Anno 3°

domenica, 5 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Bagni di Lucca

Caso Glaentzer: dimezzata la pena al prete accusato di pedofilia

giovedì, 25 giugno 2020, 19:11

di giuseppe bini

Per l'ex parroco, agli arresti domiciliari a Fabbriche di Casabasciana, frazione del comune di Bagni di Lucca, arriva la sentenza della Corte d'Appello, che dimezza letteralmente la pena inflitta dal tribunale di primo grado: da 4 anni e 4 mesi a 2 anni e 2 mesi.

Paolo Glaentzer, ridotto allo stato laicale per decisione di Papa Francesco nel febbraio scorso, era stato condannato nel marzo del 2019 a quattro anni e quattro mesi di reclusione per violenza sessuale su una bambina di 10 anni, nel giudizio svoltosi davanti al gup di Prato.

Dopo l'assegnazione agli arresti domicialiari, il sacerdote aveva scelto l'abitazione del paese di Fabbriche di Casabasciana, in una casa di proprietà del fratello. L'arrivo nel paese aveva suscitato proteste e preoccupazione anche se, poi, di fatto, Glaentzer non si vede praticante mai, come fosse un fantasma.

Con il passare del tempo le proteste si sono affievolite, ma intanto le vicende giudiziarie sono andate avanti, fino alla sentenza della Corte di Appello, emessa due giorni fa (martedi 23 giugno) in cui si dimezza l'entità della reclusione, ottenuta con il rito abbreviato, per effetto del riconoscimento delle attenuanti generiche prevalenti sull'aggravante.

La sentenza ha altresì confermato i risarcimenti di parte civile, prevedendo una provvisionale di 50 mila euro in favore della bambina, e di 2 mila 500 euro ciascuno ai genitori, esclusi da questo tipo di risarcimento nella sentenza di primo grado.

L'ex prete era stato arrestato il 23 luglio 2018 dopo essere stato trovato in atteggiamenti inequivocabili in auto con la bambina. I carabinieri dovettero di fatto intervenire per salvare il religioso dalla rabbia delle persone accorse sul posto. Era stato immediatamente sospeso dalla curia fiorentina dal suo incarico nella chiesa della frazione di Sommaia a Calenzano.

Durante gli interrogatori il sacerdote aveva ammesso di essersi appartato più volte con la bambina, di cui frequentava anche l'abitazione dei genitori.




Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

gesamgaseluce

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Bagni di Lucca


Prenota questo spazio


domenica, 5 luglio 2020, 09:43

Iniziano i lavori di messa in sicurezza dei due ponti danneggiati a Botri

Cominceranno domani i lavori di sistemazione e di messa in sicurezza dei due ponti danneggiati a Botri, i quali permettono la viabilità da Montefegatesi a Tereglio. La ditta esecutrice è la Lunardi Movimento Terra srl


venerdì, 3 luglio 2020, 10:56

Effetto Covid: annullata la "Tavolata in piazza" a Gombereto

Le misure ristrettive dovute all'emergenza sanitaria, nonostante le fase tre sia ormai in corso, non consentono la realizzazione della festività e hanno costretto gli organizzatori ad annunciare l'annullamento dell'evento


Prenota questo spazio


venerdì, 3 luglio 2020, 10:04

Otto passeggiate estive a Bagni di Lucca

La Fondazione Culturale Michel de Montaigne e l'assessorato alla cultura del comune di Bagni di Lucca organizzeranno per i mesi di luglio e agosto otto Passeggiate Estive a Bagni di Lucca fra arte, storia e paesaggio, alle quali potranno partecipare i turisti italiani e stranieri interessati, ma anche concittadini curiosi...


mercoledì, 1 luglio 2020, 10:00

La bidella va in pensione: bimbo delle elementari le scrive una lettera

Tenero risvolto della scuola ai tempi del Covid, che riguarda le primarie del plesso di Bagni di Lucca, dove una bidella è andata in pensione ma a causa della chiusura dovuta alla pandemia i bimbi non hanno potuto nemmeno salutarla


mercoledì, 1 luglio 2020, 09:18

Creata una zona wi-fi gratuita a Bagni di Lucca

E' stata creata una zona wi-fi gratuita a Bagni di Lucca per gli edifici dell'ente e delle piazze antistanti che sarà attiva da oggi (1 luglio). Il comune ha partecipato al bando europeo denominato "Wifi4Eu" arrivando tra i primi ed aggiudicandosi il contributo di 15 mila euro


martedì, 30 giugno 2020, 12:13

Un Futuro per Bagni di Lucca: "Basta con la caccia alle streghe"

Il gruppo consiliare Un Futuro per Bagni di Lucca torna a parlare con una diretta facebook, lo stesso modus operandi che tanto ha infastidito l'amministrazione negli ultimi tempi, ed invita il sindaco a garantire un consiglio comunale civile e rispettoso