Anno 3°

lunedì, 19 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Bolsonaro a Lucca, i sindacati non... concedono il permesso

martedì, 29 gennaio 2019, 16:36

di aldo grandi

Questa storia della visita del presidente del Brasile Jair Bolsonaro a Lucca, città da dove partirono i suoi nonni per raggiungere il Sudamerica, acquisisce ogni giorno di più i contorni di una farsa. La Sinistra, evidentemente sulle barricate per l'avvento al Governo della Lega e dei 5Stelle, si ritiene in grado oltreché in diritto di insorgere contro un viaggio diplomatico che Bolsonaro compirà a maggio in Italia. Alessandro Tambellini - a proposito, gli abbiamo inviato un sms per una intervista, nemmeno ha risposto, evidentemente non siamo a lui graditi come, invece, altre testate - ha detto la sua manifestando riserve all'incontro, in sostanza per lui sarebbe meglio che non venisse. A ruota alcuni esponenti di Sinistra per Tambellini e la Fiom Cgil con il suo segretario Mauro Rossi. Poi, questa mattina, un comunicato dell'Unità Sindacale di Base lavoro privato il quale annuncia mobilitazione pubblica. Ma la cosa che, più di ogni altra, fa ridere se non ci fosse da piangere è che i sindacati biasimano l'intervista rilasciata dall'amministratore della Fabio Perini spa, il brasiliano Cruz, il quale si era detto entusiasta di poter ricevere il suo presidente della Repubblica a Lucca. Per i sindacalisti l'errore non solo sta nell'averla fatta, l'intervista, il 27 gennaio Giornata della Memoria, ma, addirittura nell'aver preso l'iniziativa di invitare Bolsonaro a Lucca alla Perini spa senza aver prima consultato le proprie maestranze ossia i rappresentanti sindacali e i lavoratori.

Ora, a parte il fatto che tutta questa opposizione alla visita di Bolsonaro, presidente di origini lucchesi, ci sembra fuori luogo essendo stato eletto dopo regolari consultazioni e senza che sia stata utilizzata violenza alcuna per vincere, suona, addirittura, incredibile e allucinante che l'amministratore delegato di una azienda come la Fabio Perini spa, ma in generale di qualsiasi azienda, debba, per invitare un capo di stato, chiedere il permesso e il gradimento ai suoi dipendenti. Quindi il signor Cruz, prima di manifestare il suo interesse ed entusiasmo nell'invitare ufficialmente Bolsonaro a Lucca, avrebbe dovuto, forse, indire una sorta di referendum attraverso il quale i lavoratori avrebbero scelto al posto suo. 

Pur con tutto il rispetto per lo Statuto dei lavoratori nato nel lontano 1970, questa richiesta da parte dei sindacati rasenta il ridicolo poiché non si capisce in base a quale criterio la proprietà di un'azienda dovrebbe seguire le indicazioni dei propri dipendenti anche in materia di visite ufficiali. Tutto ciò la dice lunga su quanto i sindacati siano arroccati su posizioni rivendicative fuori dal tempo. A noi viene logico pensare che se un imprenditore, un commerciante, un ristoratore desiderano invitare ed accogliere Jair Bolsonero, hanno tutto il diritto di farlo senza dover ascoltare il parere di chicchessia. Ha fatto bene, quindi, Cruz a lanciare l'idea e fanno bene tutti quelli che gli andranno dietro. Quanto alla Sinistra, così impariamo ad andare al mare invece che a votare. Comunque forza e coraggio, il tempo passa veloce.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi


Geminiani


fondazione carilucca


prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


giovedì, 8 agosto 2019, 21:14

Giornali stampati su carta da cesso: ultima trovata per frenare la perdita di copie

Pare che giri sul web o da qualche altra parte la notizia, clamorosa se vera, che alcuni Maestri della libertà di stampa e dell'ambientalismo estremo avrebbero trovato la soluzione al male che affligge, da anni, gli editori ossia l'emorragia inarrestabile di copie perdute.


domenica, 28 luglio 2019, 15:30

Carabiniere ammazzato, ma quali lavori forzati?, pena di morte e via...

Nemmeno il tempo di prenderci due giorni di riposo per celebrare il compleanno ed ecco che il colonnino del Cecco a cena rivendica i propri diritti. E la realtà, va detto, non ci pensa granché a fornire spunti per i nostri commenti. A Roma un carabiniere è stato ammazzato.


Prenota questo spazio


martedì, 23 luglio 2019, 13:34

Matteo Renzi al Ciocco per formare la nuova classe digerente

Incredibile, ma vero. Al Ciocco, regno più o meno incontrastato del feudatario targato Pd Andrea Marcucci, dal 21 al 24 agosto sarà di scena, nelle vesti di insegnante di politica e democrazia, nientepopodimeno che Matteo Renzi.


mercoledì, 17 luglio 2019, 12:17

Ora anche la Russia: le trovano tutte pur di smantellare Salvini, ma il Pci è stato foraggiato per decenni dai soldi dell'Urss

Quando questo scribacchino di provincia cominciò a scrivere si era nel lontano 1986. Un periodico, Orizzonti della sinistra, diretto da Italo Avellino, cercava dei collaboratori. La sede era a due passi da ponte Cavour, cuore di Roma.


giovedì, 11 luglio 2019, 21:05

La pubblicità 'sessista' non doveva essere rimossa. Così l'hanno avuta vinta i talebani verniciati di rosso

Che l'Italia sia un Paese formato, per la maggior parte, di levantini e soltanto raramente e in circoscritte contingenze ed emergenze storiche, si formino ed emergano minoranze rivoluzionarie non lo abbiamo detto noi, ma un certo Giaime Pintor nel suo Sangue d'Europa, personaggio che, scommettiamo i nostri miseri redditi, nell'assise...


martedì, 9 luglio 2019, 23:02

Pubblicità sessista che invita alla sopraffazione: a Sinistra si son bevuti il cervello

No. Non è giusto. Chi scrive stava, letteralmente, stravaccato sul letto con tanto di ventilatore sparato a forza 1 - forza 2 e forza 3 troppo forti - e già assaporava l'abbandono consueto tra le braccia di Morfeo, che non è un uomo beninteso - quando il solito, mitico, unico...