Anno 3°

giovedì, 27 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Barga

Premio Arrigo Benedetti nel segno di Nazareno Giusti

sabato, 13 aprile 2019, 16:41

di tommaso boggi

Un premio Arrigo Benedetti dedicato alla memoria di Nazareno Giusti quello di stamani presso il palazzo Pancrazi di Barga. Nazareno ha lasciato i suoi cari ad appena 29 anni e la sua perdita ha segnato l’intera comunità barghigiana, visto il suo impegno in moltissimi progetti ed il suo profondo radicamento nel territorio, nonostante venisse dal comune di Coreglia.

“Stamattina permettetemi di introdurre questo evento, purtroppo, in un altro modo – ha esordito il sindaco di Barga Marco Bonini - pochi giorni fa un nostro amico, un ragazzo di 29 anni legato al nostro territorio ed al giornalismo storico, che collaborava con diverse testate locali, ci ha lasciato. Voglio esprimere alla famiglia di Nazareno la vicinanza del comune e della comunità tutta".

Il primo cittadino passato poi la parola al colonnello Vittorio Biondi, che ha parlato di questo ragazzo e di quanto abbia dato in ogni campo in cui si sia messo in gioco. “Era un ragazzo della Valle del Serchio - ha ricordato Biondi -, un poliziotto, un pubblicista, ed un giornalista storico che ha scritto articoli svariati su ogni tema, scrupolosissimo, attento, una penna di grande fluidità ed efficacia oltre che un grande disegnatore che ha dato alla luce dei quadri stupendi”.

Il colonnello Biondi ha poi raccontato: "Nazareno, nelle storie che raccontava, cercava sempre l'eroe buono, qualcosa che deriva probabilmente dal fatto di essere figlio a sua volta di un poliziotto, era un ragazzo che viveva la storia”

Nazareno Giusti, tra i vari libri che già aveva pubblicato, poteva annoverarne uno ad esempio su Guido Rossa, operaio e sindacalista che lavorava a Genova e che venne ucciso dalle brigate rosse per averne denunciato la presenza nel sindacato alla polizia. Un secondo libro invece è legato alla storia di un poliziotto italiano: Giovanni paladucci: che salvò svariati ebrei a Fiume, operando in maniera sotterranea per salvare queste famiglie. Biondi ha infine concluso il suo intervento dicendo: “Nazareno era una persona di una vitalità incredibile ed il vuoto che ci lascia è terribile. Lancio un messaggio dal cuore: a noi, i tuoi amici, non interessa perché lo hai fatto, a noi dispiace che tu l'abbia fatto”.

La parola è poi passata a Stefania Giovannetti che è entrata nel merito del premio e del suo valore scolastico: “Le scuole hanno risposto al nostro appello in tutti questi anni con una qualità sempre più alta: gli articoli scritti quest'anno sono infatti scritti in un italiano molto corretto e densi di significato”.

Presente anche il senatore Andrea Marcucci che ha parlato dell’attuale situazione italiana: “Un momento difficile per questo paese - ha sottolineato -, dove il giornalismo vive un momento di ripensamento. La libertà di stampa sia essenziale in una democrazia, un giornalista serve da stimolo, da pungolo e da controllo, questo lo dobbiamo sempre aver presente”.

La prima giornalista professionista premiata quest’anno è stata Concita De Gregorio, editorialista di Repubblica ed ex direttore dell’Unità, che ha ricordato con affetto Barga: "Ho cominciato la mia carriera dalla redazione di Lucca del Tirreno, più di trent'anni fa, ed è qui che ci siamo fatti qui le ossa”. De Gregorio ha poi voluto ricordare anche lei un amico scomparso di recente: Angelo Aquaro, 53 anni, vicedirettore di Repubblica, “Angelo era sicuramente la persona più generosa, libera e aperta con cui ho lavorato a Repubblica” ha detto la giornalista. L’editorialista ha quindi parlato del mestiere del giornalista ai ragazzi, descrivendo l’importanza del “farsi le ossa” partendo proprio dalle piccole realtà provinciali, affermando come questo mestiere deve essere al servizio dei governati non dei governanti, mentre alla domanda su come si faccia ad essere “giornalisti liberi” ha risposto: “Come si fa a essere liberi in questo mestiere? Studiare tanto, perché l’unico potere autentico in questo mondo è la conoscenza”.

La seconda ad essere premiata è stata invece Costanza Spocci, giornalista freelance che ha scritto per diverse testate italiane ed internazionali, esperta di movimenti radicali si è affermata come una delle migliori firme dal medio oriente seguendo in prima persona le “primavere arabe”. Spocci ha parlato a sua volta del suo mestiere ai ragazzi evidenziando però come sia ormai difficile portarlo avanti viste le enormi difficoltà economiche che questo lavoro comporta: “Ho conosciuto molti ragazzi che sarebbero potuti diventare i nuovi Arrigo Benedetti – ha detto la giovane freelance - ma che per arrivare a fine mese hanno dovuto smettere di scrivere, giornalisti che per fare un pezzo che magari costa loro giorni o settimane se non di più devono trovarsi più lavori, arrivando poi ad ottenere a volte cento euro”.

È giunto infine il momento di premiare le due giovani, tra le classi provenienti da tutte le scuole della Valle del Serchio e dell’ISI Piana di Lucca che hanno partecipato, distinguendosi con i loro lavori: Viola Pieroni con “L’Italia non chinerà il capo, ancora” e Alice Pini con “Ofelia, da Shakespeare a Guccini, un viaggio attraverso i secoli”.


Questo articolo è stato letto volte.


Prenota questo spazio


Directo Lucca


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Barga


mercoledì, 26 giugno 2019, 11:51

Tralerighe di Barga, tanti ospiti per il festival letterario

L'anteprima è affidata a Romano Zipolini con la storia del padre "marinaio" che partito da Barga ha vissuto i fatti della grande storia durante il secondo conflitto mondiale, e che oggi rappresenta un punto di riferimento


martedì, 25 giugno 2019, 14:07

Si presenta il progetto "Aria di ricerca in Valle del Serchio"

Il 1° luglio alle 21, presso l'aula Magna dell'I.S.I. Barga, in via dell'Acquedotto 18, verrà presentato il progetto "Aria di ricerca in Valle del Serchio"


Prenota questo spazio


lunedì, 24 giugno 2019, 10:07

"Vignette sul ring": acclamato il barghigiano Simone Togneri

Simone Togneri di Barga ha vinto il premio della giuria popolare di "Vignette sul Ring". Inoltre grazie alla vendita di 12 disegni realizzati live il pomeriggio di domenica in piazza Ricasoli, tra cui quello di Simone Togneri (battuto a 200 euro), sono stati raccolti 1.350 euro che La Magione del...


lunedì, 24 giugno 2019, 08:49

Festa di Pegnana, sotto i castagni tavoli imbanditi e buona cucina

Sta per prendere il via con tante iniziative la “Festa di Pegnana”, un classico per Barga e dintorni che attira centinaia di persone ogni anno e che sempre di più si sta affermando a livello locale ma non solo.


domenica, 23 giugno 2019, 13:38

Partita la stagione al Tweener Club Barga: sabato inaugurazione ufficiale

E’ partita a pieno ritmo la stagione estiva al circolo di tennis di Barga con l’apertura dei due campi in terra rossa. Con la nuova gestione di ASD Tweener Club Barga guidata dal presidente Marco Passarini tante novità per tutti che saranno presentate ufficialmente sabato 29 giugno a partire dalle...


domenica, 23 giugno 2019, 10:54

Ultima serata del Magione Beer Art Festival

Alle ore 17:00 l'apertura degli stand gastronomici e dei sette birrifici artigianali presenti in piazza: da Buti ilBirrificio di Buti; da Ponte a Moriano il birrificio Bruton; da Cenaia J63; da Pisa La Gilda dei Nani Birrai; da Livorno il Piccolo Birrificio Clandestino; da Piazza al Serchio La Petrognola e da Montecarlo Toptà


Ricerca nel sito


ennebicomputers


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio