Anno 3°

mercoledì, 21 novembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Il complotto internazionale pro-Salvini

giovedì, 13 settembre 2018, 08:42

di barbara pavarotti

E’ in atto un complotto internazionale, sì, ma per far salire il gradimento di Salvini. Qualunque cosa dicano o facciano i vertici di Bruxelles e, recentemente, dell’Onu, appare fatta apposta per far schizzare le quotazioni di Salvini alle stelle. Gli ultimi sondaggi vedono la Lega volare: se si votasse oggi raccoglierebbe il 32 per cento di consensi rispetto al 17 per cento del 4 marzo.

L’ultimo massiccio aiuto al leader leghista è venuto dall’annuncio dell’Alto Commissario per i diritti umani, Michelle Bachelet, di inviare ispettori in Italia per metterci in riga sul fronte violenza e razzismo. E giù risate, indignazione fin troppo facile, marea di articoli su sprechi, corruzione, privilegi e nefandezze varie del “carrozzone” Onu, dove i costi del personale rappresentano i due terzi delle uscite e al quale l’Italia dà ogni anno – fra Nazioni Unite e agenzie collegate -714 milioni di euro.

In effetti mai che l’Onu si sia preoccupato di mafia, camorra, ‘ndrangheta, di cui siamo e siamo stati ottimi esportatori nel mondo, né si preoccupa granché dei diritti umani violati in paesi come la Turchia, tanto per fare un esempio, dove gli oppositori finiscono regolarmente in galera. Sì, qualche reprimenda, qualche dichiarazione d’intenti e nulla più. Il Consiglio per i diritti umani, che lavora a stretto contatto con l’Alto Commissariato della Bachelet,  ha nel suo mirino particolarmente Israele, condannato dal 2006 ben 68 volte. Seguono Siria, venti condanne, Corea del Nord, nove, e Iran, sei.

L’Onu ha la sede principale a New York, e poi a Ginevra, Vienna, Nairobi e tanti altri uffici minori sparsi sul pianeta. Ne fanno parte 193 stati, in pratica tutto il mondo, visto che le nazioni sulla terra sono 196. Gli esclusi sono paesi che non hanno ancora avuto il riconoscimento internazionale: il Nagorno-Karabach, nel Caucaso meridionale, 143.000 abitanti e un’estensione pari a metà della Sardegna; il Somaliland, autoproclamatosi indipendente dalla Somalia nel 1991 e la Transnistria, al confine con la Moldavia, indipendente dal 1991 e più piccola della Liguria. Poi c’è Taiwan, estromesso nel 1971 per volere della Cina e Vaticano e Palestina con lo status speciale di osservatori.

Insomma, visto che il suo raggio d’azione è mondiale, ci si domanda perché mai non fiocchino sanzioni dell’Onu e dei suoi organismi pro diritti umani verso paesi dove vige la pena di morte. Perché non siano espulse quelle nazioni che praticano la sharia, dove le donne sono segregate e gli omosessuali torturati, dove non esiste alcun diritto di stampa, espressione, libertà religiosa, dove le  persone vengono decapitate o lapidate. No, e basta un solo esempio per spiegarlo. Nel 2016 l’Arabia Saudita fu condannata per i bombardamenti in Yemen, dove morirono centinaia di bambini. Ma le pressioni dei sauditi e tutti i paesi dell’Organizzazione della cooperazione islamica convinsero l’allora segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon a recedere. Capita l’antifona?

Quindi appare decisamente più facile occuparsi dell’Italia e del suo razzismo verso “migranti, persone di discendenza africana e rom”. Poi i caschi blu dell’immigrazione faranno una puntata anche in Austria. Ma che faranno in concreto? Saranno agenti sotto copertura infiltrati in strade e piazze? Macché. Sarà un team di burocrati che incontrerà i responsabili delle Ong e chiunque abbia denunce da fare, si vedrà coi soliti politici e poi stilerà un bel rapporto che dipingerà l’Italia nel modo più nefasto possibile.

E tutto questo viene ordinato dalla Bachelet, che è stata presidente del Cile fino a marzo, socialista, grande estimatrice di Fidel Castro, del venezuelano Maduro e del brasiliano Lula. Ad agosto, è stata assegnata a uno degli incarichi più importanti e meglio pagati del Palazzo di vetro, con un budget annuale di 100 milioni di dollari e uno staff di 1300 persone. Quella verso l’Italia dunque è una delle sue prime mosse. Non male come inaugurazione. Facile per Salvini ribattere che dovrà valutare insieme agli alleati se sia giusto continuare a pagare “per finanziare sprechi, mangerie, ruberie di un organismo che vorrebbe venire a dare lezioni all’Italia” e che non ha il coraggio di indagare sui propri stati membri “che ignorano diritti elementari come la libertà e la parità fra uomo e donna”. Se l’Italia, che è fra i primi 10 finanziatori dell’Onu, smettesse di pagare sarebbe un disastro. Già ci ha pensato Trump, pochi mesi fa,  a gettare nella disperazione la comunità internazionale. Se n’è andato dal Consiglio per i diritti umani accusandolo di essere “un pozzo di pregiudizi politici, un’organizzazione ipocrita ed egoista” e ha tagliato un po’ di fondi.

In tutto questo Salvini gongola perché qualsiasi attacco diventa un boomerang per chi lo lancia. Juncker, il presidente della Commissione Ue, non sa più che pesci prendere. Si dichiara allibito dalle parole e dal comportamento del ministro dell’Interno e dice: “Salvini ha detto che ogni volta che apro bocca lui guadagna voti. Ecco, io non voglio essere utile a lui, ma all’Italia”. Il problema è che quasi nessuno, in Italia, a Juncker crede più.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi


Geminiani


fondazione carilucca


prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


lunedì, 19 novembre 2018, 20:45

Che fine ha fatto 'Lo Schermo?"

Stefano Giuntini non vuole assolutamente commentare, troppi sono l'amarezza e il disappunto. Lui, che è stato un pioniere del giornalismo on line a Lucca, fondatore de Lo Schermo, vederlo ridotto in questo stato, con le pagine ferme e non aggiornate da giorni, senza collaboratori e, almeno fino a quando non sarà...


venerdì, 9 novembre 2018, 20:09

Il verso della civetta

Diciamo la verità. A noi Forza Italia non è mai piaciuta, nemmeno ai tempi in cui aveva l'Italia in pugno, quegli anni Novanta che, poi, abbiamo visto tutti come sono andati a finire. Figuriamoci se può piacerci ora, molto più simile a una repubblica sudamericana dove gli ufficiali sono più...


Prenota questo spazio


lunedì, 22 ottobre 2018, 22:02

Avevamo ragione noi!

Ormai non sappiamo nemmeno quante querele e altrettanti esposti all'ordine professionale ci hanno interessato in questi sette anni di Gazzette. Segnalazioni per violazione di tutti i codici etimologici esistenti, perfino per quelli non ancora varati. Accuse di razzismo, fascismo, populismo, qualunquismo.


domenica, 14 ottobre 2018, 18:59

Simona Bonafè e chi è?

Le solite voci bene informate in terra garfagnina dicono che sia sbarcata a Castelnuovo Garfagnana e, successivamente, a Castelvecchio Pascoli, attorniata da milioni, pardon migliaia, scusate centinaia, che dico?, decine di simpatizzanti. Sì, proprio lei, Simona Bonafè, quel che resta del Pd renziano ormai scivolato, a livello nazionale, al di...


domenica, 7 ottobre 2018, 23:36

Amaro Lucano

Qualcuno ha chiesto al sottoscritto di occuparsi, nella rubrica Ce n'è anche per Cecco a cena, del sindaco di Riace, Domenico Lucano, agli arresti domiciliari per aver favorito l'immigrazione clandestina organizzando e celebrando matrimoni tra alcuni abitanti del suo paese e donne sbarcate sulle spiagge italiane grazie all'apertura massiccia delle nostre...


lunedì, 1 ottobre 2018, 22:56

Meglio populisti che gufi

A chi scrive Il Tirreno, quotidiano livornese schierato da sempre a sinistra, non è mai piaciuto granché, salvo quando, tanti anni fa, rappresentava, con la cronaca nera, la migliore scuola di giornalismo sul campo. Oggi, addirittura, l'autore di queste righe si è visto segnalare con un esposto all'ordine professionale da parte...