Anno 3°

giovedì, 16 agosto 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Ci ha rovinati Berlinguer

lunedì, 6 agosto 2018, 22:56

di barbara pavarotti

Il partito democratico? Gira una definizione divertente: è il partito della ZTL, rinchiuso in un recinto fortemente arroccato al proprio interno e alimentato dalla convinzione della propria superiorità morale. Il partito che non ha più nessun rapporto con il popolo che definisce, anzi, populista. Il partito della “casta” che disprezza i “barbari” che l’hanno bocciato alle elezioni. Elettori - la stragrande maggioranza degli italiani – che non hanno capito nulla e si sono affidati ad altri barbari moralmente inferiori. Il Pd è sorretto in questo giudizio dalla quasi totalità della stampa e tv che, non a caso, viene sempre più snobbata dai cittadini “barbari”.

In questa melassa propagandistica gli articoli davvero interessanti, che dicono qualcosa di nuovo sono rari. Abbastanza clamoroso è dunque uno del direttore responsabile di “Libero”, Pietro Senaldi, che rovescia un mito fin qui intoccabile, a sinistra come a destra: quello di Enrico Berlinguer. Scrive Senaldi: “A rovinare la sinistra per le future generazioni fu Enrico Berlinguer, quasi quarant' anni fa. I compagni avevano ancora le mani e la testa sporche di sangue, i più vecchi per la guerra civile e i più giovani per il terrorismo rosso, e il segretario del Pci lanciò la questione della superiorità morale. Il dogma in base al quale a sinistra sono più buoni, onesti e puri geneticamente, per diritto di nascita, a prescindere dalle loro azioni, elevati dal solo fatto di dichiarare la giustizia sociale come loro ideale. Anziché farsi una risata, l' Italia gli credette. A sinistra diventarono tronfi e spocchiosi fino al razzismo e a destra nacque il complesso d' inferiorità verso i compagni che fino all' avvento di Salvini ha contraddistinto chiunque non appartenesse all' élite culturale sinistrorsa.

Da allora lo scontro politico per i progressisti si è ridotto alla lotta tra i buoni e i cattivi, tralasciando ogni reale confronto sui contenuti. Di ciò la sinistra è morta, la sua politica si è autoconfinata alla demonizzazione dell' avversario, tralasciando qualsiasi tentativo di adeguarsi ai tempi e dare risposte pratiche alle esigenze degli elettori e perdendo il contatto con il Paese reale. La sinistra non si è più preoccupata dei problemi né tantomeno delle soluzioni, diventando squisitamente ideologica e limitandosi a bastare a se stessa.
Ma se passi la vita a guardarti l' ombelico, sbatti contro il muro e gli altri ti mollano”.

Non ha tutti i torti Senaldi. Ogni santo giorno ci si rende conto di questa tara che affligge il mondo progressista e che, come scrive il direttore di Libero “ da plus si è trasformata in maledizione, talvolta tragica, spesso comica. La sinistra è talmente compresa nel ruolo salvifico dell' umanità che si è assegnata da sola da essere diventata intimamente razzista”.

Sì, se per razzisti si intendono tutti coloro che sono convinti della propria superiorità, di essere sempre nel giusto e chi disprezza chiunque abbia un pensiero diverso, tale da non essere degno nemmeno di essere ascoltato. Anzi deve essere ripudiato e isolato. Anche così nacquero i regimi totalitari, con una parte della popolazione appecoronata a una classe dirigente che si credeva un’élite, intenta a domare menti e coscienze, convinta di essere – lei sola – nel giusto.

Riflettiamo, gente, riflettiamo su questo razzismo più che palese, ormai. Da una parte la plebe ignorante, preda delle sirene dei vari Salvini o Di Maio, e dall’altra loro, gli illuminati. Gli unici e soli destinati, secondo loro, a salvare l’umanità.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi


Geminiani


fondazione carilucca


prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


martedì, 14 agosto 2018, 16:55

Se 4 mila euro al mese vi sembran pochi

Tremano tutti coloro che hanno più di 4000 euro netti al mese di pensione, più ovviamente tredicesima e quattordicesima. Pare siano tanti e molto molto arrabbiati: dirigenti, professionisti, intellettuali di vario genere e grado. In questi giorni sto ricevendo molte telefonate di colleghi giornalisti preoccupati, che inveiscono contro questo governo...


sabato, 28 luglio 2018, 18:52

Aldo Grandi kaputt! Luigi Briganti e l'incoerenza dei pasdaran della rivoluzione

Si chiama Luigi Briganti, di origini calabresi, ma abitante a Lucca, simpatizzante di Liberi ed Eguali, già vice direttore di una radio pesciatina nonché appassionato di Lucca Comics & Games, collaboratore di Fanpage.it e giornalista pubblicista fino a due anni fa quando scelse di cancellarsi dall'Albo.


Prenota questo spazio


lunedì, 23 luglio 2018, 12:17

Largo ai giovani, gli 'anziani' hanno stufato

Ma cosa devono fare i giovani e i neolaureati per farsi rispettare in questa nostra società gerontofila e baronale? Come fanno a farsi un curriculum se nessuno dà loro un’opportunità? Esemplare il caso della nuova responsabile della segreteria al ministero del Lavoro e a quello dello Sviluppo Economico, Assia Montanino,...


giovedì, 19 luglio 2018, 19:41

Quando il pronto soccorso è pronto e quando non lo è mai

Guai a chi parla sempre male dell’ospedale di Castelnuovo e a chi non si fa in quattro per evitare di depotenziarlo. Prendi l’accettazione. Per quanta folla ci sia, in pochi minuti chi si presenta viene valutato, gli viene assegnato il codice, presa la temperatura, la pressione.


mercoledì, 18 luglio 2018, 14:16

Un governo impuro

Questo governo è contaminato. Qualsiasi cosa faccia o farà sarà sempre sbagliata. Potrà fare cose di sinistra, che in teoria quindi la sinistra (non i renziani) dovrebbe apprezzare. Potrà fare cose di destra, quelle che la destra di Berlusconi non si è mai sognata di fare.


lunedì, 16 luglio 2018, 17:33

Il giornale di Chicco e le Gazzette

Tutti inneggiano al nascituro quotidiano online di Enrico Mentana che darà lavoro pagato ai giovani e farà lavorare gratis i “vecchi”, ovvero i giornalisti già affermati, con uno stipendio o una pensione, nel ruolo di maestri.