Anno 3°

mercoledì, 1 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Yamila Bertieri (Lega) di Borgo a Mozzano, ci fa la cortesia di spedire i comunicati stampa lo stesso giorno a tutti i giornali? Nell'attesa sospendiamo le pubblicazioni dei suoi articoli

venerdì, 10 gennaio 2020, 21:54

di aldo grandi

C'è un problema, pare, a Borgo a Mozzano. Non esageriamo ché di problema è davvero arduo parlare quanto, piuttosto, di una disfunzione che a nostro modesto avviso va risolta in un modo o nell'altro. C'è una certa Yamila Bertieri la quale, un giorno sì e l'altro pure, a nome della Lega di Borgo a Mozzano, invia alla nostra redazione un comunicato stampa. Noi, ovviamente e come facciamo con tutti, indistintamente, glieli pubblichiamo tutti nonostante la sua sia una vera e propria mission impossible. Il sottoscritto, così come Andrea Cosimini anima e cuore della Gazzetta del Serchio, non ci aveva fatto caso. Qualcuno, però, più attento di noi, ci aveva fatto non solo caso, ma lo aveva visto più volte accadere e, così, ci ha informato. In sostanza, fino a qualche tempo fa la Yamila inviava i comunicati del suo partito, la Lega, lo stesso giorno a tutti i giornali, cartacei e non con il risultato che, ovviamente ed essendo noi un quotidiano on line, finivano per essere pubblicati il giorno stesso sulla Gazzetta e, quello seguente, sui giornali cartacei. Improvvisamente, ci faceva notare anche un collega, i comunicati sono cominciati ad apparire prima sui quotidiani cartacei nelle pagine della Mediavalle e della Garfagnana e, poi, sui quotidiani on line. Segno evidente che qualcuno ha protestato. Si dà il caso che i comunicati, adesso, arrivino a noi la mattina presto di ogni giorno cosicché, appena pubblicati, finiscono per essere leggibili, in sostanza, più o meno - molto meno che più - alla stessa ora dei cartacei.

E' probabile che la Yamila o chi per lei, forse il responsabile della comunicazione che ci dicono essere Damiano Simonetti, siano, adesso, soddisfatti dell'andazzo, ma a noi, invece, così non sta bene. I comunicati vanno mandati lo stesso giorno a tutti e pazienza se uno è on line e l'altro cartaceo, non è colpa nostra. Inoltre anche i cartacei hanno l'on line, quindi... facciano come facciamo noi che passiamo 12 ore al giorno e anche di più davanti al pc ad aggiornare le notizie.

Detto questo, diciamo alla Yamila e alla Lega di Borgo a Mozzano che, fino a quando non verrà ripristinato quello che consideriamo essere il giusto andamento delle cose, sospendiamo la pubblicazione dei comunicati inviati dalla Lega di Borgo a Mozzano.

A proposito: da ora in avanti presteremo particolare attenzione a questo aspetto per cui, qualora ci fosse qualche altra forza politica o qualche altro soggetto più o meno istituzionale che fa o pensa di fare altrettanto, sappia che verrà trattato allo stesso modo.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi

prenota_spazio

tuscania

prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


venerdì, 27 marzo 2020, 21:23

Solo in Italia si sciopera durante il Coronavirus e intanto cominciano gli assalti ai supermercati: un Governo di inetti sta spingendo il Paese alla rovina

A Palermo hanno tentato di fare quella che, negli anni Settanta, si chiamava spesa proletaria. Hanno, cioè, alcune famiglie, dato l'assalto ad un supermercato della Lidl dopo essersi riunite a seguito di un gruppo facebook formato per l'occasione.


venerdì, 20 marzo 2020, 10:44

Coronavirus, i professionisti del terrore

Sono trent'anni che chi scrive fa questo mestiere e altrettanti nel corso dei quali ha avuto più volte l'occasione di fermarsi a domandarsi in che cosa consista, realmente, la professione di giornalista. Tempo sufficiente, tre decenni, per capire che le regole base che fanno da sfondo e da minimo comune...


Prenota questo spazio


giovedì, 5 marzo 2020, 09:53

Coronavirus, una lunga rabbia

Una lunga rabbia ce l'aveva anche il protagonista di uno dei più bei romanzi del dopoguerra, appunto Una lunga rabbia di Carlo Castellaneta, giornalista e scrittore meneghino di straordinaria bravura. Già, ma chi più se lo ricorda in questa Italia con sempre meno identità e sempre maggior numero di idioti, ignoranti, incapaci,...


lunedì, 2 marzo 2020, 09:56

Coronavirus, ognuno per sé dio per tutti

Se qualcosa, questo triste momento storico, ha insegnato è che non esiste alcuna Unione Europea e che, mai come oggi, appare evidente che essa è stata, non soprattutto, ma solo e soltanto uno strumento economico che con le anime dei popoli che avrebbe dovuto unire non ha niente a che fare.


domenica, 23 febbraio 2020, 17:56

Coronavirus, noi non ci stiamo a seminare il terrore

Forse sbaglieremo. Forse, ma non ci stiamo a questo grande circo che si sta montando intorno a questa infezione denominata Coronavirus che in Italia, contro le oltre 200 morti giornaliere per influenza, ha causato, fino ad oggi, due decessi.


mercoledì, 19 febbraio 2020, 18:03

Noi stiamo con i carabinieri aggrediti dal marocchino. Sempre e comunque

In un paese come il nostro, l'Italia, nel quale, per una buona parte dei suoi abitanti - tutti, immancabilmente, orientati a sinistra - carabinieri e polizia sono figure dalle quali guardarsi e di cui diffidare a prescindere, noi ci schieriamo senza se e senza ma con chi indossa la divisa,...