Anno 3°

domenica, 26 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Bagni di Lucca

Strada Ducale, Marchetti interroga la provincia

venerdì, 11 ottobre 2019, 10:13

«Frane, ostruzioni, intasamenti… ma che aspetta la Provincia di Lucca a intervenire per il ripristino della Strada Ducale e la sua messa in sicurezza?»: è in sostanza questo ciò che il consigliere provinciale di Alternativa civica di centrodestra Maurizio Marchetti chiede alla provincia di Lucca con un’interrogazione appena depositata a Palazzo Ducale.

L’iniziativa è scattata di concerto con i rappresentanti di Forza Italia e consiglieri comunali di Un futuro per Bagni di Lucca Claudio Gemignani e Laura Lucchesi, dopo aver rilevato varie criticità così dettagliate nell’interrogazione di Marchetti: «Loc. Al Pero: frana, intasamento chiavica, ostruzione zanelle; loc. Al Pruglio: frana; ‘bacinello’: frana; loc. Alla Ciancia (a 1,5 km dal Rifugio Casentini): intasamento chiavica, con attuale presenza di cartelli di protesta da parte della cittadinanza; loc. Al solco del Biagino: intasamento chiavica, ostruzione zanelle nell’intero tratto tra Rifugio Casentini e Fontanone, con rischio di compromissione per le asfaltature recentemente ripristinate ‘a toppe’».

Insomma le magagne ci sono, e la strada non è arteria di poco conto: «Lungo la dorsale Appenninica, in collegamento tra Lucca e Modena, si snoda la SP 56, ovvero la Strada Ducale – ricapitola Marchetti nella sua interrogazione – voluta nel 1818 dall’allora Duchessa di Lucca Maria Luisa di Borbone e dal suo omologo modenese Francesco IV che la poterono inaugurare dieci anni dopo. […] All’importanza funzionale come arteria di scorrimento, l’infrastruttura abbina il pregio storico-naturalistico dato che consente il raggiungimento di alcuni tra i luoghi turisticamente più attrattivi dell’Appennino sino a toccare Foce a Giovo, a 1674 metri di altitudine».

Motivo in più per sollecitare l’azione di ripristino complessivo dell’asse stradale, con Marchetti che alla Provincia domanda proprio «secondo quali tempi e modi intendano procedere alla risoluzione delle criticità esposte in premessa».


Questo articolo è stato letto volte.


Directo Lucca


gesamgaseluce


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Bagni di Lucca


Prenota questo spazio


sabato, 25 gennaio 2020, 11:42

Torna a maggio l'atteso Gran Tour del Pratofiorito: 42 km e 1420 m di dislivello

Si terrà domenica 17 maggio la 19esima edizione della Gran fondo di mountain bike organizzata dalla Jurassic Bike. Presentate anche le iniziative collaterali


venerdì, 24 gennaio 2020, 19:43

Vico Pancellorum: l'affascinante idea di riscoprire l'antico borgo distrutto

Il primo importante passo è stato compiuto, e vede il sinergico coinvolgimento di quattro attori principali: la Soprintendenza, il comune di Bagni di Lucca, l'Università di Pisa e naturalmente gli abitanti di Vico


Prenota questo spazio


venerdì, 24 gennaio 2020, 08:39

Ricci (FI Giovani): "Minacce a attivisti, condanno l'episodio"

Giovanni Ricci, presidente provinciale dei giovani di Forza Italia Lucca, interviene in merito alla vicenda che ha riguardato nei giorni scorsi alcuni giovani attivisti locali del gruppo “Un futuro per Bagni di Lucca” e del partito di centro destra “Fratelli d’Italia” 


giovedì, 23 gennaio 2020, 18:01

Ancora rifiuti abbandonati a Montefegatesi, la rabbia degli abitanti

L'allarme arriva ancora una volta dai residenti, che tanto amano e si impegnano per il loro incontaminato territorio. Sulla pagina facebook Montefegatesi Official Page si legge quest'oggi lo sdegno per un nuovo ritrovamento di rifiuti abbandonati


giovedì, 23 gennaio 2020, 11:09

Uso consapevole della rete: incontro in biblioteca per ragazzi e genitori

Il Lions Club Garfagnana, in collaborazione con l'Istituto Comprensivo di Bagni di Lucca e la Fondazione Michel De Montaigne organizza un incontro informativo presso la biblioteca comunale Adolfo Betti


mercoledì, 22 gennaio 2020, 09:24

Studioso, mecenate e amico di Bagni di Lucca: morto il professor Bareham

La Fondazione Culturale Michel de Montaigne, appresa la notizia della scomparsa del prof. Tony Bareham, lo ricorda a quanti ebbero il piacere non solo di ascoltare i suoi magistrali contributi di studio e di ricerca in occasione dei Convegni Internazionali che dal 2008 si svolgono a Bagni di Lucca