Anno 3°

giovedì, 18 gennaio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Castelnuovo

Illuminazione, segnaletica e marciapiedi: le tre priorità dei commercianti degli impianti sportivi

giovedì, 11 gennaio 2018, 18:12

di andrea cosimini

Mentre i commercianti attendono fiduciosi i lavori annunciati dal sindaco di Castelnuovo di Garfagnana Andrea Tagliasacchi (in particolare sulla strada che collega il centro alle piscine, proprio a ridosso della caserma dei carabinieri) e incrociano le dita per l’accoglimento da parte del Coni del progetto della “cittadella dello sport”, nella zona degli impianti sportivi si continua a fare i conti con i soliti problemi legati soprattutto all’illuminazione pubblica, la segnaletica, l’asfaltatura e i marciapiedi pedonali.

Problemi ben noti alle amministrazioni comunali (questa come quelle precedenti), ma ancora irrisolti nonostante i commercianti della zona li abbiano sollevati a più riprese, proponendo soluzioni e alternative, tanto per non scadere nelle sterili polemiche, ma casomai per sensibilizzare ad una maggiore considerazione di quest’area, sì periferica, ma logisticamente strategica vista la consistente quantità di posti auto gratuiti vicini al centro storico.

Un’area, poi, che negli ultimi anni ha visto anche fiorire tutta una serie di attività che l’hanno resa, non più a sola vocazione sportiva e amministrativa, ma anche commerciale.

“Quest’area – ha commentato un ristoratore della zona – è diventata, a tutti gli effetti, una delle “porte” di Castelnuovo. E’ infatti presente in questa zona il parcheggio gratuito più grande del capoluogo e vicino al centro storico. Molti parcheggiano la propria auto qui per poi dirigersi, a piedi, verso la piazza”.

“Purtroppo però – ha osservato – questo parcheggio non è segnalato bene. Così come non è segnalata bene la spaziosissima area camper collocata, anch’essa, nella zona degli impianti sportivi. Sono molti i clienti che me lo fanno notare”.

A questo si aggiunge poi il successivo problema dei marciapiedi pedonali, dell’asfaltatura e dell’illuminazione pubblica. Tre problematiche di vecchia data, sollevate da più parti, che tutt’ora continuano ad essere oggetto di risentimento tra alcuni esercenti della zona.

“In un recente incontro con il sindaco – ha spiegato un venditore – ho fatto presente quelli che, a mio parere, sono i tre problemi maggiori di questa zona. Da una parte i pali della luce che illuminano solamente il lato della strada, lasciando più oscurate le attività e i marciapiedi; dall’altra le condizioni del manto stradale in alcuni tratti, per cui sarebbe sufficiente un semplice intervento di asfaltatura; infine l’assenza di un marciapiede continuo e prolungato su tutta via Puccini che possa collegare questa zona al centro”.

Quella dell’illuminazione è una battaglia che i commercianti degli impianti sportivi portano avanti da tempo. Soprattutto sotto le feste, quando, oltre all’illuminazione pubblica, il comune provvede all’installazione aggiuntiva delle luci di Natale, i commercianti degli impianti sportivi chiedono ogni anno maggiori attenzioni considerata anche la vocazione della zona.

“Un altro aspetto che ci preme – ha incalzato un altro commerciante – è rimarcare lo “scollegamento” tra la nostra zona e il centro. Molto spesso, infatti, veniamo a conoscenza di alcuni eventi in ritardo o tramite la stampa. Così è successo anche di recente, in occasione della Befana, per cui abbiamo appreso del lancio in piazza solo all’ultimo momento. Chiediamo un maggior coordinamento e una maggiore comunicazione tra il comune e i commercianti del capoluogo”.

C’è, infine, chi concorda sui problemi sollevati dai colleghi di zona, ma ritiene le problematiche rivendicate dai commercianti della zona degli impianti sportivi comuni a un po’ tutte le altre aree di Castelnuovo.

“Quella dei marciapiedi è sicuramente un questione di lunga data – ha concluso un commerciante – ma i problemi che abbiamo sono più o meno gli stessi che si registrano nelle altre zone del capoluogo. Purtroppo è una situazione difficile per il commercio in generale”.


Questo articolo è stato letto volte.


Lucar 2016


tuttonatura2016


centro caf strambi


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Castelnuovo


audix Castelnuovo


mercoledì, 17 gennaio 2018, 10:32

Confcommercio, tanti corsi in partenza a Castelnuovo

Si parte il 31 gennaio con l’aggiornamento per la figura del RSPP ovvero il responsabile della sicurezza, si prosegue 14 e 19 febbraio con la formazione dedicata ai lavoratori (secondo l’accordo stato regioni 2012) ed infine il 21 febbraio con il corso per addetto antincendio


lunedì, 15 gennaio 2018, 00:07

Aldo Grandi denunciato per vilipendio delle forze armate

Il direttore del quotidiano on line La Gazzetta di Lucca è stato denunciato dal comandante provinciale dei carabinieri colonnello Giuseppe Arcidiacono. Disposto il sequestro di una sezione del giornale denominata 'Coglioni in divisa'


Prenota questo spazio


domenica, 14 gennaio 2018, 20:54

Assemblea elettiva Autieri: Massimo Turri confermato presidente con 98 voti su 116

Si è tenuta l'assemblea elettiva per il rinnovo del consiglio direttivo della sezione Garfagnana del Corpo Nazionale Autieri per i prossimi tre anni (2018-2021). Su 176 soci aventi voto sono stati 116 i votanti che potevano esprimere, ciascuno, fino a cinque preferenze


giovedì, 11 gennaio 2018, 18:30

Open Days all’Isi Garfagnana

Sabato 13 e domenica 14 gennaio, dalle ore 15 alle ore 18, l’ISI Garfagnana offre ai ragazzi delle scuole medie ed alle loro famiglie la possibilità di visitare le sue scuole, i suoi laboratori, di parlare con docenti e studenti, per poter conoscere le offerte formative attivate


martedì, 9 gennaio 2018, 08:51

Portone sempre sbarrato alla stazione: chi lo deve aggiustare, la provvidenza?

Si fanno protocolli d’intesa in regione per fare di Castelnuovo un importantissimo scalo merci con un investimento di quattro milioni e mezzo di euro e poi non si riesce nemmeno a far funzionare il portone d’ingresso della stazione. Soliti paradossi quotidiani: le cose piccoline non contano un accidente


martedì, 9 gennaio 2018, 08:45

Sacchetti bio, i negozianti: "Io te lo do, ma mi dispiace"

Sono i negozianti, i commercianti al dettaglio  - e non la grande distribuzione - quelli più in difficoltà con la legge-sacchetto. A 10 giorni dall’entrata in vigore dell’obbligatorietà del pagamento da uno a tre centesimi di questi sacchetti mezzo-bio (perché al 60 per cento non sono degradabili) anche a Castelnuovo...


Ricerca nel sito


prenota_spazio


karisma


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio!