Anno 3°

mercoledì, 8 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Borgo a Mozzano

Centro islamico a Chifenti, Andreuccetti ai cittadini: "Libertà di espressione sancita dalla Costituzione"

mercoledì, 4 dicembre 2019, 13:08

di daniele venturini

Timori, in parte, fugati. O, almeno, questa la sensazione dopo l’incontro pubblico che si è tenuto ieri sera in una sala del Bar Tintori, a Chifenti, promosso dal sindaco di Borgo a Mozzano Patrizio Andreuccetti, su richiesta dei paesani, in merito alla realizzazione del centro di cultura islamica. Si tratta di una seconda sede dell'Associazione “Al Baraka”, già presente da diversi anni a Gallicano, i cui soci fondatori hanno preso in affitto un locale a Chifenti, per adibirlo a centro di aggregazione e di intrattenimento.

I residenti avevano esternato la loro preoccupazione per l’aumento della presenza islamica in un piccolo paese come Chifenti, perchè pensavano che fosse istituito un centro di accoglienza come quello di Ponte al Serraglio di Bagni di Lucca. Andreuccetti ha dimostrato di comprendere certe preoccupazioni degli abitanti e, per questo, ha partecipato all'incontro per spiegare la posizione dell'amministrazione che presiede.

Il primo cittadino ha spiegato che i soci fondatori responsabili dell’associazione di ispirazione islamica sono cittadini italiani di origine marocchina, che da oltre trent’anni risiedono in Italia, dove lavorano e hanno famiglia, con figli qui nati e cresciuti. “La libertà di espressione – ha affermato - è sancita dalla Costituzione, in uno stato laico come è la nostra Repubblica, quindi, per questo principio costituzionale, non è necessario ottenere un particolare permesso da parte del comune per l’apertura di una sede o di un centro culturale, ma è sufficiente una semplice comunicazione. Il rapporto fra l’affittuario e l’inquilino è di carattere privato, perché privato è l’edificio interessato.”

"Il comune deve controllare e verificare soltanto l’idoneità igienico-sanitaria e di sicurezza o meno dello stabile rispetto all’attività che vi sarà svolta e per questi controlli e verifiche ci sono gli uffici appositi e le forze addette sul territorio, come la polizia municipale" ha poi chiarito il sindaco.

Presente all'incontro anche il comandante del sevizio di polizia municipale associato della Media Valle, Marco Martini, che ha detto: “Dal 2012, anno di insediamento del centro islamico prima a Castelnuovo Garfagnana e poi trasferitosi a Gallicano ad oggi, non sono stati registrati problemi di sorta. I legali rappresentanti dell’associazione, di origine marocchina, risiedono in Italia da trent’anni ed hanno cittadinanza italiana. Non risultano avere precedenti penali. Abbiamo riscontrato che il centro di Gallicano, punto di ritrovo al massimo di 30 persone contemporaneamente, sito in mezzo al centro abitato, non ha mai creato problemi di ordine pubblico. Gli aderenti hanno sempre manifestato correttezza e spirito di collaborazione con tutti, compreso le forze dell’ordine, esprimendosi contro episodi di intolleranza e di violenza accaduti in altre parti del mondo ad opera di sedicenti terroristi islamici”.

Andreuccetti ha infine raccomandato alle persone presenti di segnalare al comune ogni eventuale problematica che potrebbe verificarsi.


Questo articolo è stato letto volte.


gesamgaseluce

tuscania

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Borgo a Mozzano


Prenota questo spazio


mercoledì, 8 luglio 2020, 15:04

Rinnovo contratto integrativo, sindacati sul piede di guerra alla Lucart

Le sigle sindacali SLC CGIL Lucca, UGL Chimici Lucca, FISTEL CISL Toscana e RSU Lucart Diecimo intervengono dopo il tavolo organizzato oggi presso Confindustria sulla trattativa per il rinnovo del contratto integrativo per lo stabilimento di Diecimo nel comune di Borgo a Mozzano


martedì, 7 luglio 2020, 22:23

Si presenta l’ultimo lavoro di Gabriele Brunini

Verrà presentato a Borgo a Mozzano domenica prossima 12 luglio alle 18.30 il volume “Il miracoloso Crocifisso del Borgo e la sua chiesa”, scritto nel corso del lungo lockdown da Gabriele Brunini governatore della locale confraternita di Misericordia


Prenota questo spazio


martedì, 7 luglio 2020, 14:53

Acquisti sotto le stelle al Borgo

Grande attesa per l'evento #noicompriamoqui (#BorgoaMozzanocomunedinotte) che animerà le strade del centro storico del paese di Borgo a Mozzano questo giovedì (9 luglio)


martedì, 7 luglio 2020, 13:21

Anziani meno soli: prosegue l’iniziativa "Ti chiamo io!"

Nell’ambito del progetto “La Comunità risponde-Anziani meno soli”, prosegue l’iniziativa "Ti chiamo io!", la telefonata amica che combatte la solitudine degli anziani! Ogni lunedì dalle 9.00 alle 12:00. Il servizio è completamente gratuito


sabato, 4 luglio 2020, 15:20

Lega compatta a sostegno di Yamila Bertieri: "A Borgo c'è mancanza di democrazia"

Elisa Montemagni, capogruppo Lega in Regione Toscana, Massimiliano Baldini, responsabile enti locali provincia di Lucca, Luigi Pellegrinotti, commissario Lega sezione Mediavalle Garfagnana, e Damiano Simonetti, responsabile relazioni esterne Lega, si uniscono a sostegno del loro consigliere di opposizione a Borgo a Mozzano, Yamila Bertieri


sabato, 4 luglio 2020, 10:34

Bertieri (Lega): "Via Chiusa a Valdottavo abbandonata a se stessa"

La consigliere di minoranza del comune di Borgo a Mozzano, Yamila Bertieri, informa che è dai primi di maggio che con gli altri consiglieri del gruppo “Orgoglio Comune” segnala una buca che insiste in una strada secondaria esattamente "Via Chiusa" a Valdottavo, la cui manutenzione dovrebbe essere competenza comunale