Anno 3°

domenica, 24 marzo 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Barga : fornaci di barga

Lime, dichiarate fallite le ex officine Kme

giovedì, 10 gennaio 2019, 09:34

Si è conclusa nel peggiore dei modi la vicenda dell’ex Kme divisione Lime di Campo Tizzoro. Con la sentenza del Tribunale di Lucca del 28 dicembre 2018 la Lime Italy SpA, a cui Kme Italy aveva ceduto le Officine Lime, è stata dichiarata fallita.

Si chiude così il capitolo Lime, storica azienda metalmeccanica nata negli anni 80 a Limestre Pistoiese per volere di Luigi Orlando. L'azienda, che faceva parte di Kme Italy spa era stata ceduta dalla stessa il 17 febbraio 2016 ad una società, Luxmen Group, costituita il 2 maggio 2013 con sede a Grosseto e di fatto controllata da una finanziaria con sede in Inghilterra, che fino a quel momento era praticamente inattiva. Il 1° marzo 2016 iniziava l'attività della nuova società gestita in modo non ufficiale da un ben noto imprenditore garfagnino molto conosciuto in vallata e reduce da un precedente fallimento che sicuramente non riponeva fiducia nei dipendenti, infatti i problemi, e vessazioni iniziarono subito, problemi che sfociarono con la richiesta di messa in mobilità di 18 dipendenti su 24, che si materializzò con conciliazione e licenziamento dei 18 alla fine del 2016.

Per i sei rimasti, due dei quali coinvolti in pieno nel progetto della joint-venture tra Kme ed una società cinese per la realizzazione di uno stabilimento in Cina si prospettavano tempi difficili visto che non c'erano sufficienti risorse umane ma nonostante questo furono portati avanti diversi progetti. La speranza dei rimasti era quella di essere riassunti in Kme Italy visto anche che in buona parte svolgevano attività per la stessa, speranze rimaste vane.

Nel corso del 2017 si accentuarono i problemi economici dell'azienda che nonostante gli introiti derivanti dal progetto “Cina” e dagli altri lavori portarono al mancato pagamento degli stipendi ai dipendenti e al mancato pagamento dei ratei stabiliti in fase di conciliazione per gli ex dipendenti per non parlare dei debiti verso i fornitori. Ma le sorprese non erano ancora finite perchè a fine estate l'azienda comunicò ai sindacati l'intenzione di licenziare altri 2 dipendenti, uno dei quali il 10 novembre 2017 si tolse la vita. Altri due decisero che era l'ora di farla finita e dopo conciliazione furono messi in mobilità alla fine di febbraio 2018.

Per i tre rimasti a quel punto era questione di tempo ed infatti alla fine di giugno furono licenziati per cessata attività. Con la sentenza di fallimento la speranza dei dipendenti e degli ex è quella di potere avere accesso al fondo di solidarietà dell'Inps per recuperare parte degli stipendi e del Tfr e dei contributi al fondo Cometa che l'azienda per tutto il periodo di attività aveva detratto dalle buste paga ma non aveva mai versato.

Il rammarico più grande per la maggior parte dei dipendenti è quello di aver assistito alla fine della propria azienda, che ricordiamo faceva parte di un colosso industriale, nel silenzio generale di sindacati, politici locali, e istituzioni, ma soprattutto da Kme Italy; come che se la fine fosse stata

già sentenziata il 30 ottobre 2015 a Firenze quando fu firmato l'accordo tra le parti avvallato da una pseudo consultazione tra i dipendenti che nell'occasione erano in buona parte in trasferta all'estero senza che ci fosse un reale confronto faccia a faccia tra di loro.

A questo punto ai dipendenti per poter recuperare i loro stipendi non rimane altro che attendere l’esito della procedura fallimentare.


Questo articolo è stato letto volte.


Prenota questo spazio


Directo Lucca


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Barga


sabato, 23 marzo 2019, 08:44

Feniello: "Referendum su pirogassificatore, a che scopo?"

Così il candidato sindaco Francesco Feniello, della lista civica "Progetto Comune", sull'annuncio del primo cittadino di Barga, Marco Bonini, di volere dare subito il via all'iter burocratico per arrivare ad una consultazione popolare sul pirogassificatore nel suo comune


venerdì, 22 marzo 2019, 11:22

Il disegnatore barghigiano Simone Togneri a Lucca Collezionando

Simone Togneri (postazione A17) è il vincitore dell'edizione 2017 di "Vignette sul Ring", direttamente dal suo "Altrove" con i personaggi delle sue strisce tra cui "Minimum Leader", ispirato al dittatore nord coreano Kim Jon Un, e pubblicate sulla rivista Buduàr (dove ha anche firmato la copertina del numero di settembre...


Prenota questo spazio


venerdì, 22 marzo 2019, 10:10

La Libellula: "Osservazioni su pirogassificatore, giunta rifletta su carenze e pericolosità rilevate"

Il gruppo "La Libellula" interviene a seguito della pubblicazione, sul sito della regione, delle osservazioni, dei pareri e contributi al progetto presentato dall'azienda Kme di Fornaci di Barga


giovedì, 21 marzo 2019, 22:28

Mastronaldi: "Pirogassificatore, referendum ha senso solo se esteso a tutti i comuni"

Alla luce delle ultime affermazioni in consiglio comunale del sindaco Marco Bonini riguardo un referendum sul pirogassificatore nel territorio di Barga, il candidato sindaco e consigliere Luca Mastronaldi, che già quasi un anno fa aveva proposto questa iniziativa, esprime la propria opinione sull'argomento che tocca da vicino la lotta contro...


giovedì, 21 marzo 2019, 22:24

Consiglio, tiene banco la questione palazzetto dello sport

Come punto fondamentale all’ordine del giorno è stato discusso dal consigliere di maggioranza Pietro Onesti il tema delle gestioni finanziarie nel comune


giovedì, 21 marzo 2019, 22:00

Pirogassificatore, Bonini propone un referendum sul territorio comunale

L’idea di un referendum non è nuova, già venne richiesto circa un anno fa dal consigliere di minoranza Luca Mastronaldi, ma questa volta l’iniziativa parte effettivamente dalle istituzioni e potrebbe quindi effettivamente vedere la luce


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio