Anno 3°

mercoledì, 21 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

L'Anticristo

mercoledì, 5 dicembre 2018, 07:39

di aldo grandi

A chi, come chi scrive, l'asticella dell'età si è ormai innalzata fin quasi la soglia dei sessant'anni, il ricordo del Natale a scuola non aveva assolutamente alcunché di eccezionale, ma era, diciamolo pure, scontato perché nessuna istituzione avrebbe mai rinunciato alla realizzazione del proprio presepe e/o del proprio albero. Non esistevano dubbi su cosa dovevamo credere né su come dovevamo celebrarlo e all'orizzonte ancora nessuno si era sognato di alzare l'indice e condannare un crocefisso appeso a una parete o una stalla con un bue e un asinello a far calore nelle fredde serate d'inverno. Il Natale è sempre stato, per l'Europa e non soltanto per l'Italia, un momento di preghiera, di riflessione, di devozione, di emozione. Basti pensare agli anni della guerra, quando in trincea o sui campi di battaglia di mezzo mondo i soldati, lontani da casa, celebravano il 25 dicembre con una nostalgia di casa ancora più forte e commossa, se possibile, degli altri giorni. I cappellani di guerra erano visti come punti di riferimento e di conforto da chi non sapeva se il giorno successivo sarebbe stato ancora come quello precedente. Oggi non è più così. Oggi e un giorno non molto lontano, sarà una conquista e una tragedia potersi e sapersi dire cristiani né più né meno di come lo fu ai tempi dell'antica Roma. A Pistoia, ieri sera, il consiglio comunale ha bocciato la richiesta di installare un presepe in ogni scuola, Una vergogna, un modo per non dirsi e non sentirsi non tanto cristiani, ma, peggio ancora, italiani. La paura di urtare la suscettibilità di chi proviene da altri mondi senza che nemmeno questi lo abbia manifestato e, anzi, sorpresi e basiti di scoprire che noi, il Vecchio Mondo, siamo pronti a rinunciare alle nostre radici e alla nostra identità.

Non ci spaventa né ci ferisce che a boicottare un crocefisso o una stalla con un bue e un asinello siano i profeti del Nuovo Mondo, un evo, fortunatamente, mai avvenuto e, anzi, come nella ex Urss e nella ex Jugoslavia, abortito non senza aver inghiottito e sepolto generazioni intere. Lo sappiamo. La Sinistra, sia essa il socialismo o il comunismo, hanno come minimo comune denominatore una società senza Dio, senza nemmeno i valori cristiani che dovrebbero starne a fondamento. Tutto è ridotto all'essenza di una lotta tra le classi che, il più delle volte nel corso della Storia, è esistita solamente nelle menti deformate di chi credeva nell'avvento dell'Uomo Nuovo.

Quello che ci fa più tristezza, che ci infligge la più inguaribile e incomprensibile delle ferite è che sia la Chiesa stessa come istituzione, a essere scesa in campo con l'obiettivo di una desacralizzazione totale di tutto ciò che, un tempo, era considerato il Sacro. Se la Chiesa parla e agisce come un'associazione di volontariato, allora spiegateci quale è la differenza con una società di mutua assistenza e quale sarebbe il suo ruolo? 

In passato, il sottoscritto per primo, mal sopportava i cosiddetti dogmi che, spesso per non dire sempre, era incapace di comprendere alla luce della razionalità contemporanea, ma mai si sarebbe aspettato, un giorno nemmeno troppo distante, di strabuzzare gli occhi di fronte a una Chiesa che non ha più alcun dogma e tutto è pronta a rimettere in discussione. Ma allora in che cosa essa si differenzia da uno dei tanti politicanti che si ergono a provvidenziali guide del genere umano?

La religione appartiene alla sfera del sacro e rappresenta, da sempre, qualcosa di soprannaturale e di ancestrale per gli uomini che hanno iniziato a popolare questa sfera chiamata terra. Oggi, complici una scienza e una tecnologia condotte alla esasperazione, una presunzione e una sensazione di onnipotenza portate all'estremo, la religione, la nostra in primis, ha perso i suoi fedeli, i suoi riti, le sue consuetudini, le sue radici, financo la sua stessa ragione d'essere. Oggi tutto è relativo e niente è assoluto, ma può andare bene, questo ragionamento, in un'aula parlamentare, all'interno di un'assise internazionale, non nel cuore, spesso solitario, dell'Uomo che sa di essere solo e nemmeno riesce ancora a spiegarsi perché. 

Mai un papa aveva osato tanto, al punto che più che il rappresentante di Dio in terra sembra divenuto il portavoce di tutto e di tutti proprio perché non lo è più di niente e di nessuno. Queste aperture incondizionate a milioni di persone che professano un'altra religione e altri usi e costumi, il non opporsi mai, nemmeno con una parola, alla sostituzione dei simboli del cristianesimo sin dalla più tenera età, così nelle scuole come, poi, negli uffici, il prendere per mano chi ha fatto dell'aborto una religione di vita, il non riuscire ad arginare i fenomeni dilaganti tra il clero dell'omosessualità e della pedofilia, l'aprirsi cioè della Chiesa come istituzione al dubbio e  alla secolarizzazione spinta, ebbene, tutto questo ha finito per stravolgere le coscienze gettando il dubbio e il rifiuto in chi non ha bisogno di un consigliere spirituale, ma di una fede in cui credere, di un Credo quia absurdum che dia un senso di appartenenza e una speranza.

Adesso, con sessanta primavere all'orizzonte, ci appare chiaro quel che, un tempo, sembrava oscurantismo puro e semplice. La Chiesa ha la sua ragion d'essere nel saper portare avanti i propri dogmi senza i quali essa non sarebbe diversa da una qualsiasi associazione di mutuosoccorso o da una congregazione di amletici discepoli. A Pistoia cosi come in tante altre città d'Italia dove il Natale, nelle scuole o in altri luoghi aperti al pubblico, non ha ragione di essere celebrato per non urtare la suscettibilità altrui, è andato in scena il primo atto dell'apocalisse prossima ventura.

 


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi


Geminiani


fondazione carilucca


prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


giovedì, 8 agosto 2019, 21:14

Giornali stampati su carta da cesso: ultima trovata per frenare la perdita di copie

Pare che giri sul web o da qualche altra parte la notizia, clamorosa se vera, che alcuni Maestri della libertà di stampa e dell'ambientalismo estremo avrebbero trovato la soluzione al male che affligge, da anni, gli editori ossia l'emorragia inarrestabile di copie perdute.


domenica, 28 luglio 2019, 15:30

Carabiniere ammazzato, ma quali lavori forzati?, pena di morte e via...

Nemmeno il tempo di prenderci due giorni di riposo per celebrare il compleanno ed ecco che il colonnino del Cecco a cena rivendica i propri diritti. E la realtà, va detto, non ci pensa granché a fornire spunti per i nostri commenti. A Roma un carabiniere è stato ammazzato.


Prenota questo spazio


martedì, 23 luglio 2019, 13:34

Matteo Renzi al Ciocco per formare la nuova classe digerente

Incredibile, ma vero. Al Ciocco, regno più o meno incontrastato del feudatario targato Pd Andrea Marcucci, dal 21 al 24 agosto sarà di scena, nelle vesti di insegnante di politica e democrazia, nientepopodimeno che Matteo Renzi.


mercoledì, 17 luglio 2019, 12:17

Ora anche la Russia: le trovano tutte pur di smantellare Salvini, ma il Pci è stato foraggiato per decenni dai soldi dell'Urss

Quando questo scribacchino di provincia cominciò a scrivere si era nel lontano 1986. Un periodico, Orizzonti della sinistra, diretto da Italo Avellino, cercava dei collaboratori. La sede era a due passi da ponte Cavour, cuore di Roma.


giovedì, 11 luglio 2019, 21:05

La pubblicità 'sessista' non doveva essere rimossa. Così l'hanno avuta vinta i talebani verniciati di rosso

Che l'Italia sia un Paese formato, per la maggior parte, di levantini e soltanto raramente e in circoscritte contingenze ed emergenze storiche, si formino ed emergano minoranze rivoluzionarie non lo abbiamo detto noi, ma un certo Giaime Pintor nel suo Sangue d'Europa, personaggio che, scommettiamo i nostri miseri redditi, nell'assise...


martedì, 9 luglio 2019, 23:02

Pubblicità sessista che invita alla sopraffazione: a Sinistra si son bevuti il cervello

No. Non è giusto. Chi scrive stava, letteralmente, stravaccato sul letto con tanto di ventilatore sparato a forza 1 - forza 2 e forza 3 troppo forti - e già assaporava l'abbandono consueto tra le braccia di Morfeo, che non è un uomo beninteso - quando il solito, mitico, unico...