Anno 3°

giovedì, 9 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Panchine arcobaleno pro Lgbtq+ in Media Valle e Garfagnana? Sedetevici voi

mercoledì, 5 febbraio 2020, 15:12

di aldo grandi

I giovani democratici di sinistra della Media Valle e della Garfagnana hanno lanciato una proposta. Stando ai sempre più numerosi - ma dove?, ma quando? - episodi di omofobia, propongono ai comuni di realizzare panchine arcobaleno come segno di vicinanza e solidarietà alla comunità Lgbtq+ A proposito, se qualcuno, vista la nostra proverbiale ignoranza, ci spiega cosa vuol dire quel + messo in fondo alla sigla, ci farebbe un favore. Ribadendo il nostro profondo rispetto per ogni orientamento sessuale che, secondo noi, dovrebbe appartenere alla sfera privata dell'individuo e come tale essere configurata e rispettata, crediamo che la teoria Gender di cui la Sinistra vuole farsi portatrice non può e non deve prendere il sopravvento con la scusa di difendere chi ha orientamenti sessuali diversi dalla maggioranza delle persone. Perché, purtroppo, ciò cui si sta andando incontro è proprio questo. Si lancia l'allarme omofobo e, poi, si fa di tutto per far passare la teoria secondo la quale l'identità sessuale non è data dalla nascita, bensì dalla scelta dell'individuo. Quindi, in poche parole, ognuno è ciò che sceglie di essere con le conseguenze che si possono facilmente immaginare. A noi una società dove all'asilo e a scuola si insegna a essere indistintamente uomini e donne, maschi e femmine fa, sinceramente, orrore. Ci sono scuole dove si travestono i maschi da femmine e le femmine da maschi per evitare gli stereotipi, ma in queste scuole noi non manderemmo mai e poi mai i nostri figli.

Inoltre, non ci sembra che, attualmente, l'emergenza omofoba sia così impellente. Se proprio emergenza c'è, è quella della sicurezza, dello spaccio di droga con l'eroina che torna a fare capolino e a terrorizzare, questo sì, le famiglie. E allora cosa facciamo? Per la droga come le vogliamo dipingere le panchine? O i giovani democratici della Media Valle e della Garfagnana ritengono più impellente, necessario e meno pericoloso il problema omofobia di quello legato allo spaccio di droghe o alla diffusione della microcriminalità? Sì, perché questa incredibile e assurda scala di valori porta a ritenere fenomeni minoritari meritevoli di tutta l'attenzione e la tutela possibili e immaginabili mentre per altri problemi, ben più concreti e che sono 'di pancia' oltre a interessare tutta la comunità, nessuno si interessa. 

Se per la Sinistra e non solo l'omofobia e la protezione-tutela-difesa dei diritti degli Lgbtq+ sono così fondamentalmente prioritari rispetto ad altre tematiche ben più pericolose ed avvertite dalla popolazione, bene, che manifestino e chiedano tutte le panchine arcobaleno che vogliono, ma rispettino, cosa che raramente fanno e le sardine insegnano, chi la pensa diversamente come noi per i quali le panchine stanno bene così come sono, verdi come sono sempre state o marroni come il legno di cui sono, generalmente, composte. Gli arcobaleni lasciamoli al meteo che sono più belli e anche più spontanei e naturali.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi

prenota_spazio

tuscania

prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


venerdì, 27 marzo 2020, 21:23

Solo in Italia si sciopera durante il Coronavirus e intanto cominciano gli assalti ai supermercati: un Governo di inetti sta spingendo il Paese alla rovina

A Palermo hanno tentato di fare quella che, negli anni Settanta, si chiamava spesa proletaria. Hanno, cioè, alcune famiglie, dato l'assalto ad un supermercato della Lidl dopo essersi riunite a seguito di un gruppo facebook formato per l'occasione.


venerdì, 20 marzo 2020, 10:44

Coronavirus, i professionisti del terrore

Sono trent'anni che chi scrive fa questo mestiere e altrettanti nel corso dei quali ha avuto più volte l'occasione di fermarsi a domandarsi in che cosa consista, realmente, la professione di giornalista. Tempo sufficiente, tre decenni, per capire che le regole base che fanno da sfondo e da minimo comune...


Prenota questo spazio


giovedì, 5 marzo 2020, 09:53

Coronavirus, una lunga rabbia

Una lunga rabbia ce l'aveva anche il protagonista di uno dei più bei romanzi del dopoguerra, appunto Una lunga rabbia di Carlo Castellaneta, giornalista e scrittore meneghino di straordinaria bravura. Già, ma chi più se lo ricorda in questa Italia con sempre meno identità e sempre maggior numero di idioti, ignoranti, incapaci,...


lunedì, 2 marzo 2020, 09:56

Coronavirus, ognuno per sé dio per tutti

Se qualcosa, questo triste momento storico, ha insegnato è che non esiste alcuna Unione Europea e che, mai come oggi, appare evidente che essa è stata, non soprattutto, ma solo e soltanto uno strumento economico che con le anime dei popoli che avrebbe dovuto unire non ha niente a che fare.


domenica, 23 febbraio 2020, 17:56

Coronavirus, noi non ci stiamo a seminare il terrore

Forse sbaglieremo. Forse, ma non ci stiamo a questo grande circo che si sta montando intorno a questa infezione denominata Coronavirus che in Italia, contro le oltre 200 morti giornaliere per influenza, ha causato, fino ad oggi, due decessi.


mercoledì, 19 febbraio 2020, 18:03

Noi stiamo con i carabinieri aggrediti dal marocchino. Sempre e comunque

In un paese come il nostro, l'Italia, nel quale, per una buona parte dei suoi abitanti - tutti, immancabilmente, orientati a sinistra - carabinieri e polizia sono figure dalle quali guardarsi e di cui diffidare a prescindere, noi ci schieriamo senza se e senza ma con chi indossa la divisa,...