Anno 3°

martedì, 26 maggio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Cani e porci

venerdì, 6 settembre 2019, 09:25

di aldo grandi

I cani quelli no, non li abbiamo visti se non, ogni tanto, al guinzaglio dei loro padroni, ma di porci, ebbene, soprattutto ad alta quota, passando dal versante orientale a quello occidentale al centro dell'Ile de Beauté, ne abbiamo scorti. Ma si trattava di porci lontani anni luce da quelli cui siamo abituati a queste latitudini, soprattutto, a quelle romane. Porci sì, ma che vagavano in mezzo alla strada e non certo su auto blu, magri e senza un filo di grasso, abituati a cibarsi dei frutti del sottobosco mentre i loro fratelli cresciuti nella capitale vivono in ben altro sottobosco e, in particolare, amano mangiare a quattro ganasce ben altre portate. Pensavamo, invero, che trascorrere alcuni giorni sul molo, ma al di là del mare, ci avrebbe aiutato a recuperare fiducia e speranza e a stemperare la rabbia accresciutasi in questi ultimi tempi a seguito del colpo di stato strisciante posto in essere dai servitori nostrani dello straniero, dei leccaculo e delle puttane al servizio degli organismi sovranazionali. Purtroppo non ci siamo riusciti.

Anche a così tanti chilometri di distanza, in mezzo ad un mare così trasparente che più trasparente non si può, è stato impossibile non avvertire il tanfo dei miasmi provenienti dalle istituzioni politiche che, a Roma, si sono spartite il potere alla faccia e alle spalle del popolo delegittimato e privato della sua sovranità grazie a manovre di corridoio che ad altro non sono servite se non ad allontanare ancora di più il paese reale dal paese legale, la gente comune da coloro che dovrebbero rappresentarla, la ragione dal buonsenso popolare. 

Cani e porci dicevamo, ma è un complimento. In un mondo politico dove i cani e i porci sono la maggioranza, a qualunque età e partito, si lamenta l'assenza degli esseri umani. Provenienti da un evo e da una epoca storica in cui chi abita da sempre un territorio è il solo a poterlo e doverlo proteggere e difendere, siamo ritornati via nave in quel di Livorno, città dove la mediocrità e il degrado sono patrimonio del Dna e impossibili da modificare. Appena rientrati abbiamo appreso la nuova squadra di Governo, questa sorta di lazzaretto che si appresta a governare, si fa per dire, un paese ormai privo di identità e spremuto a dovere dai veri traditori che si annidato nei palazzi della politica romana e in quelli dell'Oltretevere abitati dall'omino vestito di bianco e dai suoi seguaci svenduti al mondialismo che abbatte ogni differenza - non diseguaglianza - in nome di un appiattimento sociale e umano che offende la dignità di ogni individuo.

Questo Governo formato per non permettere al popolo di scegliere da chi essere governato è soltanto un burattino nelle mani dell'Unione Europea, dei mercanti di schiavi del nuovo mondo, di coloro che detengono milioni di vite premendo un bottone e trasferendo capitali da uno stato all'altro, di politicanti da strapazzo che vivono oltreconfine e che pretendono di decidere la vita dei popoli senza rispettarne i desiderata. 

Il nostro disprezzo per il partito democratico, il presidente della Repubblica, il Pentastellati, tutte le altre comparse di questo teatrino di cartapesta è massimo, indicibile, tale da farci vomitare per lo schifo e per il disgusto di dover ancora una volta, come accadde l'8 settembre 1943, prendere atto che il popolo non conta niente nemmeno in democrazia dove intellettuali e servi di regime si sciacquano la bocca con le parole del politicamente corretto.

Cani e porci, in questo stivale sfasciato, la fanno da padroni, ma a differenza dei veri cani e dei veri porci, pretendono di avere una dignità che non meritano né hanno e di essere anche più intelligenti mentre, al contrario, sono solamente più brutti, sporchi e cattivi.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi

prenota_spazio

tuscania

prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


lunedì, 18 maggio 2020, 21:30

Polli da allevamento

Se un risultato, oltre ai tanti che hanno tentato, riuscendoci, di inculcarci, questo virus ha ottenuto, è stato quello di produrre milioni di polli da allevamento. Tradotto in parole povere, ha permesso alle élites dominanti che non sono, certamente, i poveri debosciati pentapallati o i piddini senza arte né parte,...


domenica, 10 maggio 2020, 21:24

Silvia Romano? Regaliamole anche il... biglietto di ritorno

La prima cosa che ci è balzata agli occhi e alla testa tutt'altro che devastata dal clima di terrore inculcato in questi mesi dai teorici del lockdown spinto all'estremo - questa razza di bastardi senza gloria - è stata che, a nostro modesto avviso e, se non altro, per una...


Prenota questo spazio


mercoledì, 29 aprile 2020, 18:47

Il Coronavirus ha spazzato via la Chiesa e la scuola

Tra i tanti interventi apparsi un po' ovunque in questi quasi due mesi di lockdown e attinenti l'emergenza sanitaria, nessuno o quasi ha affrontato quello che, dopo l'emergenza economica e psicologica delle masse, è stato ed è, a nostro avviso, il risultato più evidente e devastante della cosiddetta deresponsabilizzazione della...


domenica, 26 aprile 2020, 23:31

Giù la testa, coglioni

Ma allora avevamo ragione noi! Ci hanno preso per il culo da due mesi e ci prenderanno per il culo anche per tre. Dopo aver letto, non sentito perché soltanto ascoltarlo ci fa venire nausea e vomito, il discorso di Giuseppe Conte, ci siamo messi le mani non nei capelli,...


lunedì, 13 aprile 2020, 02:04

Coronavirus, ora stanno esagerando: vogliono distruggerci e ridurci allo stremo

Sono dei bastardi. E non ci vergogniamo certo di dirlo. Dei traditori. Dei criminali. Aggiungete pure voi quello che vi pare, ma la sostanza non cambia. Sta crescendo il numero delle persone che si tolgono la vita per la disperazione, che cadono in depressione, che si imbottiscono di psicofarmaci per...


venerdì, 27 marzo 2020, 21:23

Solo in Italia si sciopera durante il Coronavirus e intanto cominciano gli assalti ai supermercati: un Governo di inetti sta spingendo il Paese alla rovina

A Palermo hanno tentato di fare quella che, negli anni Settanta, si chiamava spesa proletaria. Hanno, cioè, alcune famiglie, dato l'assalto ad un supermercato della Lidl dopo essersi riunite a seguito di un gruppo facebook formato per l'occasione.