Anno 3°

venerdì, 6 dicembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Bagni di Lucca

Un futuro per Bagni di Lucca: "Centro collettivo per migranti, la solidarietà è ben altra cosa"

martedì, 3 dicembre 2019, 12:09

Dopo l'intervento del consiglio d'amministrazione della cooperativa "Solidarietà e Sviluppo", in merito al centro collettivo per migranti a Ponte a Serraglio, torna ad intervenire il gruppo di minoranza "Un futuro per Bagni di Lucca", per voce del capogruppo Claudio Gemignani e del consigliere Laura Lucchesi.

"Leggendo il comunicato del cda della Cooperativa Solidarietà e Sviluppo - esordiscono i due -, notiamo che non viene detto nulla di nuovo rispetto a quanto già annunciato da noi e dalle forze politiche in consiglio comunale".

"Chi ci accusava di fare terrorismo psicologico - affermano - viene smentito sonoramente. Chi dice che i migranti vengono spostati da una parte all'altra della strada, è vero solo in parte. Lì, dal territorio comunale, ne arriveranno altri. Anche da Fornoli e da Bagno alla Villa. Tre centri Cas accorpati in un centro collettivo. Nella casa al civico 18, 20, 22, 24, andranno 30 migranti circa, anche se il bando parla fino a 50. Quindi, chissà, in un futuro... Siamo ormai abituati a sorprese".

"Viene però omesso - spiegano i due consiglieri - che al Ponte rimarrà anche un'altra comunità di circa 10 migranti. Quindi una da trenta e una da 10. Si dice che la maggior parte dei migranti si conosce: il problema nasce dall'accorpamento delle varie comunità insieme. La conoscenza di una comunità con l'altra. Poi stiamo parlando dei migranti rientranti nel centro collettivo. E cosa sarà degli oltre 120 migranti della provincia che dovranno essere ricollocati? Di coloro che non rientrano nelle caratteristiche dei migranti che possono essere ospitati nei centri collettivi, ma che rientrano in quelli dei CAS?". 

"Ringraziamo la cooperativa - affermano Gemignani e Lucchesi - per aver sottolineato di aver incontrato nell'ultimo periodo solo il sindaco e il gruppo di opposizione Progetto Rinascimento. Durante il nostro incontro, molto cordiale tra l'altro, avvenuto con l'altra Cooperativa Partecipazione e Sviluppo, avvenuto nel settembre 2018, (vengono smentite le voci per cui siamo razzisti e non aperti al dialogo, quindi grazie anche per averlo pubblicamente comunicato), è risultato ben chiaro, ai rappresentanti di tale cooperativa, la nostra contrarietà ad alcuni progetti. Tra l'altro, per evitare speculazione politica dai soliti chiacchieroni manipolatori di discorsi con difficoltà di accettazione divergenze altrui, nel 2018, ovviamente, non si parlava ancora di centri collettivi, ma di Sprar. Al quale il nostro Comune aveva aderito e versi il quale la cooperativa si lamentava, guarda caso, perché non aveva vinto il bando. Quindi si è ben guardata dall'incontrarci ora". 

"Siamo altresì felici - proseguono - che finalmente si sia chiarito che l'adesione a tali progetti, centro collettivo, è meramente per scopo economico, per rientrare nelle spese. Così facendo viene appunto sottolineato che questa attività è, a parer nostro, di tipo lavorativo. E basta. La solidarietà, il volontariato, che speriamo venga fatto anche da chi ci ha accusato di essere i peggiori al mondo, è ben altra cosa. Siamo perplessi, e anche qui allora ci viene da dire che le nostre paure sono fondate, quando si dice "Non dovrebbero esserci problemi di convivenza".... A noi piaceva di più la frase "Non ci saranno problemi di convivenza". Siamo contenti che chi ci ha dato dei "poco dotati celebralmente", ora chieda collaborazione ed evidenzi che il clima del consiglio, di unità al "No al centro collettivo di Ponte a Serraglio", sia positivo". 

"Non scappiamo - concludono - dalla collaborazione e dall'aiuto, che ognuno di noi deve fare personalmente e liberamente. E soprattutto in modo gratuito e nel silenzio. Troviamo fuori luogo paragonare la nostra emigrazione all'attuale. Ripetiamo: no al centro collettivo a Ponte a Serraglio, no ai ghetti, no alle imposizioni, appoggio alle preoccupazioni degli abitanti di Ponte a Serraglio, sì alle considerazioni venute fuori dal consiglio, enunciate dal sindaco, scritte nel documento condiviso con le altre forze politiche".


Questo articolo è stato letto volte.


Directo Lucca


gesamgaseluce


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Bagni di Lucca


Prenota questo spazio


venerdì, 6 dicembre 2019, 15:34

"Addobbiamo il Natale", i commercianti si sfidano a colpi di... like

Per stimolare l'abbellimento delle vetrine il comune di Bagni di Lucca ha indetto un apposito contest, destinato ai commercianti e agli imprenditori del territorio


venerdì, 6 dicembre 2019, 13:24

"Cambiamo!" scende in piazza a Fornoli

Domenica 8 dicembre, in occasione della fiera dell'Immacolata Concezione si svolgerà a Fornoli, nel comune di Bagni di Lucca, si terrà il primo point informativo del neo-nato gruppo politico in provincia di Lucca "Cambiamo!" che vede come suo leader nazionale il presidente della Liguria Giovanni Toti


Prenota questo spazio


lunedì, 2 dicembre 2019, 20:17

Centro collettivo per migranti, parla la cooperativa: “Non possiamo fare diversamente”

Il consiglio di amministrazione della Cooperativa Solidarietà e Sviluppo interviene in merito all’ordine del giorno votato dal consiglio comunale di Bagni di Lucca circa l’apertura di un centro collettivo per richiedenti asilo a Ponte a Serraglio


lunedì, 2 dicembre 2019, 18:22

Agatha Christie a teatro

Venerdì 6 dicembre, alle 21, andrà in scena presso il Teatro Accademico di Bagni di Lucca "Tre Delitti", un trittico teatrale della regina del crimine


sabato, 30 novembre 2019, 00:13

Applausi ed emozioni: Bagni di Lucca omaggia i suoi campioni dello sport

Nella elegante location delle terme di Bagni di Lucca si è tenuto il primo partecipato Gran Galà dello Sport, organizzato dalla locale Pro Loco della cittadina termale


venerdì, 29 novembre 2019, 23:57

Dal consiglio un parere unanime: "No al centro collettivo per migranti a Ponte a Serraglio"

È stato votato all'unanimità un ordine del giorno in cui maggioranza e minoranza danno mandato al primo cittadino di comunicare al prefetto di Lucca la contrarietà del consiglio sulla sistemazione dei 40 profughi, già presenti in varie località del territorio comunale, in un unico centro di accoglienza nella piccola frazione...