Anno 3°

mercoledì, 19 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Panchine arcobaleno pro Lgbtq+ in Media Valle e Garfagnana? Sedetevici voi

mercoledì, 5 febbraio 2020, 15:12

di aldo grandi

I giovani democratici di sinistra della Media Valle e della Garfagnana hanno lanciato una proposta. Stando ai sempre più numerosi - ma dove?, ma quando? - episodi di omofobia, propongono ai comuni di realizzare panchine arcobaleno come segno di vicinanza e solidarietà alla comunità Lgbtq+ A proposito, se qualcuno, vista la nostra proverbiale ignoranza, ci spiega cosa vuol dire quel + messo in fondo alla sigla, ci farebbe un favore. Ribadendo il nostro profondo rispetto per ogni orientamento sessuale che, secondo noi, dovrebbe appartenere alla sfera privata dell'individuo e come tale essere configurata e rispettata, crediamo che la teoria Gender di cui la Sinistra vuole farsi portatrice non può e non deve prendere il sopravvento con la scusa di difendere chi ha orientamenti sessuali diversi dalla maggioranza delle persone. Perché, purtroppo, ciò cui si sta andando incontro è proprio questo. Si lancia l'allarme omofobo e, poi, si fa di tutto per far passare la teoria secondo la quale l'identità sessuale non è data dalla nascita, bensì dalla scelta dell'individuo. Quindi, in poche parole, ognuno è ciò che sceglie di essere con le conseguenze che si possono facilmente immaginare. A noi una società dove all'asilo e a scuola si insegna a essere indistintamente uomini e donne, maschi e femmine fa, sinceramente, orrore. Ci sono scuole dove si travestono i maschi da femmine e le femmine da maschi per evitare gli stereotipi, ma in queste scuole noi non manderemmo mai e poi mai i nostri figli.

Inoltre, non ci sembra che, attualmente, l'emergenza omofoba sia così impellente. Se proprio emergenza c'è, è quella della sicurezza, dello spaccio di droga con l'eroina che torna a fare capolino e a terrorizzare, questo sì, le famiglie. E allora cosa facciamo? Per la droga come le vogliamo dipingere le panchine? O i giovani democratici della Media Valle e della Garfagnana ritengono più impellente, necessario e meno pericoloso il problema omofobia di quello legato allo spaccio di droghe o alla diffusione della microcriminalità? Sì, perché questa incredibile e assurda scala di valori porta a ritenere fenomeni minoritari meritevoli di tutta l'attenzione e la tutela possibili e immaginabili mentre per altri problemi, ben più concreti e che sono 'di pancia' oltre a interessare tutta la comunità, nessuno si interessa. 

Se per la Sinistra e non solo l'omofobia e la protezione-tutela-difesa dei diritti degli Lgbtq+ sono così fondamentalmente prioritari rispetto ad altre tematiche ben più pericolose ed avvertite dalla popolazione, bene, che manifestino e chiedano tutte le panchine arcobaleno che vogliono, ma rispettino, cosa che raramente fanno e le sardine insegnano, chi la pensa diversamente come noi per i quali le panchine stanno bene così come sono, verdi come sono sempre state o marroni come il legno di cui sono, generalmente, composte. Gli arcobaleni lasciamoli al meteo che sono più belli e anche più spontanei e naturali.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi


prenota_spazio


tuscania


prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


sabato, 8 febbraio 2020, 21:51

La tata è come il primo amore, non si scorda mai. Beau geste dei Marcucci

Sgombriamo subito il terreno dai dubbi o dalle sicure perplessità che albergheranno in coloro che leggeranno la notizia che pubblichiamo di apertura ossia il compleanno, i 100 anni addirittura, di Maria Gianfranceschi a Montignoso. La signora Maria è stata la tata della famiglia Marcucci e, tra gli altri, ha allevato...


venerdì, 10 gennaio 2020, 21:54

Yamila Bertieri (Lega) di Borgo a Mozzano, ci fa la cortesia di spedire i comunicati stampa lo stesso giorno a tutti i giornali? Nell'attesa sospendiamo le pubblicazioni dei suoi articoli

C'è un problema, pare, a Borgo a Mozzano. Non esageriamo ché di problema è davvero arduo parlare quanto, piuttosto, di una disfunzione che a nostro modesto avviso va risolta in un modo o nell'altro. C'è una certa Yamila Bertieri la quale, un giorno sì e l'altro pure, a nome della...


Prenota questo spazio


martedì, 24 dicembre 2019, 12:47

Buon Natale anche al porco

Dissacranti lo siamo sempre stati. In un mondo di ipocriti e falsi buonisti, qualcuno che voglia provocare e scuotere il velo di convenienza, piattume e superficialità che, sempre più spesso, alimenta le nostre esistenze non solo è necessario, ma, diremmo, quasi obbligatorio. Dicono che a Natale siamo tutti più buoni.


giovedì, 5 dicembre 2019, 10:25

Centro islamico a Chifenti, perché mettersi... un 'estraneo' in casa?

Come al solito sulla polemica inerente l'apertura di un centro culturale islamico a Chifenti - stiamo parlando di Chifenti, non di Roma, Milano, New York o altro, ma di un paese di poche anime caratterizzato da un forte senso identitario almeno per quello che ne resta - tutto è finito...


mercoledì, 23 ottobre 2019, 13:03

Talpe, mandanti e tarponi

La nostra interSvista al presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca Marcello Bertocchini ha suscitato scalpore, ma una cosa deve essere chiara: non era nostro intento mettere sotto accusa la Fondazione stessa, semplicemente fare il nostro mestiere di rompicoglioni. E, modestamente parlando, crediamo di esserci riusciti.


martedì, 15 ottobre 2019, 09:33

Sabrina Landucci, un esempio per tutti: chapeau!

E' andata in onda stamani, su Canale 5, nella trasmissione condotta da Federica Panicucci, la vicenda relativa alle violenze subìte da Sabrina Landucci, ex moglie di Mario Cipollini, attualmente compagna di Silvio Giusti ex calciatore della Lucchese Libertas 1905 dei tempi d'oro.