Anno 3°

lunedì, 25 settembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

Davini presidente Parco Apuane, ambientalisti contro Enrico Rossi

mercoledì, 5 luglio 2017, 17:08

di alberto grossi

Riceviamo e pubblichiamo il seguente appello rivolto al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi da parte di associazioni di tutela ambientale locali, regionali e nazionali, sottoscritto da nomi importanti della cultura e del mondo ambientalista:

Egregio Presidente Enrico Rossi, 

apprendiamo che è Sua intenzione procedere alla nomina del signor Davini a Presidente del Parco Regionale delle Alpi Apuane. L'unica parola che ci viene in mente è sconcerto. Riassumiamo in 9 lettere il nostro stato d'animo e la nostra profonda delusione per la scelta del Presidente del Parco delle Alpi Apuane. Viene premiata, in modo paradossale, la linea di chi ha criticato duramente il PIT, quel piano che lei stesso ha fortemente voluto e che alcune lobby vicine alla maggioranza  hanno stravolto rispetto  alla  versione originale, costringendo Anna Marson a dichiarazioni che lasciano poco spazio alla fantasia.

Secondo il signor Davini (http://iltirreno.gelocal.it/versilia/cronaca/2017/01/22/news/davini-vorrei-che-il-parco-mettesse-d-accordo-tutti-1.14756187?refresh_ce) pare che gli ambientalisti siano colpevoli di voler dare un taglio ambientale al Parco delle Alpi Apuane. E quale taglio si vuole dare ad un'area protetta? E poi, che punto di equilibrio si vuole cercare affermando che le attività di cava non sono compatibili con le "politiche ambientali più strette"? 

L'ambiente o si protegge o non si protegge, e le vie di equilibrio sono poi quelle che aprono la strada alla distruzione incontrollata, cosa che sta già avvenendo sulle Apuane, basti vedere gli ultimi controlli effettuati in diversi siti di cava.

Come associazioni ambientaliste, come singoli cittadini sottoscrittori, non possiamo accettare QUESTA decisione, signor Presidente, che contestiamo con forza. Non siamo assolutamente disponibili a trovare alcun compromesso perché siamo certi che porre le questioni ambientali sui piatti delle trattative politiche sia una delle più fallimentari azioni che si possano perpetrare.
Non si meravigli, pertanto, se da domani continuerà la nostra  opposizione ancora più  ferma e dura nei confronti delle scelte sue e del nuovo Presidente, non si stupisca se continueremo a rimarcare quanto certe scelte "ambientali" siano distanti anni luce dalla vera sensibilità ecologica: ne ricordiamo, tra le più recenti, la modifica alla legge sulle manifestazioni motociclistiche in aree protette e la normativa sulla caccia ai lupi.

Presidente, dia seguito con i fatti alle parole che espresse di fronte a tutte le associazioni ambientaliste, quando le incontrò a Firenze alla vigilia del varo del PIT rivedendo le decisioni prese. Ne va della salvaguardia delle Apuane, dell’ambiente, della nostra casa comune e della sua credibilità.

 

Sottoscrivono:

 

le Associazioni:  

AELIANTE , CAI TOSCANA,  CAI sezione di  Massa,  La Pietra Vivente, Amici della Terra Versilia, Grig onlus presidio Apuane, Società degli Amici di Ronchi e Poveromo, Italia Nostra sezione di Firenze , Gruppo FAI Massa

 

a titolo personale (in ordine alfabetico):

Michele Ambrogi

Fabrizio Bertoneri

Marco Cantarelli

Marcello Cantoni (socio LIPU)

Silvia Carandini (presidente Società Amici di Ronchi e Poveromo)

Ornella Casazza (direttivo Società degli Amici di Ronchi e Poveromo)

Nicola Cavazzuti

Mauro Chessa ( vicepresidente sezione Firenze Italia Nostra)

Marisa Civardi (professore emerito univ. Milano –Bicocca)

Luigi De Falco (consigliere nazionale ltalia Nostra)

Stefano Deliperi (presidente Grig onlus)

Luciano Di Gino (presidente Aeliante)

Grazia Francescato (già presidente nazionale WWF e portavoce dei Verdi Europei)

Giovanni Gabriele (già consigliere nazionale Italia Nostra)

Cesare Gentili (socio Grig, Legambiente, Associazione culturale Enea)

Bruno Giampaoli (presidente sezione Massa e Montignoso Italia Nostra) 

Nino Giannoni (capogruppo FAI Massa)

Alberto Grossi (Ambientalista dell’anno 2015 – Premio Luisa Minazzi – Legambiente)

Chiarella Lagomarsini

Gianni Ledda (Società Speleologica Italiana)

Franca Leverotti ( socio Grig e Italia Nostra) 

Ugo Macchia (WWF)

Rita Micarelli

Fabrizio Molignoni

Tomaso Montanari (presidente di Libertà e Giustizia)

Florida Nicolai (socio Legambiente, AIP 2, Grig) 

Giorgio Nebbia (professore emerito univ. di Bari)

Siria Panichi

Elia Pegollo (Premio Ambiente Marcello Meroni 2016 – CAI SEM Milano)

Giorgio Pizziolo (presidente Centro Cervati per i demani e gli usi civici e collettivi, Seravezza)

Anna Porcinai (archivio Porcinai)

Adriano Prosperi 

Leonardo Rombai (presidente sezione Firenze Italia Nostra)

Salvatore Settis  (Accademico dei Lincei)

Jacopo Simonetta

Carla Susini

Baldino Stagi

Alberto Tarabella

Luca Tommasi (Commissione centrale tutela ambiente montano CAI)

Domenico Verducci (vicepresidente WWF alta Toscana onlus)

Alessandra Zuccarelli (socio Legambiente, Grig)

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


martedì, 19 settembre 2017, 17:18

"Rio dell'Orso a rischio esondazione, mi auguro che il governatore Rossi intervenga"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta di Loreno Bertolacci, presidente del comitato paesano per la valorizzazione di Castelvecchio Pascoli, la tutela dell'ambiente e del paesaggio pascoliano, nonché nostro collaboratore, indirizzata al governatore della regione Toscana Enrico Rossi a seguito dei poteri conferitigli dal governo Gentiloni


martedì, 19 settembre 2017, 13:22

Disagi alla scuola media di Ghivizzano, i genitori scrivono al ministro Fedeli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera, indirizzata al ministro dell’istruzione Valeria Fedeli, scritta da un gruppo di genitori della scuola media di Ghivizzano in cui si denuncia come i loro figli non abbiano ancora gli insegnanti e perdano molte ore di lezioni, oltretutto senza avere il trasporto per tornare a...


Prenota questo spazio


sabato, 16 settembre 2017, 14:53

Convegno su D’Annunzio e Pascoli, una delusione

Era stato annunciato come il grande convegno di studi Pascoliani ed aspettavano centinaia di persone la punto che, per timore che non trovassero posto avevano deciso di tenere il convegno al teatro dei Differenti, che avrebbe garantito una capienza di 350 - 400 persone. Ma qualche cosa nell’organizzazione non deve aver funzionato


venerdì, 15 settembre 2017, 09:21

“Magnifiche presenze” a Casa Pascoli: una mostra che ne poteva avere di più di... presenze

La mostra a Casa Pascoli di Castelvecchio voleva proprio evidenziare questo rapporto tra i due poeti, ma le presenze a questa mostra non sono state quelle che si aspettavano a detta di molti, solo quattro o cinquecento visitatori, una media di cinque al giorno


martedì, 12 settembre 2017, 21:59

"Cancellare i simboli del fascismo equivale a cancellare la nostra Storia"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione inviataci da un lettore che ha chiesto di poter mantenere l'anonimato per timore di ritorsioni nella Media Valle del Serchio: a questo punto siamo arrivati con i feudatari del Pensiero Unico verniciati di rosso?


mercoledì, 30 agosto 2017, 17:54

"Un ringraziamento al reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Barga"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di ringraziamento al reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale San Francesco di Barga da parte dei genitori del piccolo Tommaso