Anno X

sabato, 31 luglio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Barga

"No alla costruzione di una nuova scuola in Nebbiana"

martedì, 22 giugno 2021, 08:50

Sono i custodi degli alberi e del suolo, un gruppo di persone unito nello scopo di tutelare il bene di Barga, a dichiararsi contrari alla costruzione di una nuova scuola dell'infanzia in zona Nebbiana e a chiedere un confronto con l'amministrazione comunale.

"Il comune di Barga - esordiscono -, nel febbraio 2021, ha pubblicato sul suo sito un importante documento per la gestione del territorio, intitolato “Indicazioni e direttive guida per la redazione del Piano Operativo” cioè del nuovo regolamento urbanistico (il documento è visibile a questo link: http://www.comune.barga.lu.it/documenti/Indicazioni-redazione-piano-operativo.pdf )".

"A pag. 19 di questo documento - sottolineano - si legge che il “il tema del riuso e del recupero del patrimonio edilizio esistente” è “il tema centrale del nuovo Piano Operativo, nell'ottica del contenimento del consumo di suolo e ai fini della salvaguardia del paesaggio e dell'ambiente” e si sottolinea l’importanza del “riuso e recupero degli edifici, anche con lo scopo della “riqualificazione del patrimonio edilizio esistente”. A pag. 5 e 6 troviamo, fra le azioni che si intendono mettere in campo, quella della “riduzione dell’impermeabilizzazionee del consumo del suolo” per la “salvaguardia dell’identità paesaggistica” e si dice di voler “garantire lo sviluppo sostenibile … evitando il nuovo consumo di suolo”. Infine, a pag. 12 si ribadisce chefragli “obiettivi strategici del Piano Strutturale Intercomunale” c’è “la tutela dell'integrità fisica del territorio … da perseguire attraverso” vari fattori fra cui “il contenimento del consumo di suolo”.

"Su questi principi - affermano - noi custodi degli alberi e del suolo siamo perfettamente d’accordo perché, per noi, sono fondamentali, importanti e preziosi. Ma - ci chiediamo - perché questa amministrazione, nel suo agire, disattende tali principi, da lei stessa approvati, volendo costruire, in modo ostinato, una nuova scuola dell’infanzia in Nebbiana? Pertanto, affermiamo con convinzione: no al consumo di nuovo suolo; no alla costruzione di una nuova scuola in Nebbiana; sì alla rigenerazione del patrimonio edilizio esistent"e

"Ecco le nostre ragioni - spiegano -: non vogliamo che sia cementificato l’ultimo lembo del Pian Grande rimasto intatto. Nebbiana è una zona bellissima, a vocazione, paesaggistica, turistica e agricola che va tutelata e valorizzata; non vogliamo infliggere un ulteriore colpo ai commercianti del Giardino svuotandolo ulteriormente e creando una nuova periferia che va ad aumentare il traffico in Pian Grande; non vogliamo una scuola sotto il ripetitore. Semmai, il ripetitore dovrebbe essere tolto PRIMA e non DOPO la costruzione della scuola!; non vogliamo lasciare nel tessuto urbano edifici degradati, inutilizzati o sottoutilizzati come è successo per la scuola elementare di Fornaci. Nel documento comunale sopra citato troviamo scritto che è necessario dare priorità al “riuso e recupero del patrimonio edilizio esistente” (pag. 19). Allora, chiediamo all’amministrazione comunale: “Sono state effettuate tutte le valutazioni tecniche sull’edificio di Piazza Pascoli, dove si trova attualmente la scuola dell’infanzia, prima di dire che non è possibile recuperarlo e rigenerarlo? I vincoli di cui si parla sono insuperabili?”. 

"Noi custodi degli alberi e del suolo - incalzano - chiediamo che vengano resi visibili ai cittadini i documenti relativi alle valutazioni tecniche che sono state effettuate, in un’ottica di trasparenza. Per quanto riguarda poi le eventuali difficoltà tecniche che potrebbero insorgere nel recupero dell’edificio, esperti qualificati ci hanno risposto che, attraverso quella “attività edilizia di elevato livello prestazionale”, di cui si parla a pag. 19 del documento sopra citato, i problemi tecnici di fattibilità (come, ad esempio, le scale) sono risolvibili".

"Noi custodi - concludono - chiediamo che l’amministrazione comunale metta in pratica azioni coerenti con quello che ha scritto ed approvato. In democrazia si ascolta, si riflette, si dialoga e si può cambiare opinione. Chi è veramente democratico, fa questo! Siamo aperti al dialogo e al confronto con questa amministrazione comunale".


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

lamm

pesceepatate

Prenota questo spazio


Altri articoli in Barga


venerdì, 30 luglio 2021, 19:04

'Festival Opera Barga', Roberto Prosseda e Federico Maria Sardelli: prime esecuzioni assolute

A Lucca e a Barga continuano gli appuntamenti con la 55^ edizione del Festival Opera Barga, diretto da Nicholas Hunt e Massimo Fino


venerdì, 30 luglio 2021, 17:04

Lo stile 'liberty' dall'Europa a Barga

Anche questo fine settimana è possibile visitare gratuitamente la mostra "La nuova Barga: architettura e arti decorative tra liberty e stile eclettico (1900-1935)", organizzata dalla Fondazione Ricci ETS e nella sede della Fondazione in via Roma 20 a Barga


Prenota questo spazio


venerdì, 30 luglio 2021, 16:59

A suon di musica per i sentieri di Barga

Iniziativa inedita per il BargaJazz Festival: 1 e 15 agosto, in collaborazione con “Barga per vie e sentieri”, Pro Loco e BargaJazz Club, due concerti “nella scepe” sul percorso degli antichi sentieri nei dintorni di Barga


giovedì, 29 luglio 2021, 16:55

Fiamme al Ciocco, squadre e elicottero in azione

Principio di incendio intorno alle 16:30 di oggi, all'interno della tenuta del Ciocco, a Castelvecchio Pascoli, nel comune di Barga, che ha rischiato di coinvolgere una grande area. La zona interessata è un'area boschiva e, al momento, non vi sono abitazioni od edifici in prossimità delle fiamme


giovedì, 29 luglio 2021, 14:18

'BargaJazz Festival', un mese di concerti

Il festival/concorso, giunto alla trentaduesima edizione, presenta un cartellone di concerti per tutto il mese di agosto con molte novità


giovedì, 29 luglio 2021, 10:15

Salotti: "Aumentano gli aiuti Tari alle famiglie in difficoltà"

Il consiglio comunale di Barga, il 28 luglio, visto che l'emergenza sanitaria in corso ha indebolito il paese nel suo complesso, ha adottato per il corrente anno misure Tari atte a sostenere anche le famiglie in difficoltà


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio