Anno 3°

martedì, 22 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Borgo a Mozzano

Massimo Giannoni riporta alla luce un pezzo di storia

domenica, 9 febbraio 2020, 08:17

L'associazione culturale Arciere comunica che il suo tesserato Massimo Giannoni, dopo mesi di lavoro, grazie anche alle ricerche storiche dell'ex sindaco di Borgo a Mozzano Gabriele Brunini, pubblicate da tempo sul suo sito www.gabrielebrunini.it, è riuscito a localizzare il luogo dove si ergeva il "Monumento ai Martiri di Valdottavo", costruito in memoria di due giovani universitari fascisti uccisi il 22 maggio del 1921. 

I due studenti, mentre rientravano a Lucca, su un camion, dopo aver partecipato alla inaugurazione del Fascio di Valdottavo, lungo la via Lodovica, furono investiti da massi, fatti precipitare dal costone del monte e rimasero uccisi sul colpo, mentre altri fascisti sullo stesso camion rimasero feriti, anche gravemente. 

Le indagini sul caso furono affidate ai Carabinieri Reali che procedettero agli arresti di persone che furono poi processate e condannate. Due di esse, al termine della prigionia rientrarono a Valdottavo, mentre una morì durante la detenzione. Sull'episodio, talvolta definito oscuro, salvo rare eccezioni, è calato, nel dopoguerra, il silenzio; ed anche coloro che furono condannati per l'eccidio non si sono mai dichiarati "eroi dell'antifascismo", forse a causa dell'enorme frattura che questo evento causò nel piccolo paese di Valdottavo. 

Durante il ventennio vi furono molte commemorazioni in onore dei due ragazzi, tra le quali spicca l'intitolazione del piazzale di fronte a Porta S. Maria a Lucca, chiamato "Piazzale Martiri di Valdottavo" e cambiato poi nel dopoguerra in "Piazzale Martiri della Libertà", ma soprattutto fu eretto un monumento lungo la strada per Lucca: due enormi fasci bianchi posti ai lati di un'insenatura nella montagna che sovrasta tutt'ora la strada. 

Il monumento fu distrutto alla fine della guerra e la sua posizione restò incerta fino a che Giannoni, setacciando metro dopo metro l'area dove si supponeva fosse stato eretto il monumento, non è riuscito ad identificarne l'esatta collocazione a 250 metri dal ponte della Cetra, sul fianco della montagna a bordo strada della provinciale 20, riportando quindi alla luce un pezzo di storia della nostra Valle e di Borgo a Mozzano.


Questo articolo è stato letto volte.


gesamgaseluce

tuscania

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Borgo a Mozzano


Prenota questo spazio


lunedì, 21 settembre 2020, 10:57

Si presenta il documentario "La guerra intorno al Ponte del Diavolo"

Il documentario che sarà presentato in prima visione è stato voluto dall’Unione dei Comuni della Media Valle del Serchio e dalla Regione Toscana per essere inserito come documento propedeutico per i visitatori del Museo della Memoria e delle Fortificazioni della Linea Gotica presenti  sul territorio del Comune di Borgo a...


giovedì, 17 settembre 2020, 15:40

Yamila Bertieri, una stakanovista in campagna elettorale: 8 mila km in un mese

Che non si sarebbe risparmiata, era evidente a chi la conosce: la candidata al consiglio regionale per la Lega Yamila Bertieri ha percorso in largo e lungo la provincia di Lucca in occasione di questa campagna elettorale, che terminerà ufficialmente domani sera, venerdì 18 settembr


Prenota questo spazio


giovedì, 17 settembre 2020, 13:40

"La guerra intorno al Ponte del Diavolo": si proietta il documentario

Per gli "Incontri al Teatro Verzura", si terrà la proiezione e commento del filmato inedito "Un orizzonte degli eventi - La guerra intorno al Ponte del Diavolo", presso la Sala delle Feste dell'ex Convento delle Oblate, il 25 settembre alle ore 21,15, in collaborazione con l'Unione Comuni Media Valle del Serchio


mercoledì, 16 settembre 2020, 18:53

Si ribalta con il trattore, soccorso con Pegaso

Brutta disavventura per un uomo di circa 80 anni abitante a Cerreto, frazione a pochi km dal capoluogo. L’uomo stava lavorando nel proprio podere, non lontano da casa, su di un trattore quando il mezzo si è ribaltato


mercoledì, 16 settembre 2020, 17:23

Bertieri (Lega): "Più sostegno ad agricoltura e apicoltura"

Yamila Bertieri, consigliere Lega di Borgo a Mozzano e candidata in Regione per tutta la provincia di Lucca, chiede più sostegno e investimento nell'agricoltura e nell'apicoltura soprattutto in Mediavalle e Garfagnana, la sua terra natia


martedì, 15 settembre 2020, 20:34

Orgoglio Comune: "Suona la campanella nella nuova scuola, ma qualcosa manca!"

Il gruppo di opposizione di Borgo a Mozzano, "Orgoglio Comune", evidenzia alcune mancanze importanti nella nuova scuola elementare di Borgo a Mozzano inaugurata il 5 settembre