auditerigi

Anno 3°

giovedì, 28 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Barga

"Questa emergenza ha incrementato i casi di violenza domestica"

mercoledì, 25 novembre 2020, 16:08

di viola pieroni

Questo novembre si è colorato di arancione grazie al lavoro della commissione pari opportunità del comune di Barga, che si è impegnata per sensibilizzare la comunità in prospettiva della giornata contro la violenza sulle donne: a maggio fu promossa una rubrica dal nome “parità di genere nel linguaggio lavorativo" mentre in questo mese (sempre via social) con due appuntamenti a settimana, la pagina Facebook della commissione si è riempita di vari post contenenti informazioni utili sulle forme di violenza, sui dati e sui contatti necessari in caso di pericolo, curati dalle donne della commissione.

“Il nostro obiettivo era quello di colorare il comune di arancione (anche attraverso il dialogo con i commercianti) ed inoltre abbiamo avuto un enorme riscontro online ad esempio con l'inserzione per l'immagine profilo Facebook “Io dico no alla violenza sulle donne" che è stata condivisa molteplici volte, anche fuori comune.” Queste le parole di Beatrice Balducci, consigliere comunale con delega alle pari opportunità, che poi continua spiegando; “Un’altra iniziativa molto carina è stata quella del collage con foto di membri della commissione pari opportunità e dell’amministrazione comunale, ritratti con gadget quali borracce e porta mascherine con i contatti del centro antiviolenza (1522) che possono essere richiesti per email a cpo.barga@gmail.com o per whatsapp al 347 2590283.”

Come ci tiene a ricordare Beatrice, il numero è contattabile 24 ore su 24 e all’altro capo del telefono vi sono solo operatrici specializzate. “Dobbiamo far capire alle donne che non sono mai sole - conclude - anche perché questa emergenza ha incrementato in modo preoccupante i casi di violenza domestica.”

Secondo i dati ISTAT infatti il numero antiviolenza e stalking 1522, attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno, nel 2019 (pur sottraendo quelle fatte per errore o per scherzo, o per molestare) ha ricevuto 21.290 chiamate valide, circa 58 chiamate al giorno (con una crescita nei mesi di novembre e dicembre grazie alla maggiore sensibilizzazione connessa alla giornata del 25.11).

Inoltre, nel 2020 durante il lockdown c’è stato un incremento della richiesta d’aiuto del 73% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e sono state uccise da gennaio a giugno 32 donne.

Parlando con una operatrice del centro antiviolenza locale “Non ti scordar di te” è emerso come nel 2019 le chiamate al centro sono state 22, un numero però da non sottovalutare: sono solo coloro che sono state nella condizione e hanno avuto le possibilità di entrare, perché un grande ostacolo è che molte non sono a conoscenza della sua esistenza, ed è per questo che serve la sensibilizzazione: “Il nostro lavoro da volontarie è quello di assistere queste donne attraverso un percorso personale - afferma - arrivando ad una soluzione che però è la donna a scegliere.”

Sempre in tema violenza, non solo fisica, un altro grandissimo problema è il modo in cui spesso si parla di questi eventi, quasi a sminuire l’atto feroce e a far trasparire il messaggio che la vittima, in fondo, “se l'è cercata".

Una persona, in questi casi, diventa due volte vittima: del predatore e della società, che ancora fatica a metabolizzare un mondo in cui se non hai colpe non puoi essere colpevole, dove si trovano tutti i pretesti per non ammettere di essere parte del problema, per non guardarlo in faccia, per negarlo nonostante vi siamo immersi dentro, senza prendere coraggio per avere la piena consapevolezza di quanto tanti piccoli atteggiamenti possano dare luogo a un problema culturale.

Perché non possiamo dare la colpa allo stupratore sottovalutando la cultura dello stupro. Perché anche solo pensare di non poter cambiare le cose ci rende parte del problema, pensare che "non posso fare niente" ci rende comunque colpevoli. Perché serve sensibilizzare, serve educazione, servono soluzioni concrete, che non sono andare a caccia di ogni uomo sulla terra e non sono andare in giro vestite con un sacco di juta, ma cercare di cambiare noi stessi e il nostro approccio alla società per cambiare anche la società stessa.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

lamm

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Barga


martedì, 26 gennaio 2021, 08:37

Giorno della memoria, incontro con Caterina Frustagli e Renzo Paternoster

I giudici siete voi: dalla testimonianza di Primo Levi al campo di concentramento. In occasione del Giorno della Memoria 27 gennaio 2021 il comune di Lucca, il comune di Barga, l'Associazione Toscana Volontari della Libertà, Anpi Barga in collaborazione con Tralerighe libri, presentano un incontro con Caterina Frustagli e Renzo Paternoster


lunedì, 25 gennaio 2021, 14:20

Simonini: "Si ripristini la regolare apertura pomeridiana dell'ufficio postale di Fornaci"

Con una nota, il coordinatore provinciale di "Cambiamo!", Simone Simonini, interviene e si appella a Poste Italiane affinché l'ufficio di Fornaci di Barga riprenda con regolarità l'orario di apertura pomeridiano


Prenota questo spazio


lunedì, 25 gennaio 2021, 11:14

L'amministrazione: "Ufficio distaccato di Fornaci, apertura ampliata dalla seconda metà di febbraio"

L'amministrazione comunale di Barga ritorna sull'argomento dell'ufficio distaccato di Fornaci di Barga per fare chiarezza dopo le recente affermazioni apparse sulla stampa


sabato, 23 gennaio 2021, 09:53

Grosso albero si abbatte su una casa: paura a Barga

Grande paura nella notte a Barga dove, in località Nebbiana, un grande albero è caduto a causa della forte pioggia colpendo una casa. Fortunatamente non ci sono stati feriti ma solo danni materiali limitati ad uno dei due appartamenti dell'edificio


venerdì, 22 gennaio 2021, 23:26

Aveva pubblicato su Facebook un'immagine di sé con la pistola e la scritta "Il cacciatore di ebrei ": processato e assolto

Il giovane lucchese Paolo Da Prato si è difeso dall'accusa di istigazione all'odio razziale spiegando di essere un appassionato cineasta e di aver voluto fare riferimento al film L'uomo dal cuore di ferro che narra la storia di Reinhard Heydrich uno degli uomini più potenti del Reich


venerdì, 22 gennaio 2021, 17:20

Fantozzi (FdI): "Bolle Covid negli ospedali di periferia non sono la soluzione"

Lo dichiara il vice-capogruppo di Fratelli d'Italia in consiglio regionale, Vittorio Fantozzi, che approfitta per ringraziare gli operatori sanitari dell'ospedale di Barga


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio