Anno 3°

lunedì, 25 settembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Cancellare i simboli del fascismo equivale a cancellare la nostra Storia"

martedì, 12 settembre 2017, 21:59

di lettera firmata

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione inviataci da un lettore che ha chiesto di poter mantenere l'anonimato per timore di ritorsioni nella Media Valle del Serchio: a questo punto siamo arrivati con i feudatari del Pensiero Unico verniciati di rosso?:

Egregio direttore, 

leggo con stupore stamani sulle cronache nazionali l'ennesima scellerata idea di questa sinistra italiana di rimuovere i simboli fascisti e le scritte con il nome del Duce sui monumenti nelle città tra le quali quella sull'obelisco del Foro Italico. Il fascismo ha fatto parte della nostra storia nel bene e, soprattutto, nel male, ma non possiamo far finta di niente. Si parla di reato di apologia del fascismo con pene che vanno fino a 4 anni di carcere, ma si scherza? Non si parla mai invece di cosa ha fatto il comunismo in Russia dove i morti anche li sono stati milioni. Si dà del fascista a persone senza nemmeno sapere il significato della parola fascista solo perché si esprime un parere o si critica questa invasione di massa senza controllo dall'Africa.

Se si dice che malattie che erano del tutto debellate in Europa come la malaria, tubercolosi ecc. vengono portate dai clandestini si viene subito etichettati come fascisti. Il fatto che il presidente della Regione Toscana Rossi voglia mettere a tacere chi scrive frasi contro la migrazione o i clandestini. Dove stanno la libertà di parola e di stampa sancite dalla costituzione italiana?

Voglio ricordare ai tanti compagni che nel periodo del fascismo nacquero l'Inail, l'assistenza obbligatoria contro la TBC, l'assicurazione obbligatoria contro le malattie professionali, l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (I.N.P.S.), l'istituzione del sindacalismo integrale con l'unione delle rappresentanze sindacali dei datori di lavoro (Confindustria e Confagricoltura), gli assegni familiari e soprattutto la lotta ala mafia (quasi debellata) e alla massoneria.

Ci fu la parte più brutta è vero che non si dovrà mai dimenticare delle deportazioni di ebrei a fianco dei nazisti ma questa è storia e va raccontata e non tolta o distrutta. I compagni per più di 60 anni hanno volutamente nascosto e non ammesso il massacro delle Foibe. Mio bisnonno ufficiale dell esercito ha servito sotto Mussolini e a differenza di molti suoi colleghi ufficiali non si è mai per vigliaccheria spostato verso le milizie partigiane ma ha sempre giurato fedeltà al suo ruolo e per questo ne ha pagato le conseguenze.

Oltretutto mi fa molta rabbia quando sento dire che non bisogna criticare chi viene in Italia perché anche gli Italiani a loro volta hanno emigrato. Chi dice ciò non ha la più pallida idea di cosa fosse la migrazione in Europa e verso gli USA alla fine del 1800 e primi del '900. Gli italiani si facevano le ossa, dormivano in zone altamente a rischio, lavoravano in condizioni disumane per pochi soldi, ma la cosa più importante è che osservavano le leggi e le tradizioni della nazione ospitante.

Cosa fanno invece gli immigrati che arrivano in Italia? Gli viene assegnato un albergo di lusso, 30 euro al giorno, mangiare e di lavorare non se ne parla nemmeno, non osservano le leggi e le tradizioni italiane. Io proporrei una cosa a chi vuole togliere il crocifisso, non fare l'albero di natale o mettere il presepe nelle scuole perché offendono la fede altrui. Lasciamo aperte le scuole a Natale, Pasqua ecc. Non è festa per gli islamici ed è giusto che vadano a scuola allora. 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


martedì, 19 settembre 2017, 17:18

"Rio dell'Orso a rischio esondazione, mi auguro che il governatore Rossi intervenga"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta di Loreno Bertolacci, presidente del comitato paesano per la valorizzazione di Castelvecchio Pascoli, la tutela dell'ambiente e del paesaggio pascoliano, nonché nostro collaboratore, indirizzata al governatore della regione Toscana Enrico Rossi a seguito dei poteri conferitigli dal governo Gentiloni


martedì, 19 settembre 2017, 13:22

Disagi alla scuola media di Ghivizzano, i genitori scrivono al ministro Fedeli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera, indirizzata al ministro dell’istruzione Valeria Fedeli, scritta da un gruppo di genitori della scuola media di Ghivizzano in cui si denuncia come i loro figli non abbiano ancora gli insegnanti e perdano molte ore di lezioni, oltretutto senza avere il trasporto per tornare a...


Prenota questo spazio


sabato, 16 settembre 2017, 14:53

Convegno su D’Annunzio e Pascoli, una delusione

Era stato annunciato come il grande convegno di studi Pascoliani ed aspettavano centinaia di persone la punto che, per timore che non trovassero posto avevano deciso di tenere il convegno al teatro dei Differenti, che avrebbe garantito una capienza di 350 - 400 persone. Ma qualche cosa nell’organizzazione non deve aver funzionato


venerdì, 15 settembre 2017, 09:21

“Magnifiche presenze” a Casa Pascoli: una mostra che ne poteva avere di più di... presenze

La mostra a Casa Pascoli di Castelvecchio voleva proprio evidenziare questo rapporto tra i due poeti, ma le presenze a questa mostra non sono state quelle che si aspettavano a detta di molti, solo quattro o cinquecento visitatori, una media di cinque al giorno


mercoledì, 30 agosto 2017, 17:54

"Un ringraziamento al reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Barga"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di ringraziamento al reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale San Francesco di Barga da parte dei genitori del piccolo Tommaso


martedì, 29 agosto 2017, 17:14

Italia, un Paese senza verità

Siamo un Paese senza verità. Dove la retorica, quasi sempre riconducibile a una certa sinistra, confonde, e spesso nasconde, storia e cronaca. Penso in primo luogo alla Resistenza e a come oggi sappiamo quanto è stata diversa rispetto a come ce l'avevano fatta imparare dai libri di scuola