Lucca Rita Reale, dal dirigente del servizio Protezione civile del Comune di Lucca Giovanni Marchi e da Bruno Molendi responsabile per la comunicazione delle associazioni di volontariato lucchese aderenti a "Io non rischio" della provincia di Lucca.

Il cuore dell'iniziativa – giunta quest'anno alla settima edizione – è il momento dell'incontro in piazza tra i volontari formati e la cittadinanza. Ma l'edizione 2017 sarà un'occasione speciale, perché le piazze si arricchiranno di iniziative ed eventi: i volontari, infatti, accompagneranno la cittadinanza in un percorso legato alla conoscenza dei rischi specifici del territorio e alla memoria dei luoghi.

Sabato 14 ottobre, in contemporanea con le altre città in tutta Italia, anche Lucca partecipa alla campagna "Io non rischio".
Per scoprire cosa ciascuno di noi può fare per ridurre il rischio di terremoto e alluvione, l'appuntamento è, nel complesso di Palazzo Ducale, in Cortile degli Svizzeri e in Cortile Carrara dalle 9 alle 18. Oltre agli stand informativi, quest'anno i volontari invitano i lucchesi ad un appuntamento speciale come quello della passeggiata non competitiva "Io non rischio" che si terrà nel pomeriggio di sabato. Una passeggiata, aperta a tutta la cittadinanza - che prevede la partenza alle 15 proprio dal Cortile degli Svizzeri - organizzata in collaborazione con il Gruppo Sportivo Camigliano e il Polo scientifico tecnologico professionale "Fermi-Giorgi" di Lucca. Sono stati organizzati 3 percorsi di chilometraggio diverso: 2, 5 e 10 Km per dare modo di partecipare al maggior numero di cittadini, indipendentemente dalla preparazione fisica e dall'età. I percorsi sono stati tracciati percorrendo aree pedonali, sentieri o marciapiedi ad eccezione di un breve tratto di via delle Piagge, lungo il fiume Serchio. Il clou della giornata sarà comunque in Cortile degli Svizzeri e in Cortile Carrara dove saranno presenti gazebi informativi di associazioni di volontariato di Protezione civile e degli enti. Ci sarà anche una linea del tempo con i più significativi eventi alluvionali e sismici che hanno interessato la provincia di Lucca, nonché un'area dedicata ai bambini ed una sala multimediale. Durante la mattinata è prevista l'attività informativa rivolta a tutti i cittadini e, in particolare, alle classi 4^ e 5^ di alcuni istituti superiori del territorio: oltre una settantina di classi tra Liceo artistico-musicale "Passaglia" di Lucca, Istituto "Pertini" di Lucca, Istituti "Carrara-Nottolini-Busdraghi" di Lucca, Isi di Castelnuovo Garfagnana e Polo scientifico tecnologico "Fermi-Giorgi" di Lucca. Nel pomeriggio proseguirà l'attività di informazione sui rischi degli eventi calamitosi e sulle buone pratiche di comportamento in caso di alluvione e terremoto.

L'edizione 2017 coinvolge volontari e volontarie appartenenti a oltre 700 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d'Italia.

"Io non rischio" – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L'inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

L'iniziativa nazionale sulle buone pratiche di protezione civile è promossa, a livello locale, in collaborazione con la Regione Toscana, la Provincia di Lucca, iComuni di Lucca e Viareggio, le Unioni dei Comuni della Garfagnana, della Mediavalle e della Versilia, e l'Autorità di Bacino del fiume Serchio.

Agli enti e alle istituzioni citate si affiancano associazioni di volontariato della Protezione civile che hanno aderito alla campagna 2017: ANPANA, Associazione Nazionale Autieri d'Italia di Capannori e Castelnuovo G., EZA Guardia Nazionale, Croce Verde di Lucca, Ponte a Moriano e Viareggio, Gruppo Comunale di Protezione Civile di Castelnuovo Garfagnana, Misericordie di Capezzano Pianore, Lucca, Marlia - Massa Macinaia e San Giusto.

Sono media partner per l'iniziativa, a livello locale, le emittenti giornalistiche RADIO STAR e NOI TV.

Maggiori informazioni sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it


Questo articolo è stato letto volte.


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in L'Evento


Prenota questo spazio


domenica, 22 ottobre 2017, 10:49

Padoan l'infelice: "I pensionati muoiono troppo tardi, per l'Inps è un guaio"

Alla fine l’ha detto e l’Italia sta facendo gli scongiuri, attrezzandosi di cornetti e amuleti vari. Il brillante ministro dell’Economia Padoan è stato sincero e ha detto quello che pensano tutti i geni che stanno al comando: “Gli italiani muoiono troppo tardi e ciò incide negativamente sui conti dell’Inps”


venerdì, 20 ottobre 2017, 10:08

Il Gotha internazionale di turismo e hotellerie fa meta al Ciocco

Gestione consapevole dei flussi turistici, valorizzazione di itinerari inediti, sviluppo di una promozione territoriale sempre più legata all’emozione e all’unicità dell’esperienza: Lucca e la Valle del Serchio si preparano ad accogliere uno dei più importanti appuntamenti dell’universo hotellerie e accoglienza


Prenota questo spazio


lunedì, 16 ottobre 2017, 21:26

Niente... Vicinanza per Donna Assunta: scatta la querela per diffamazione nei confronti del direttore de 'Il Tirreno'

Nell'ambito di una proposta in consiglio comunale a Grosseto di intitolare una via a Giorgio Almirante ex segretario del Msi-Dn, il quotidiano livornese ha pubblicato dichiarazioni e articoli che la vedova, Raffaella Stramandinoli, legale rappresentante della Fondazione Almirante, ha ritenuto gravemente lesivi della memoria storica e della verità


sabato, 14 ottobre 2017, 18:08

“Io non rischio”: studenti e cittadini a lezione per prevenire le calamità naturali

Un vero successo la settima edizione di "Io non rischio", la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile promossa per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i cittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sulle calamità naturali


giovedì, 12 ottobre 2017, 16:47

Sofidel, eccellenza lucchese, a Roma per parlare dell'oro "blu"

Ieri pomeriggio a Palazzo Montecitorio, nella sala Aldo Moro, si è tenuto un convegno sull'importanza dell'acqua e sul futuro delle industrie organizzato da Sofidel, società cartaria di origine lucchese, "la più grande nel settore in Italia, la seconda in Europa e la sesta nel mondo" come ha detto il suo...


giovedì, 12 ottobre 2017, 16:45

Lazzareschi: "Da grandi poteri derivano grandi responsabilità"

"Le aziende devono comprendere che da grandi poteri derivano grandi responsabilità e che, in un momento così difficile, bisogna andare tutti nella stessa direzione". È questo quanto ha espresso ieri, nella sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio, l'amministratore delegato di Sofidel Luigi Lazzareschi