Anno 3°

mercoledì, 13 novembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Barga

Pulito l'antico percorso per raggiungere le cave medicee del diaspro di Barga

mercoledì, 16 ottobre 2019, 15:17

Francesco Feniello, consigliere di "Progetto Comune", e Nicola Fontanini, del club motociclistico di Barga, guidati dallo storico Emilio Lammari, hanno effettuato la pulizia dell'antico percorso per raggiungere le cave medicee del diaspro di Barga.

Ripristinato un percorso alternativo in località Buvicchia per raggiungere la cava detta “Palazzetto”. Detto percorso è situato nelle vicinanza della via del Volto Santo e quindi potrebbe rappresentare una tappa per i turisti che la percorrono al fine di riscoprire il grande valore storico-culturale che dette cave rappresentano. Infatti, il Diaspro di Barga e' stato utilizzato per decorare le Cappelle Gentilizie Medicee della Basilica di San Lorenzo a Firenze. Fu Cosimo I de' Medici a voler realizzare la struttura che sarebbe servita a perpetuare la memoria della dinastia dei Medici. Oltre che all'interno delle Cappelle Gentilizie, esiste ancora una discreta quantità di diaspro nell'Opificio delle pietre dure, sempre a Firenze. L'Opificio, voluto da Ferdinando I de' Medici, era il laboratorio artigianale che si occupava materialmente di rifinire il diaspro per poterlo poi utilizzare nelle Cappelle Gentilizie.

Grazie ad alcuni registri di consegna e' possibile seguire idealmente il tragitto del Diaspro da Barga fino a Firenze. La 'Via del diaspro' iniziava nelle cave lungo il corso del torrente Loppora di Giuncheto. Una volta estratti, i blocchi di diaspro venivano trasportati fino al fiume Serchio, l'antica via fluviale. Da qui a bordo di foderi (zattere fatte con tronchi di legno) raggiungevano l'Arsenale Marittimo di Pisa dove venivano semi-lavorati con l'impiego di schiavi turchi. Successivamente i navicellai si occupavano di risalire l'Arno con il loro prezioso carico fino al Porto Maggiore di Signa e da qui, via terra, il diaspro raggiungeva l'Opificio delle Pietre Dure a Firenze per la lavorazione finale.

Attualmente, le cave di Barga sono ancora molto ricche di diaspro. Questo nobile materiale, si presenta in superficie con filoni che affiorano dalle pareti rocciose di varie inclinazioni, spessore, colore e qualità. Il trio, armato di buona volontà e di motoseghe, ha rimosso le piante cascate ed i rovi che ostruivano il passaggio.

Le foto testimoniano l'arrivo presso la cava denominata “Palazzetto” raggiunta con non poche difficoltà incontrate lungo il percorso. L'impegno futuro è quello di installare idonea segnaletica per permettere ai turisti interessati di poter visitare detti siti. Viste le difficoltà del percorso sarebbe meglio effettuare visite guidate.


Questo articolo è stato letto volte.


Directo Lucca


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Barga


martedì, 12 novembre 2019, 17:06

Paola Marchi e il sufismo: "Il lato mistico dell'Islam"

“Nove Novelle Sufi”, questo il titolo del libro, tanto per grandi quanto per bambini, che verrà presentato alla Fondazione Ricci sabato 16 novembre alle ore 16 e 30. Paola Marchi ha raccontato la nascita di questo progetto ai microfoni della Gazzetta del Serchio


martedì, 12 novembre 2019, 16:19

Il mercatino da Forte dei Marmi a “Barga in Cioccolato”

L'evento è stato fortemente voluto dall’organizzatrice Michela Teghenec ed è stato reso possibile grazie alla collaborazione e alla totale disponibilità del presidente del mercatino Alessandro Mattei e del sindaco di Barga Caterina Campani, creando anche collaborazioni future su eventi nello stesso comune


Prenota questo spazio


martedì, 12 novembre 2019, 15:18

Barga in... marcia per la solidarietà

Sport e solidarietà, queste le parole d’ordine della marcia, valida per il Trofeo Podistico Lucchese, organizzata dal Gruppo Marciatori FIDAS Fornaci e patrocinata dal comune di Barga, che vedrà sabato 16 novembre scendere atleti e chiunque vorrà farlo per le strade del comune in un’iniziativa non competitiva per finanziare la...


lunedì, 11 novembre 2019, 15:45

Successo per la conferenza del dottor Manuele Bellonzi

Si è tenuta sabato 9 novembre alla Fondazione Ricci di Barga la conferenza del dottor Manuele Bellonzi, dal titolo: Due medici toscani del Settecento e i rapporti con la cultura britannica: il mugellano Antonio Cocchi e Michelangelo Giannetti da Barga


sabato, 9 novembre 2019, 21:17

Aria di ricerca all'Isi Barga: una serata di scienza con cittadini e ricercatori

“Aria di ricerca in Valle del Serchio”: questo il nome della serata dedicata all’etica della ricerca scientifica nell'epoca della scienza “per e dei cittadini" che si è svolta stasera, alle 18, presso l'aula magna dell’Isi Barga


sabato, 9 novembre 2019, 08:34

Dibattito sulla sanità a Fornaci: tra carenza di personale e taglio dei servizi

Si torna a parlare di sanità pubblica in Valle del Serchio. Ieri sera, nella sala sopra la sede distaccata del comune di Barga, all’interno dello stabile della stazione di Fornaci, si è tenuto infatti un interessante dibattito sul tema, organizzato dal Comitato per l’Attuazione della Costituzione Valle del Serchio


Ricerca nel sito


ennebicomputers


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio