Anno 3°

sabato, 4 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Borgo a Mozzano

Presidio scuola: "A Borgo a Mozzano ipotesi classe di 35 alunni"

venerdì, 26 giugno 2020, 09:59

di barbara ghiselli

"La comunità scolastica ha bisogno di ripartire a settembre in presenza e senza didattica a distanza o forme miste in tutti gli ordini della scuola, perchè senza una scuola non c'è politica, non c'è giustizia, non c'è uguaglianza, non c'è crescita né umana né economica".

Questo è quanto emerso a Lucca, come in altre 50 città italiane (all'interno infatti di una giornata di mobilitazione nazionale), durante il presidio che si è svolto nel pomeriggio di ieri (giovedì 25 giugno) in piazza San Michele dove si sono riuniti il comitato Priorità alla Scuola di Lucca, i Cobas scuola della provincia di Lucca, Potere al Popolo, il Comitato nazionale docenti precari (CNDP) e il Coordinamento nazionale precari scuola (CNPS).

Per questo sono state ribadite alcune richieste fondamentali che qui a Lucca sono già state enunciate nei presidi del 23 maggio e del 9 giugno e nella lettera aperta che due settimane fa ha raccolto oltre 350 adesioni: c'è bisogno di risorse straordinarie per il rilancio della scuola; riduzione del numero degli alunni per classe (massimo 15); assunzione straordinaria di tutti i docenti con 36 mesi di servizio e degli Ata con 24 mesi dalle GAE, dalle GM e con concorsi per soli titoli; impegno di comuni e provincia a trovare spazi nuovi o dismessi per tutte le scuole di ogni ordine e grado; investimenti strutturali per l'edilizia scolastica; prevenzione sanitaria nelle scuole.

"Siamo a due mesi dall'inizio della scuola – ha dichiarato Rino Capasso dei Cobas scuola – e non c'è un'idea seria di come farla ripartire quando invece in tutta Europa è già ripartita. Il governo ha deciso di stanziare 3 miliardi per l'Alitalia e solo un miliardo e mezzo per la scuola. Le priorità per il Paese dovrebbero essere nell'ordine sanità, scuola e trasporti; per far ripartire in sicurezza la scuola ci sarebbe bisogno di almeno 5-6 miliardi che il governo ha a disposizione e allora perchè non usarli?".

I presenti al presidio hanno inoltre sottolineato che non sono accettabili la riduzione dei tempi scuola, le esternalizzazioni (tutto lavoro precario) per completare il tempo scuola, le lezioni di 40 minuti e la conferma della DAD come parte strutturale dell'orario di scuola.

In una nota congiunta hanno dichiarato: "Purtroppo il Ministero dell'Istruzione e gli USR si stanno muovendo 'in direzione ostinata e contraria': hanno applicato i vecchi criteri per la formazione delle classi, ma con la riduzione degli alunni, dovuta alla mancanza di 'ripetenti', ciò ha significato tagliare le classi già concesse prima del Covid-19, provocando di fatto un incremento di alunni per classe e numerosi classi con oltre 30 alunni, tra cui spicca l'ipotesi di una classe di 35 alunni in una scuola superiore di Borgo a Mozzano. Con questi numeri come si fa a garantire il distanziamento? Inoltre è notizia ormai confermata e denunciata in un precedente comunicato, il taglio di 43 cattedre nelle scuole della provincia di Lucca che corrispondono a circa 50 classi in meno: un clamoroso dietrofront da parte dell'Ufficio Scolastico Regionale che aveva annunciato il congelamento di tale taglio".

Hanno poi concluso la nota con queste parole: "Chiediamo, quindi le dimissioni della ministra Azzolina per dare un segno di discontinuità nella linea politica portata avanti dal governo: non sono più accettabili la confusione e i continui cambi di posizione delle ultime settimane e, soprattutto, lo stanziamento di soli 1,5 miliardi di euro per il rilancio della scuola, peraltro destinati in buona parte alle attrezzature digitali e alla didattica a distanza. Tali fondi vanno moltiplicati almeno per 10 volte per un intervento straordinario per l'edilizia scolastica e il potenziamento degli organici. E questa volta i fondi ci sono, visto che con il recovery fund arriveranno dall'Unione Europea circa 170 miliardi, che vanno destinati prevalentemente a scuola, sanità, trasporti e ai servizi pubblici in generale".


Questo articolo è stato letto volte.


gesamgaseluce

tuscania

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Borgo a Mozzano


Prenota questo spazio


sabato, 4 luglio 2020, 15:20

Lega compatta a sostegno di Yamila Bertieri: "A Borgo c'è mancanza di democrazia"

Elisa Montemagni, capogruppo Lega in Regione Toscana, Massimiliano Baldini, responsabile enti locali provincia di Lucca, Luigi Pellegrinotti, commissario Lega sezione Mediavalle Garfagnana, e Damiano Simonetti, responsabile relazioni esterne Lega, si uniscono a sostegno del loro consigliere di opposizione a Borgo a Mozzano, Yamila Bertieri


sabato, 4 luglio 2020, 10:34

Bertieri (Lega): "Via Chiusa a Valdottavo abbandonata a se stessa"

La consigliere di minoranza del comune di Borgo a Mozzano, Yamila Bertieri, informa che è dai primi di maggio che con gli altri consiglieri del gruppo “Orgoglio Comune” segnala una buca che insiste in una strada secondaria esattamente "Via Chiusa" a Valdottavo, la cui manutenzione dovrebbe essere competenza comunale


Prenota questo spazio


venerdì, 3 luglio 2020, 19:11

Nuovo Info Point al Ponte del Diavolo: taglio del nastro con... rafting finale

Cariche locali, regionali e nazionali oggi a Borgo a Mozzano per l'inaugurazione del nuovo infopoint al famigerato Ponte del Diavolo, uno dei simboli più iconici della Mediavalle


giovedì, 2 luglio 2020, 14:10

Bertieri: "Parcheggio Roncato, necessario intervento di manutenzione straordinaria"

Yamila Bertieri (Lega), appartenente al gruppo di opposizione di Borgo a Mozzano “Orgoglio Comune”, pone una riflessione riguardo la risposta data all'interrogazione, discussa ieri sera in consiglio, che aveva come oggetto il parcheggio pubblico di Roncato


giovedì, 2 luglio 2020, 09:46

Inaugura il nuovo Info Point al Ponte del Diavolo

Venerdì 3 luglio alle 17, presso l’antico Ponte del Diavolo a Borgo a Mozzano, si terrà l’inaugurazione della nuova struttura che ospita l’Info Point, istituito e fortemente voluto anni fa dalla nostra amministrazione comunale e dall’Unione dei Comuni della Media Valle del Serchio


sabato, 27 giugno 2020, 13:46

Centri estivi, agevolazioni economiche per le famiglie

L’amministrazione comunale, al fine di favorire la frequentazione dei centri estivi, che si svolgeranno sul territorio del comune di Borgo a Mozzano nel periodo compreso tra il mese di luglio e il mese di settembre, mette a disposizione delle famiglie agevolazioni economiche (voucher) spendibili presso i seguenti operatori individuati a...