Anno 3°

lunedì, 10 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Barga

Campo di atletica, i giovani: "Un impianto non all'altezza"

mercoledì, 11 settembre 2019, 10:19

“È come quando una casa cade per un terremoto: non puoi ripartire dalle pareti, se sono le fondamenta ad aver causato il danno”: così si sono espressi alcuni ragazzi del Gruppo Marciatori Barga, in merito alle condizioni dell'attuale “impianto" di atletica adiacente alle scuole medie e superiori.

Difatti, nonostante l'inaugurazione del complesso si collochi abbastanza indietro nel tempo, tutti gli adattamenti e le modifiche successive (atte a ristrutturarlo affinché fosse praticabile come campo di allenamento anche per le categorie dei più “grandicelli") sono state spesso inconcludenti, apportando cambiamenti che andavano a migliorare momentaneamente la situazione che poi inevitabilmente tornava al punto iniziale.

Oltre alla zona sottostante in cui si trova un ex campo da basket ormai impraticabile (essendo privo di tabelloni e avendo l'asfalto totalmente corroso dalle erbacce) ed il più conosciuto campo da calcetto del “Cancellone" (che però versa in condizioni nettamente migliori, nel complesso), il rettilineo e gli annessi per l’attività atletica dovevano comporre un complesso dedicato allo sport, che oggi purtroppo è quasi totalmente abbandonato a se stesso, per quanto riguarda la cura e la manutenzione: parlando con i ragazzi che qui si allenano 12 mesi l'anno, si è capito che il problema non è solo ciò che non viene fatto, ma ciò che viene fatto in modo sbagliato, non rispettando appunto le necessità di quella che ora è la sede degli allenamenti di oltre 50 ragazzi, partendo dai più piccoli fino a ragazzi oltre i 18/19 anni.

“Partendo dalla pista – viene spiegato -, che già è in asfalto e quindi non è propriamente adatta per gli allenamenti di corsa, è lunga solo 70 metri: i ragazzi fino ai 13 anni corrono 60 metri, poi la misura si allunga e va a 80 e poi 100. Chi si allena su queste discipline, deve andare oltre la fine del rettilineo, prima nell'erba e poi facendo una salita, oppure tornare indietro. Per non parlare dei fondisti e dei mezzofondisti (distanze da 400 metri in su): loro per correre devono obbligatoriamente scendere per Barga, costeggiando spesso in gruppo anche strade trafficate. Per i ragazzi che fanno lungo, fortunatamente, la pista di rincorsa è stata ampliata, ma è poco adatta per il triplo (che è già una disciplina molto usurante per le ginocchia, e fatta sull'asfalto ancora di più).”

Andando oltre, viene sottolineato anche come sia difficile in particolar modo per le categorie dei lanci e per il salto in alto, non avendo in un caso abbastanza spazio materiale, nell’altro proprio una pedana dove utilizzare le scarpette. Basti pensare alle neocampionessa italiana di salto in alto Idea Pieroni, o a lanciatori che negli anni scorsi hanno avuto un gran rilievo nazionale, come Edoardo Bertolli, Tommaso Boggi e Viola Pieroni, nei due primi casi purtroppo a causa della mancanza di un campo di allenamento che poteva appunto “contenere" i loro lanci si sono dovuti spostare altrove.

Per non parlare delle condizioni della palestra: fatiscente, pareti con buchi di varie dimensioni e soffitti perlopiù ricoperti di muffe e in particolare ragnatele. Spogliatoi indecenti, ripostiglio senza scaffali né niente per riporre in modo corretto gli attrezzi, due soli macchinari per la pesistica, per cui spesso ci si inventa nuovi modi per potersi allenare in modo equilibrato.

“Perché forse – viene detto - non si tratta tanto di non avere strutture, tanto quanto di non avere nessuno che ci aiuti a mantenerle utilizzabili: ora hanno tagliato l'erba e pulito un po', ma fino a poco fa per recuperare gli attrezzi lanciati nel campo eravamo costretti a entrare tra le sterpaglie. Ci sono costantemente rifiuti, e le macchine parcheggiano nel campo dove corriamo e lanciamo, quindi spesso ci ritroviamo tutti ad allenarci in un piccolo spazio.”

Tutto questo dovrebbe far riflettere molto: tra problemi strutturali e molte difficoltà, sono molti i giovani che trovano una valvola di sfogo e di relax attraverso lo sport, e per questo bisognerebbe avere maggior attenzione anche nel lasciare a questi ragazzi una possibilità di potersi allenare in modo idoneo e sicuro, avendo a disposizione attrezzi, perché spesso è istruttivo anche solo il sapersi adattare con ciò che si ha, ma a volte va a sfociare nella miseria. Visto che si parla oggigiorno troppo spesso di salute e “healty lifestyle", gli atleti dovrebbero essere i primi, seguiti poi anche dai genitori, per lottare e richiedere giustamente uno spazio dove ci si possa divertire e ritrovare, per stare sani ed in allenamento.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

Directo Lucca

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Barga


domenica, 9 agosto 2020, 10:08

BargaJazz Contest 2020, i gruppi in concorso

Selezionati i quattro gruppi finalisti per il BargaJazz Contest 2020, il concorso dedicato ai gruppi emergenti che vede ogni anno la partecipazione di giovani provenienti da tutta Italia


sabato, 8 agosto 2020, 16:41

Focolaio a Fornaci, Asl: "Messe in atto tutte le misure per contrastare il contagio"

L'Azienda Usl Toscana nord ovest conferma di aver individuato un cluster familiare di “Covid-19” nel comune di Barga, come anticipato stamani dal primo cittadino, e di essersi subito attivata per circoscrivere il contagio


Prenota questo spazio


sabato, 8 agosto 2020, 12:50

Coronavirus, scoperto focolaio a Fornaci: positiva una famiglia marocchina

Purtroppo i nuovi casi di coronavirus crescono nel comune di Barga. É stato scoperto un cluster, un nuovo focolaio in provincia di Lucca, che interessa al momento cinque persone: una famiglia marocchina residente a Fornaci di Barga


sabato, 8 agosto 2020, 12:24

Inaugurato Il Folletto di Jessica Barbi: un sogno che continua

Una giornata emozionante, di fermento e di comprensibile curiosità a Barga, precisamente in via Largo Emilio Biondi 1, dove questa mattina è stata inaugurata la nuova gestione del negozio-cartoleria precedentemente gestito e capitanato da Erina Rossi


giovedì, 6 agosto 2020, 15:39

A Barga si presenta il libro di Stefano Elmi

Stasera alle ore 19:30, sulla terrazza del locale “Shamrock Irish Pub" di Barga (viale Marconi) si terrà la presentazione del libro “In Alaska fa caldo. Il Nord, la Bicicletta e Jack London", a cura dello scrittore e giornalista barghigiano Stefano Elmi


giovedì, 6 agosto 2020, 10:31

Rsa, “Sereni Orizzonti” offre lavoro a infermieri e Oss

AAA cercasi con urgenza in tutta Italia almeno un centinaio di infermieri e operatori sociosanitari da impiegare nelle strutture del gruppo “Sereni Orizzonti”, azienda leader in Italia nella costruzione e gestione di residenze sanitarie assistenziali per anziani non autosufficienti


Ricerca nel sito


ennebicomputers


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio