Anno 3°

mercoledì, 13 novembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Senza vergogna

giovedì, 22 agosto 2019, 08:22

di aldo grandi

Ci sono persone che hanno una bella faccia tosta. Altre che, senza nemmeno avere la faccia, l'hanno solo tosta e chi, addirittura, ha solamente la faccia, ma non gli serve a nulla. Matteo Renzi, ex capo del governo più fischiato e odiato d'Italia, ex segretario di un partito che ha bisogno del Viagra dell'antifascismo per continuare ad esistere, aveva detto a tutti che avrebbe abbandonato la politica dopo le due sberle elettorali piovute con il referendum e le politiche. Invece no, eccolo qua che, complice la crisi di governo, è spuntato di nuovo, senza vergogna, senza dignità politica, senza un minimo di rispetto per questo Paese che in lui ha avuto il peggior esempio di politico e uomo di governo. Chi lo ospita al Ciocco: ovviamente il suo polpaccio destro, Andrea Marcucci, capogruppo del Pd al Senato, personaggio notoriamente vicino alle classi popolari e meno abbienti, pronto a fornire ospitalità gratuita a migranti provenienti dal terzo mondo in giù fino al quindicesimo e ancora di più. 

Ma che viene a fare il putto fiorentino in Garfagnana il 21 di agosto quando avrebbe fatto meglio a recarsi in Versilia dove, se male non ricordiamo, aveva preso alloggio in un albergo a cinque stelle di Forte dei Marmi? E pensare che a Salvini hanno contestato di essersi fatto immortalare a torso nudo in spiaggia a Rimini...

Noi lo ricordiamo, il Renzi capo del governo, colui che aveva promesso di accogliere cani e porci fino all'inverosimile pur di ricevere dall'Unione Europea - cavolo, mica pizza e fichi, Unione Europea ragazzi - una benevola occhiata sui nostri conti pubblici. Il Renzi sbarca a queste latitudini per insegnare, udite udite, come si fa politica alla nuova classe digerente pardon dirigente. Alcuni periodici sdraiati sulla linea del potente feudatario hanno parlato di oltre mille richieste di iscrizione e la cosa ci fa riflettere. Cosa avrà mai da insegnare un presidente del Consiglio ormai ex da un pezzo che ne ha combinate di tutti i colori, rosso e nero soprattutto, e che si è fatto ridere dietro da chi conosce un minimo di inglese scolastico a chi legge la storia e un po' ne capisce.

Noi non sappiamo quali e quanti libri di storia e di storia del fascismo e della nostra repubblica abbia letto il Nostro. Scommettiamo, tuttavia, che indipendentemente da numero e titolo non ha imparato granché. A noi - azz... occhio all'apologia di fascismo - che ci chiamiamo Grandi ci aveva scambiati per parenti di Dino, notevole ministro degli Esteri di Mussolini e abile politico, altro che queste mezze calzette, additandoci come biografi di Almirante e, quindi, fascisti. A Renzi diciamo di studiare, studiare e studiare, poi, una volta studiato, studiare ancora. Noi Italiani non lo vogliamo, non lo stimiamo, non lo sopportiamo e ce ne vergognamo. Di lui e di tutta la classe politica verniciata di rosso che vuole colonizzarci e trasformarci in una colonia afroasiatica.

Renzi, il sottoscritto glielo confessa candidamente: ogni volta che guarda la sua immagine viene colto da forti crampi alla pancia, proprio quella pancia che dà coraggio e forza agli italiani di sperare di potervi cacciare, voi tutti politicanti privi di rappresentanza e traditori di sovranità, per poter finalmente respirare aria pura in questa povera Italia che avete ridotto ad una cloaca. 


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi


Geminiani


fondazione carilucca


prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


mercoledì, 23 ottobre 2019, 13:03

Talpe, mandanti e tarponi

La nostra interSvista al presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca Marcello Bertocchini ha suscitato scalpore, ma una cosa deve essere chiara: non era nostro intento mettere sotto accusa la Fondazione stessa, semplicemente fare il nostro mestiere di rompicoglioni. E, modestamente parlando, crediamo di esserci riusciti.


martedì, 15 ottobre 2019, 09:33

Sabrina Landucci, un esempio per tutti: chapeau!

E' andata in onda stamani, su Canale 5, nella trasmissione condotta da Federica Panicucci, la vicenda relativa alle violenze subìte da Sabrina Landucci, ex moglie di Mario Cipollini, attualmente compagna di Silvio Giusti ex calciatore della Lucchese Libertas 1905 dei tempi d'oro.


Prenota questo spazio


mercoledì, 9 ottobre 2019, 13:38

Ai giornali (bambini) buoni i soldi (la dolce Euchessina) della Regione, a quelli cattivi, un c...o (che spingano)

Ieri pomeriggio è arrivato in redazione un articolo speditoci dall'agenzia di stampa della Regione Toscana con cui l'assessore Vittorio Bugli, ovviamente del Pd, annunciava di aver stanziato oltre due milioni e mezzo di euro per l'informazione locale, televisiva, cartacea e on line.


domenica, 8 settembre 2019, 19:55

Italiani dovete morire

L'8 settembre 1943 era un mercoledì e faceva caldo, forse più caldo degli altri settembre che lo avevano preceduto. Gli italiani aspettavano la fine della guerra da un momento all'altro, tanto, ormai, erano sicuri di averla persa.


venerdì, 6 settembre 2019, 09:25

Cani e porci

I cani quelli no, non li abbiamo visti se non, ogni tanto, al guinzaglio dei loro padroni, ma di porci, ebbene, soprattutto ad alta quota, passando dal versante orientale a quello occidentale al centro dell'Ile de Beauté, ne abbiamo scorti.


lunedì, 2 settembre 2019, 12:58

Querele, denunce, processi, procedimenti disciplinari, censure, sospensioni ma, alla fine, le Gazzette sono ancora lì, più forti che mai

Da quando questo folle scribacchino di provincia ha aperto, una per una, le Gazzette, non sono mancati - tutt'altro - le querele, le denunce, i processi, i procedimenti disciplinari al (dis)ordine dei giornalisti, gli avvertimenti, le censure, financo le sospensioni, addirittura, per tre mesi.