Anno 3°

sabato, 20 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Bolsonaro a Lucca, i sindacati non... concedono il permesso

martedì, 29 gennaio 2019, 16:36

di aldo grandi

Questa storia della visita del presidente del Brasile Jair Bolsonaro a Lucca, città da dove partirono i suoi nonni per raggiungere il Sudamerica, acquisisce ogni giorno di più i contorni di una farsa. La Sinistra, evidentemente sulle barricate per l'avvento al Governo della Lega e dei 5Stelle, si ritiene in grado oltreché in diritto di insorgere contro un viaggio diplomatico che Bolsonaro compirà a maggio in Italia. Alessandro Tambellini - a proposito, gli abbiamo inviato un sms per una intervista, nemmeno ha risposto, evidentemente non siamo a lui graditi come, invece, altre testate - ha detto la sua manifestando riserve all'incontro, in sostanza per lui sarebbe meglio che non venisse. A ruota alcuni esponenti di Sinistra per Tambellini e la Fiom Cgil con il suo segretario Mauro Rossi. Poi, questa mattina, un comunicato dell'Unità Sindacale di Base lavoro privato il quale annuncia mobilitazione pubblica. Ma la cosa che, più di ogni altra, fa ridere se non ci fosse da piangere è che i sindacati biasimano l'intervista rilasciata dall'amministratore della Fabio Perini spa, il brasiliano Cruz, il quale si era detto entusiasta di poter ricevere il suo presidente della Repubblica a Lucca. Per i sindacalisti l'errore non solo sta nell'averla fatta, l'intervista, il 27 gennaio Giornata della Memoria, ma, addirittura nell'aver preso l'iniziativa di invitare Bolsonaro a Lucca alla Perini spa senza aver prima consultato le proprie maestranze ossia i rappresentanti sindacali e i lavoratori.

Ora, a parte il fatto che tutta questa opposizione alla visita di Bolsonaro, presidente di origini lucchesi, ci sembra fuori luogo essendo stato eletto dopo regolari consultazioni e senza che sia stata utilizzata violenza alcuna per vincere, suona, addirittura, incredibile e allucinante che l'amministratore delegato di una azienda come la Fabio Perini spa, ma in generale di qualsiasi azienda, debba, per invitare un capo di stato, chiedere il permesso e il gradimento ai suoi dipendenti. Quindi il signor Cruz, prima di manifestare il suo interesse ed entusiasmo nell'invitare ufficialmente Bolsonaro a Lucca, avrebbe dovuto, forse, indire una sorta di referendum attraverso il quale i lavoratori avrebbero scelto al posto suo. 

Pur con tutto il rispetto per lo Statuto dei lavoratori nato nel lontano 1970, questa richiesta da parte dei sindacati rasenta il ridicolo poiché non si capisce in base a quale criterio la proprietà di un'azienda dovrebbe seguire le indicazioni dei propri dipendenti anche in materia di visite ufficiali. Tutto ciò la dice lunga su quanto i sindacati siano arroccati su posizioni rivendicative fuori dal tempo. A noi viene logico pensare che se un imprenditore, un commerciante, un ristoratore desiderano invitare ed accogliere Jair Bolsonero, hanno tutto il diritto di farlo senza dover ascoltare il parere di chicchessia. Ha fatto bene, quindi, Cruz a lanciare l'idea e fanno bene tutti quelli che gli andranno dietro. Quanto alla Sinistra, così impariamo ad andare al mare invece che a votare. Comunque forza e coraggio, il tempo passa veloce.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi


Geminiani


fondazione carilucca


prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


mercoledì, 13 marzo 2019, 12:18

Piattume o pattume?

Si ragionava, con una collega, una di quelle che hanno il cervello e che, soprattutto, lo fanno funzionare, sul presente del giornalismo locale. Ed eravamo concordi nel ritenere che il piattume la fa da padrone un po' ovunque.


lunedì, 18 febbraio 2019, 19:38

Caso Diciotti, una farsa con i 5Stelle nel ruolo di giullari

Per chi ha la memoria - e non soltanto - sufficientemente buona per ricordare gli anni della Prima Repubblica, l'autorizzazione a procedere nei confronti di un parlamentare è cosa cui le cronache del tempo ci avevano abituato.


Prenota questo spazio


lunedì, 14 gennaio 2019, 11:38

Di Cesare Battisti, per noi, ce n'è solo uno e non è quello arrestato in Bolivia

Con quel nome e quel cognome c'è da domandarsi come abbia fatto, poi, a divenire quel che è stato. Cesare Battisti da Cisterna di Latina, nato nel 1954, è un ex terrorista accusato e condannato per vari reati e latitante dopo essere fuggito dal carcere in cui si trovava, a...


sabato, 5 gennaio 2019, 18:23

Italiani e no

La Sinistra è votata al suicidio. Politico, ovviamente. Invece di cercare di capire perché gli elettori si sono allontanati, continua a rivolgersi e a prendere come punti di riferimento e di militanza gli extracomunitari. Così facendo, dimostra ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, ma è dai tempi delle...


lunedì, 31 dicembre 2019, 17:25

Auguri di buon anno a tutti (fascisti compresi)

Noi non sappiamo se questa giunta possiede il dono del buonsenso, ma, a volte, ne dubitiamo. Il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini ha fatto approvare una delibera sugli spazi pubblici da assegnare solo a chi farà espressa manifestazione di fede antifascista, ma nei confronti di CasaPound come pensa di agire...


lunedì, 24 dicembre 2018, 17:45

Ma cosa c'entrano gli immigrati e la tutela della Costituzione con l'omelìa di Natale?

Nell'omelìa che il vescovo monsignor Italo Castellani leggerà questa sera nella cattedrale di San Martino, c'è un forte appello, come è giusto che sia, alla fratellanza e all'aiuto dei più deboli. Quello che, però, in quanto cristiani e difensori di una civiltà e di una Storia pur con tutti i...