Anno 3°

domenica, 21 gennaio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Faccia da... Parrini

martedì, 8 agosto 2017, 23:35

di aldo grandi

Difficile, nonostante i clandestini che sbarcano a migliaia sulle nostre povere coste massacrate dall'ignavia e dalla demenza nemmeno troppo senile dei politicanti da strapazzo di questa seconda - ma la terza sarebbe la stessa cosa e la quarta pure peggio - repubblica, a dispetto delle Boldrini o degli Alfano, dei Gentiloni e dei Renzi o delle Mogherini disposte a pi greco mezzi con tanto di velo di fronte all'islam, trovare, con questo caldo un motivo non tanto per arrabbiarsi quanto, casomai, per domandarsi se l'essere umano, al di sopra della bocca e del naso oltreché degli occhi, abbia anche un cervello pensante o se, clamorosamente, ci troviamo di fronte a una cacata di cavallo senza inizio né, tantomeno, fine. Poi, quando tutto sembra disperare e anche i Cecco a cena delle nostre amate Gazzette restano miseramente in bianco come gli spazi degli articoli censurati durante la prima e la seconda guerra mondiale, ecco che da Firenze, dall'interno di quell'ammasso di ferraglia denominato Pd, fuoriesce la notizia che non ti aspettavi, a cui è difficile credere, che ti fa capire, però, che razza di partito è diventato il partito democratico (sic!) del pesce che puzza dalla testa al secolo Matteo Renzi, il fallito tra i falliti, colui che ha dalla propria parte tutti i mezzi di informazione che, da leccaculo quali sono, consumano lingua e polpastrelli per provare a far risalire le quotazioni del puffo pardon putto fiorentino.

La notizia ha dell'incredibile: Stefano Bruzzesi, responsabile regionale Pd degli enti locali, colui che ha inferto la ferita più purulenta e mai rimarginata al centrodestra conquistando per soli 361 voti Lucca, è stato trombato. E se anche lui non ama il termine e preferisce usarne altri, la sostanza non cambia: nel partito stalinista che da sempre devasta e distrugge la regione Toscana e non solo, il segretario regionale Dario Parrini, il più inutile, dannoso, incapace, settario, arrogante, dispotico, cupo segretario politico della recente storia Pd toscana, ha silurato senza alcuna pietà l'ex collega e amico Bruzzesi comunicandoglielo pochi minuti prima della conferenza stampa ufficiale; la solita, schifosa e indigeribile lettera alla serva materializzatasi sul cellulare di Bruzzesi attraverso un sms del segretario.

Certo che se la politica è una cosa zozza e i politici sono tutti ladri - lo diceva non solo la mamma di Gianna Preda, intellettuale e robusta giornalista del dopoguerra, ma sul fronte neofascista, ma anche la Dory, ossia mamma 92 enne del sottoscritto - noi non possiamo certo dire che il Pd sia un partito di lestofanti, ma non possiamo esimerci dal notare che la sua politica non soltanto è zozza, ma bastarda dentro fino all'inverosimile.

Stefano Bruzzesi ha il dono dell'ironia e della simpatia, non è un rissoso, non è un attaccabrighe e, soprattutto, non è un vendicativo né un rancoroso. E' una colomba, dicono e così dicendo è come se lo relegassero ai margini dell'arena dove, a quanto pare, sguazzano e si trovano a proprio agio i falchi - meglio sarebbe dire i corvi o, financo, gli avvoltoi - del Pd plurisconfitto della ex regione rossa.

Dario Parrini, questo Giuseppe Garibaldi del quale conserva solamente la barba mancandogli, per nostra fortuna, tutto il resto, questa sorta di Gauleiter se visto da destra o commissario politico se visto da sinistra, ha ritenuto suo dovere arrogarsi la delega agli enti locali defenestrando l'unico dirigente di partito che, a parte la faccia tosta di difendere e proteggere mister Gucci alias Marco Remaschi per la cazzata elettorale, era l'unico che aveva dimostrato di avere un briciolo di intelligenza politica ancor più che umana.

Parrini ha portato il Pd alla più grande batosta del dopoguerra, perdendo città come Pistoia, Carrara, Grosseto Arezzo e senza che abbia avuto la dignità, ancor più del coraggio, di rassegnare le proprie dimissioni. Una faccia come il Parrini direbbe qualcuno in vena di eufemismi, noi preferiamo dire, a scanso di equivoci, una faccia di bronzo, un faccia tosta che non gli hanno fatto nemmeno prendere atto della figura barbina fatta in giro per le federazioni della Toscana.

Come sempre, però, il pesce, ossia Matteo Renzi, puzza dalla testa e se è vero che anche l'ospite in generale, dopo tre giorni, maleodora, figuriamoci l'ex capo del governo che dal 4 dicembre dovrebbe essersi ritirato al cesso per la vergogna e che, al contrario e complici i soliti giornalisti da strapazzo, continua ad aspirare alla Grande Rentrée a Palazzo Chigi. 

Di una cosa, però, ci rallegriamo. Se Dario Parrini è la parola d'ordine e, allo stesso tempo, il biglietto da visita del Pd a queste latitudini, allora, forse, la speranza che - presto o tardi, più presto che tardi - l'Italia e la nostra regione si liberino di questa sclerosi multipla colorata di rosso non è e non può essere solo una speranza, ma una dissacrante per noi, devastante per loro, certezza. 

A Stefano Bruzzesi, un saluto con simpatia e solidarietà.

 


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi


Geminiani


fondazione carilucca


prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


martedì, 16 gennaio 2018, 22:53

Non è la razza bianca ad essere a rischio estinzione, ma la nostra identità

Eravamo immersi nelle nostre disperazioni natalizie, frutto di esperienze passate, presenti e, probabilmente, anche future e per un po' di giorni, diciamo pure un paio di settimane, ci siamo volontariamente allontanati dall'arena. Quale? Semplice, quella dove, ogni giorno del calendario, si ascoltano scontrarsi gli imbecilli vestiti di rosso con gli...


sabato, 13 gennaio 2018, 19:41

Anche questa volta a votare con un solo obiettivo: abbattere il Pensiero Unico Dominante

I soliti giornalai e i consueti giornalisti amano, in occasione delle consultazioni elettorali, dedicarsi al cosiddetto toto-deputati e toto-senatori. Che gusto ci sia è una cosa che il sottoscritto non solo non ha mai capito, ma neppure mai compreso visto che nella classe politica non ha mai avuto particolare fiducia.


Prenota questo spazio


martedì, 9 gennaio 2018, 15:50

Silvano Piacentini au revoir

Dopo essere stato per diversi anni direttore territoriale della ex Casse di Risparmio di Lucca Pisa Livorno nonché Banco Popolare e direttore generale di Cassa di Risparmio di San Miniato, Silvano Alberto Piacentini da oggi non è più nel consiglio di amministrazione della banca di San Miniato entrata nell'orbita del...


lunedì, 1 gennaio 2018, 18:38

"Caro Grandi non molli, in un mondo di servi e puttane lei fa la figura di voler lavorare in un bordello senza perdere la verginità"

Abbiamo voltato pagina, per l'ennesima volta, per l'ennesimo giro di valzer, per l'ennesimo ultimo giorno di un anno che è appena finito e di un altro che è andato a cominciare. Siamo nell'anno di (dis)grazia 2018 e sembra, davvero, incredibile oltreché impensabile esserci arrivati quando, nemmeno tanto tempo fa, sembrava...


mercoledì, 27 dicembre 2017, 18:26

Chi non muore si... rilegge

E' probabile, anzi, quasi certo che sarete mancati sicuramente più voi lettori al sottoscritto che non il contrario, impegnati come sarete stati a trascorrere le feste di Natale se non sotto l'albero, almeno sopra il tavolo.


giovedì, 21 dicembre 2017, 22:37

E' tornato il re, viva il re!

E' passato, praticamente, in sordina il ritorno in Italia delle spoglie dell'ex re d'Italia Vittorio Emanuele III deceduto ad Alessandria d'Egitto il 28 dicembre 1947 esattamente, quindi, settanta anni fa e la coincidenza è tutt'altro che casuale.