Anno 3°

giovedì, 9 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Bagni di Lucca

Adamo Lucchesi: l'esploratore filantropo di Pieve di Monti di Villa

giovedì, 20 febbraio 2020, 11:27

Sabato scorso nei locali della biblioteca di Bagni di Lucca, l'architetto Pietro Biagioni, direttore della fondazione Paolo Cresci di Lucca ha presentato il libro: Adamo Lucchesi – l'esplorazione del Gran Chaco e i suoi pionieri della professoressa Ave Marchi.

Dopo i saluti istituzionali dell'Assessore alla cultura Antonio Bianchi, del presidente della fondazione Cresci, dott. Alessandro Bianchini, e del Presidente della fondazione Michel de Montaigne prof. Marcello Cherubini, l'Architetto Biagioni ha tracciato il profilo di un giovane nato il 18.02.1855 a Pieve di Monti di Villa, passato attraverso l'esperienza del Seminario, che all'età di 16 anni lascia l'Italia dal Porto di Genova per raggiungere Buenos Aires.

La lettura di alcuni libri di viaggi e il fascino dell'ignoto, lo convincono a prendere la decisione di emigrare. All'inizio la sua nuova vita fu una delusione, ma il suo spirito avventuroso lo portò ben presto ad interessarsi alle foreste, a riconoscerne la flora e la fauna e ad imparare la lingua spagnola. Capì l'importanza di sfruttare quelle foreste e della coltivazione di una pianta chiamata yerba mate dalle cui foglie si ottiene il tè del Paraguay. Effettuò diverse spedizioni alla scoperta del fiume Paraná e dei suoi affluenti e attraverso mille rischi entrò in contatto con diverse tribù indigene.

Passò quindi alle dipendenze di Don Carlos Casado per il quale lavorò alla ricerca di un legno durissimo ricco di tannino ed alla coltivazione della canna da zucchero. Decise quindi di mettersi in proprio ad Asunción dedicandosi al taglio e all'esportazione del legname ed alla piantagione della yerba mate.

Rivenduta l'attività, il Lucchesi rientrò in Italia nel 1906 a 51 anni. Grazie alla discreta ricchezza accumulata, dimostrò una notevole sensibilità per le opere di beneficenza fino alla costruzione di una scuola a Pieve di Monti di Villa, che intitolò a Giuseppe Mazzini, per dare un'istruzione ai ragazzi del posto. Andò ad abitare quindi a Viareggio dove morì il 7.1.1940 all'età di 85 anni. È sepolto a Ghivizzano, paese di origine della madre, dove sul monumento funebre, opera di E. Petroni, volle che fossero evidenziati gli attrezzi da lui utilizzati nei suoi viaggi nella foresta ovvero un machete e un'accetta.

La seconda parte del pomeriggio è stata gestita dal dott. Andrea Bruschini di Granaiola che nel 2018 con gli amici Carlotti Andrea, Grossi Bruno e Ori Alessandro ha trascorso un periodo nei luoghi esplorati dal Lucchesi.

Arrivati in aereo ad Asunción capitale del Paraguay, hanno trovato da subito difficoltà negli spostamenti in un territorio scarsamente abitato se non lungo le sponde del Paraná e del Paraguay e dei loro affluenti. Per raggiungere al nord la regione dell'alto Paraguay hanno quindi dovuto utilizzare un aereo militare ed infine una lancia. Arrivati a Porto Casado, cittadina fondata dal Lucchesi nel corso delle sue esplorazioni, sono stati ricevuti dalla Sindaca alla quale hanno consegnato una targa dell'Amministrazione Comunale di Bagni di Lucca e un raro libro scritto dal Lucchesi stesso e pubblicato nel 1936. Con l'occasione hanno anche visitato le famose cascate Iguazú visitate anche dal Lucchesi, la riserva naturalistica del Pantanal e per ultimo i ruderi degli edifici testimoni dell'opera di evangelizzazione dei Padri Gesuiti verso le tribù indigene. Il ritorno è avvenuto con una barca, adibita anche a mercato viaggiante, lungo il Paraná dovendosi anche riguardare dalle malattie infettive tropicali trasmesse dalle zanzare.

Il numeroso pubblico presente è uscito alla fine pienamente soddisfatto per aver conosciuto la storia di questo concittadino che ha onorato l'Italia nell'America del Sud.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

gesamgaseluce

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Bagni di Lucca


Prenota questo spazio


mercoledì, 8 aprile 2020, 17:57

Un nuovo caso positivo a Bagni di Lucca

E' giunta pochi minuti fa, al sindaco Paolo Michelini, la comunicazione di un nuovo caso di positività nel comune di Bagni di Lucca


mercoledì, 8 aprile 2020, 14:11

Colombe pasquali artigianali alle famiglie in difficoltà: l'amministrazione ringrazia Annalisa Bianchini

In questi giorni è iniziata la distribuzione dei buoni alimentari alle famiglie in difficoltà economica nel comune di Bagni di Lucca. Insieme ai voucher, vengono consegnate delle colombe pasquali artigianali, prodotte e gentilmente offerte da Annalisa Bianchini, titolare del Bar Italia a Ponte a Serraglio


Prenota questo spazio


mercoledì, 8 aprile 2020, 09:37

Emergenza Coronavirus, Un futuro per Bagni: "Su tasse e imposte l'amministrazione deve fare di più"

Il consigliere di opposizione Claudio Gemignani, a nome del gruppo "Un futuro per Bagni di Lucca", interviene con alcune considerazioni in merito all'emergenza legata al covid-19


martedì, 7 aprile 2020, 17:37

Coronavirus, sette persone positive a Bagni di Lucca

Brutte notizie dal comune di Bagni di Lucca. Il primo cittadino Paolo Michelini ha annunciato l'esito di alcuni tamponi: purtroppo sette persone sono risultate positive


martedì, 7 aprile 2020, 11:20

Auser Bagni di Lucca: iniziata la consegna dei pacchi alimentari

Sempre più famiglie si stanno rivolgendo all'associazione in questo periodo di forte crisi economica, dovuta all'imperversare della pandemia da covid-19, che già messo in ginocchio la popolazione


lunedì, 6 aprile 2020, 19:10

Michelini: "Fatti alcuni tamponi, attendiamo i risultati"

Anche oggi nessuna segnalazione di nuovi casi positivi o quarantene nel territorio comunale di Bagni di Lucca. La situazione rimane quindi stabile da tre giorni