Anno 3°

venerdì, 10 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Bagni di Lucca

Un futuro per Bagni di Lucca: "Centro collettivo per migranti, la solidarietà è ben altra cosa"

martedì, 3 dicembre 2019, 12:09

Dopo l'intervento del consiglio d'amministrazione della cooperativa "Solidarietà e Sviluppo", in merito al centro collettivo per migranti a Ponte a Serraglio, torna ad intervenire il gruppo di minoranza "Un futuro per Bagni di Lucca", per voce del capogruppo Claudio Gemignani e del consigliere Laura Lucchesi.

"Leggendo il comunicato del cda della Cooperativa Solidarietà e Sviluppo - esordiscono i due -, notiamo che non viene detto nulla di nuovo rispetto a quanto già annunciato da noi e dalle forze politiche in consiglio comunale".

"Chi ci accusava di fare terrorismo psicologico - affermano - viene smentito sonoramente. Chi dice che i migranti vengono spostati da una parte all'altra della strada, è vero solo in parte. Lì, dal territorio comunale, ne arriveranno altri. Anche da Fornoli e da Bagno alla Villa. Tre centri Cas accorpati in un centro collettivo. Nella casa al civico 18, 20, 22, 24, andranno 30 migranti circa, anche se il bando parla fino a 50. Quindi, chissà, in un futuro... Siamo ormai abituati a sorprese".

"Viene però omesso - spiegano i due consiglieri - che al Ponte rimarrà anche un'altra comunità di circa 10 migranti. Quindi una da trenta e una da 10. Si dice che la maggior parte dei migranti si conosce: il problema nasce dall'accorpamento delle varie comunità insieme. La conoscenza di una comunità con l'altra. Poi stiamo parlando dei migranti rientranti nel centro collettivo. E cosa sarà degli oltre 120 migranti della provincia che dovranno essere ricollocati? Di coloro che non rientrano nelle caratteristiche dei migranti che possono essere ospitati nei centri collettivi, ma che rientrano in quelli dei CAS?". 

"Ringraziamo la cooperativa - affermano Gemignani e Lucchesi - per aver sottolineato di aver incontrato nell'ultimo periodo solo il sindaco e il gruppo di opposizione Progetto Rinascimento. Durante il nostro incontro, molto cordiale tra l'altro, avvenuto con l'altra Cooperativa Partecipazione e Sviluppo, avvenuto nel settembre 2018, (vengono smentite le voci per cui siamo razzisti e non aperti al dialogo, quindi grazie anche per averlo pubblicamente comunicato), è risultato ben chiaro, ai rappresentanti di tale cooperativa, la nostra contrarietà ad alcuni progetti. Tra l'altro, per evitare speculazione politica dai soliti chiacchieroni manipolatori di discorsi con difficoltà di accettazione divergenze altrui, nel 2018, ovviamente, non si parlava ancora di centri collettivi, ma di Sprar. Al quale il nostro Comune aveva aderito e versi il quale la cooperativa si lamentava, guarda caso, perché non aveva vinto il bando. Quindi si è ben guardata dall'incontrarci ora". 

"Siamo altresì felici - proseguono - che finalmente si sia chiarito che l'adesione a tali progetti, centro collettivo, è meramente per scopo economico, per rientrare nelle spese. Così facendo viene appunto sottolineato che questa attività è, a parer nostro, di tipo lavorativo. E basta. La solidarietà, il volontariato, che speriamo venga fatto anche da chi ci ha accusato di essere i peggiori al mondo, è ben altra cosa. Siamo perplessi, e anche qui allora ci viene da dire che le nostre paure sono fondate, quando si dice "Non dovrebbero esserci problemi di convivenza".... A noi piaceva di più la frase "Non ci saranno problemi di convivenza". Siamo contenti che chi ci ha dato dei "poco dotati celebralmente", ora chieda collaborazione ed evidenzi che il clima del consiglio, di unità al "No al centro collettivo di Ponte a Serraglio", sia positivo". 

"Non scappiamo - concludono - dalla collaborazione e dall'aiuto, che ognuno di noi deve fare personalmente e liberamente. E soprattutto in modo gratuito e nel silenzio. Troviamo fuori luogo paragonare la nostra emigrazione all'attuale. Ripetiamo: no al centro collettivo a Ponte a Serraglio, no ai ghetti, no alle imposizioni, appoggio alle preoccupazioni degli abitanti di Ponte a Serraglio, sì alle considerazioni venute fuori dal consiglio, enunciate dal sindaco, scritte nel documento condiviso con le altre forze politiche".


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

gesamgaseluce

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Bagni di Lucca


Prenota questo spazio


giovedì, 9 luglio 2020, 16:45

Terme: finalmente pubblicato il bando per la gestione

Dopo intoppi burocratici e ritardi legati all'emergenza sanitaria, il bando per l'affido della gestione del complesso immobiliare termale Casa Boccella e Jean Varraud è stato pubblicato sul sito del comune di Bagni di Lucca


giovedì, 9 luglio 2020, 14:08

L'Orrido di Botri riapre le porte al turismo

La Riserva Naturale Statale Orrido di Botri, gestita dal Reparto Carabinieri Biodiversità di Lucca, riapre le porte dall'11 luglio. La Riserva rappresenta un vero e proprio punto di riferimento per il turismo escursionistico del territorio lucchese. L'ingresso alla Riserva è in località Ponte a Gaio, ove è situata la biglietteria


Prenota questo spazio


giovedì, 9 luglio 2020, 11:29

Lega in tour nei paesi montani: tappa a Casoli e Vico

Le elezioni regionali si avvicinano e i vari esponenti politici iniziano a "battere" il territorio: in qesta circostanza saranno attenzionati i problemi della montagna di Bagni di Lucca, con la consigliera regionale della Lega, Elisa Montemagni, che incontrerà i cittadini di Casoli e Vico Pancellorum


giovedì, 9 luglio 2020, 10:52

Passeggiate nei borghi del comune di Bagni di Lucca

Domenica 5 luglio è iniziata da Vico Pancellorum la prima delle quattro “passeggiate nei borghi" previste per l'anno in corso, organizzate dall’amministrazione comunale unitamente alla Vicaria Val di Lima


mercoledì, 8 luglio 2020, 18:27

Un futuro: "Basta strumentalizzazioni! Siamo felici dell'apertura delle piscine e dell'Orrdio di Botri"

Con una nuova diretta facebook il consigliere di opposizione Claudio Gemignani, parlando a nome del gruppo Un Futuro per Bagni di Lucca, rispedisce al mittente alcune critiche arrivate nei giorni scorsi sempre via social, riguardanti le ultime vicende politche che hanno visto protagonista la cittadina termale


martedì, 7 luglio 2020, 15:43

Nuovo corso per diventare volontari della Croce Rossa

Mercoledì 19 agosto alle ore 21.00 presso la nuova Sala Corsi in Via Umberto I° n. 51 nel capoluogo di Bagni di Lucca, avrà inizio il Corso di accesso alla Croce Rossa Italiana post covid19