Anno 3°

sabato, 19 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Pezzi di merda. E noi votiamo Susanna Ceccardi

venerdì, 4 settembre 2020, 20:49

di aldo grandi

Vale a Massa e Carrara, ma è come se fosse successo a Lucca, in Garfagnana o in Versilia. Saremo brutali. L'atto vandalico contro la sede della Lega a Carrara e, soprattutto, il silenzio delle altre forze politiche sempre pronte a sciacquarsi la bocca - e anche il culo - con le parole dell'antifascismo e della costituzione, ci fanno decidere senza ombra di dubbio che voteremo per Susanna Ceccardi alla presidenza della Regione Toscana. Coloro che hanno sfondato la porta e sputato sulla sede della Lega in via Santa Maria sono dei bastardi e dei pezzi di merda. Vigliacchi, schifosi e consapevoli, come ai tempi del terrorismo di sinistra, di avere a loro protezione un'area di contiguità che viaggia intorno alle forze della sinistra istituzionale e non solo. Oggi, però, anno di disgrazia 2020, non siamo più negli anni Settanta del Novecento e la gente ha capito bene con chi si ha a che fare. Non bastavano il Covid-19 e l'appello di quell'incapace di Zingaretti ad una rivolta popolare contro i cosiddetti 'negazionisti' - orribile parola che riporta alle polemiche sul nazismo e i campi di sterminio, parola che piace tanto ai comunisti di casa nostra che pur di vincere farebbero resuscitare anche Mussolini per poterlo ammazzare di nuovo - non era sufficiente la costante aggressione verbale e fisica nei confronti di Matteo Salvini la cui unica responsabilità è di fare quello che dovrebbe fare ogni servitore dello stato. Non basta nemmeno far notare che se l'assalto alla sede della Lega fosse avvenuto alla sede di qualche partito di sinistra, sarebbe scoppiato il finimondo.

La verità è che vogliono lo scontro fisico e scatenare il caos per far sì che la gente abbia paura e, pur di non avere grane, scelga il mantenimento di questo governo-sistema privo di qualsiasi rappresentanza e lontano anni luce dagli italiani e dai loro bisogni, servo dell'Unione Europea e dei poteri forti dediti alla cancellazione di ogni identità nazionale.

A Carrara, lo sappiamo, anarchici e anarcoinsurrezionalisti sono sempre andati di moda, ma gli anarchici di una volta erano quelli che andavano a combattere c on le brigate Garibaldi nella guerra di Spagna contro Franco e i suoi alleati fascisti e nazisti. Oggi, al contrario, aggrediscono la Lega e chiunque voglia difendere questo Paese dall'invasione sistematica di cani e porci o che pretenda ordine al posto del caos. 

Sappiamo tutti che se Salvini dovesse arrivare al Governo i mercati, i poteri forti, i criminali da strada protetti e sovvenzionati dalla sinistra nostrana, metterebbero in atto tutte le loro 'armi' pur di scatenare il finimondo con, magari, il Mattarella di turno che sospenderebbe la democrazia per meglio gestire la dittatura del pensiero unico dominante. Il Covid-19 e la sua gestione, del resto, lo stanno ampiamente dimostrando.

Immaginate se attivisti della Lega o di Fratelli d'Italia o di CasaPound avessero sputato e sfasciato uan sede di qualche partito della sinistra del c...o. Apriti cielo con i giornalisti leccaculo e servi del potere pronti a gridare all'avvento del fascismo.

Per tutto questo, perché odiamo l'ipocrisia e non sopportiamo chi chiude un occhio e sempre dalla stessa parte, diciamo candidamente che se anche avevamo - pochi invero - qualche dubbio su chi votare alle prossime elezioni regionali, bene, li sciogliamo subito: voteremo Susanna Ceccardi. Tutta la vita contro questa bastardi senza gloria e chi li tiene e li usa come fossero pretoriani a quattro zampe. 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi

prenota_spazio

tuscania

prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


giovedì, 10 settembre 2020, 22:09

La scuola come la Chiesa: insegnanti e genitori hanno abdicato al loro ruolo come i sacerdoti

Forse non tutti si stanno rendendo conto di ciò cui stiamo andando incontro e di che cosa sta per accadere. Questa finta emergenza sanitaria, questa malattia pressoché inesistente attualmente e con una carica virale che non ha ucciso nessuno in queste ultime settimane se non qualche persona che era, ormai,...


mercoledì, 19 agosto 2020, 22:55

Una poltrona sotto il culo

Ad essere sinceri non riusciamo a dimenticare le lacrime - vere?, false?, mezze vere e mezze false? - di un Marco Remaschi post elezioni amministrative a Lucca anno di (dis)grazia 2017. L'aveva fatta grossa, invero, con quella telefonata al candidato del centrodestra Remo Santini che gliel'aveva prima registrata e, successivamente,...


Prenota questo spazio


mercoledì, 12 agosto 2020, 09:56

Covid-19, il paese degli eunuchi: stop al massacro contro il Seven Apples

E' uno schifo. Una vergogna. Un insulto alla ragione e al buonsenso. L'ennesima dimostrazione che la burocrazia dei mediocri e la deresponsabilizzazione delle coscienze stanno uccidendo il sistema socio-economico di questa povera Italia divenuta, ormai, un Paese di castrati senza attributi né orgoglio o dignità.


mercoledì, 8 luglio 2020, 09:39

Gioventù bruciata? No, maturità senza spina dorsale

Innanzitutto chiediamo scusa per questa prolungata assenza, ma anche Cecco a cena, a volte, sente il bisogno di mettersi a... dieta (si fa per dire) e riflettere. Torniamo, quindi, dopo aver guazzabugliato un po' in riva al mare ed aver fatto scorta di pazienza per non incazzarci ad ogni piè sospinto...


venerdì, 12 giugno 2020, 15:48

Summer Festival, la Lucca dei lunghi coltelli: stop al linciaggio

Noi non abbiamo, per fortuna, l'abitudine di frequentare facebook se non, ogni tanto, per postare un nostro articolo o una nostra immagine. I social sono, a tutti gli effetti, un boomerang devastante e nel momento in cui diventano una schiavitù, assumono la forma di una dipendenza ossessiva.


sabato, 30 maggio 2020, 10:59

Mascherine sul viso? No, mutande di latta

Non gli basta averci terrorizzato, ridotti alla fame, allontanati gli uni dagli altri, insinuato negli animi e nei cuori oltreché, purtroppo, nei cervelli la paura di un virus che agisce a mezzo servizio e uccide soltanto in determinate circostanze.