Anno 3°

lunedì, 28 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

La tata è come il primo amore, non si scorda mai. Beau geste dei Marcucci

sabato, 8 febbraio 2020, 21:51

di aldo grandi

Sgombriamo subito il terreno dai dubbi o dalle sicure perplessità che albergheranno in coloro che leggeranno la notizia che pubblichiamo di apertura ossia il compleanno, i 100 anni addirittura, di Maria Gianfranceschi a Montignoso. La signora Maria è stata la tata della famiglia Marcucci e, tra gli altri, ha allevato il senatore Andrea. Ebbene, oggi pomeriggio, alla festa organizzata presso la casa di riposo a Montignoso, hanno voluto essere presenti tutti e tre i fratelli Marcucci, con Marialina che si è portata dietro, addirittura, Burlamacco da Viareggio. Noi abbiamo seguito con la collega Donatella Beneventi l'evento e non lo abbiamo certamente fatto per piaggeria, non avendo mai noi dimenticato, ma perdonato sì, la causa da 180 mila euro che il senatore e la famiglia ha intentato contro di noi qualche anno fa. Al di là di questo, però, se abbiamo deciso di seguire questa festa è stato perché ci è piaciuto il gesto. In fondo non è da tutti, è vero, avere una tata, ma nemmeno, se la si è avuta, seguirla fino al compimento dei 100 anni di età e andare, addirittura, ricordandosene, alla celebrazione. Un punto, quindi, a favore di tutti e tre i big brothers della Media Valle e della Garfagnana che hanno mostrato, effettivamente, non solo di avere un  cuore, ma anche di saperlo usare.

Non sapevamo nulla della ricorrenza, ma in mattinata il sindaco di Montignoso aveva diffuso una breve comunicazione in cui annunciava il centenario, la festa e l'arrivo del senatore che aveva avuto un legame affettivo profondo con la signora Maria Gianfranceschi. 

Ci è parsa subito una notizia, se un senatore per di più capogruppo del Pd - anche se, da quando se ne è andato Matteo Renzi, è sceso in un imperscrutabile silenzio - si ricorda e va a festeggiare il centenario non di un familiare stretto, ma di una tata che lo ha allevato, è bene dirlo, per tutta l'infanzia e l'adolescenza o quasi. Così abbiamo mandato la Dony e quando abbiamo visto le foto che ha scattato siamo stati ancora più convinti di aver fatto la scelta giusta. 

La riconoscenza non è, in fondo, dovuta e, casomai, spesso è ricercata proprio là dove dovrebbe esserci e non c'è. Invece Andrea, Paolo e Marialina hanno dedicato una mezza giornata del proprio prezioso tempo per stare insieme a chi aveva dato loro molto più di qualcosa riuscendo a non farsi mai dimenticare. Non è facile, né da una parte, né dall'altra. Quindi, e sempre specificando la nostra proverbiale e rinomata antipatia per la galassia Pd e della Sinistra in genere, apprezziamo il gesto e facciamo, anche noi, tanti auguri a nonna Maria.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi

prenota_spazio

tuscania

prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


giovedì, 10 settembre 2020, 22:09

La scuola come la Chiesa: insegnanti e genitori hanno abdicato al loro ruolo come i sacerdoti

Forse non tutti si stanno rendendo conto di ciò cui stiamo andando incontro e di che cosa sta per accadere. Questa finta emergenza sanitaria, questa malattia pressoché inesistente attualmente e con una carica virale che non ha ucciso nessuno in queste ultime settimane se non qualche persona che era, ormai,...


venerdì, 4 settembre 2020, 20:49

Pezzi di merda. E noi votiamo Susanna Ceccardi

Vale a Massa e Carrara, ma è come se fosse successo a Lucca, in Garfagnana o in Versilia. Saremo brutali. L'atto vandalico contro la sede della Lega a Carrara e, soprattutto, il silenzio delle altre forze politiche sempre pronte a sciacquarsi la bocca - e anche il culo - con le...


Prenota questo spazio


mercoledì, 19 agosto 2020, 22:55

Una poltrona sotto il culo

Ad essere sinceri non riusciamo a dimenticare le lacrime - vere?, false?, mezze vere e mezze false? - di un Marco Remaschi post elezioni amministrative a Lucca anno di (dis)grazia 2017. L'aveva fatta grossa, invero, con quella telefonata al candidato del centrodestra Remo Santini che gliel'aveva prima registrata e, successivamente,...


mercoledì, 12 agosto 2020, 09:56

Covid-19, il paese degli eunuchi: stop al massacro contro il Seven Apples

E' uno schifo. Una vergogna. Un insulto alla ragione e al buonsenso. L'ennesima dimostrazione che la burocrazia dei mediocri e la deresponsabilizzazione delle coscienze stanno uccidendo il sistema socio-economico di questa povera Italia divenuta, ormai, un Paese di castrati senza attributi né orgoglio o dignità.


mercoledì, 8 luglio 2020, 09:39

Gioventù bruciata? No, maturità senza spina dorsale

Innanzitutto chiediamo scusa per questa prolungata assenza, ma anche Cecco a cena, a volte, sente il bisogno di mettersi a... dieta (si fa per dire) e riflettere. Torniamo, quindi, dopo aver guazzabugliato un po' in riva al mare ed aver fatto scorta di pazienza per non incazzarci ad ogni piè sospinto...


venerdì, 12 giugno 2020, 15:48

Summer Festival, la Lucca dei lunghi coltelli: stop al linciaggio

Noi non abbiamo, per fortuna, l'abitudine di frequentare facebook se non, ogni tanto, per postare un nostro articolo o una nostra immagine. I social sono, a tutti gli effetti, un boomerang devastante e nel momento in cui diventano una schiavitù, assumono la forma di una dipendenza ossessiva.