Anno X

domenica, 7 marzo 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Hanno fatto della follia la normalità e ridotto la normalità a follia

venerdì, 1 gennaio 2020, 17:51

di aldo grandi

L'anno vecchio è finito nel peggiore dei modi e quello nuovo è cominciato allo stesso modo. Sono stati capaci di trasformare la normalità in follia e far sì che quest'ultima divenisse normalità a tutti gli effetti, accettata supinamente da milioni di esseri umani le cui esistenze, ormai, assomigliano molto a quelle di un gregge di pecore in disperata attesa. Il Covid o la scusa della sua presenza, ha permesso a esperti di nonsisabenechecosa di distruggere molto più di quel poco che hanno contribuito a salvare. Hanno obbligato al distanziamento sociale, impedito il ricongiungimento degli affetti, stigmatizzato qualsiasi manifestazione di entusiasmo o esposizione emotiva, vietato di fare l'unica cosa senza la quale l'uomo è peggio di una bestia ossia lavorare per vivere, annientato l'istruzione e la scuola in nome di una didattica a distanza che andrebbe bene solo per gli automi e per chi ha scelto di votare il cervello all'ammasso. Fortuna vuole che, almeno, non abbiano più la faccia di venirci a dire che andrà tutto bene perché, in realtà, è andato e sta andando e per chissà quanto tempo ancora andrà, tutto male. Ma dove sono finite l'influenza stagionale, la tosse, il raffreddore? Non si vede più nessuno tossire, soffiarsi il naso, ammettere candidamente di avere qualche linea di febbre. Vanno in cerca degli untori e, quando li trovano, li espongono al pubblico ludibrio.

Esiste solo il Covid, nemmeno più il Coronavirus, ormai, passato di moda anche se è la medesima cosa. No, bisogna che i mass media trovino nuove formule, altrettanti vocaboli, accattivanti, capaci di fare presa su menti malate disposte ad accettare tutto, a farsi iniettare tutto pur di poter tornare (sic!) a sopravvivere perché, signori, questa non solo non è più vita, ma nemmeno quella che, a detta dei soloni che ci (s)governano, ci attende una volta, finalmente, vaccinati. Non cambierà alcunché perché nulla vogliono venga cambiato. E quando, ammesso che accada, qualcosa cambierà, sarà una tabula rasa per la quale saranno stati sacrificati migliaia di agnelli dotati della parola, ma privati di ogni autonomia di pensiero e indipendenza di giudizio.

Hanno instaurato misure senza senso contro le quali stanno schierandosi anche coloro che avevano accettato tutto. Anche i più fedeli osservanti, anche i più strenui assertori della buonafede di chi decide delle nostre esistenze, iniziano a vacillare, a perdere le sicurezze che, con tanta prosopopea somministravano agli indecisi. Gialli, rossi, arancioni, un giorno l'uno e un giorno l'altro: sembra il gioco delle tre carte e non si riesce mai a indovinare il colore ci aspetta il giorno dopo. Non è più il virus che comanda, ma sono gli uomini, i componenti del Comitato Tecnico Scientifico che decidono come, quando e dove colpirà: se a un metro e mezzo di altezza quando siamo in piedi o soltanto a un metro se siamo seduti a tavola perché se siamo seduti altrove e non stiamo mangiando, il virus è contagioso lo stesso. Per non parlare degli acquisti: in alcuni negozi sono permessi perché, dicono, il Covid non entra chissà mai perché mentre tutti gli altri sono chiusi. Roba da  suicidio. 

Non ci accorgiamo che stanno annientando a piacimento il nostro modo di essere umani? Non ci rendiamo conto che stanno mandando a quel paese secoli di abitudini, consuetudini, socializzazioni, convinzioni, relazioni senza nemmeno averci chiesto lo straccio di un permesso? Abbiamo ceduto, per paura di un virus a mezzo servizio, ma, in realtà, per una vigliaccheria tipica dell'Uomo Occidentale, ogni nostra sovranità al punto che non siamo più padroni di niente, nemmeno di poter organizzare una cena in casa propria e per farci ingoiare la pillola, la indorano aggiungendo che lo fanno per noi, per il nostro bene, per la salute degli anziani, quando, fino a qualche tempo fa, degli anziani fregava qualcosa a nessuno.

Ora è chiaro a tutti. Chiunque riuscirà a detenere il potere, soprattutto economico, e, con esso, i mezzi di informazione, potrà, una volta eliminata o ridotta all'osso la libertà di espressione e di stampa, diffondere qualsiasi notizia in grado di seminare paura e terrore nella gente riuscendo a disporne come meglio crede. La paura di ammalarsi e di morire sono in grado di ammansire  anche i più recalcitranti. Una dittatura sanitaria sarebbe l'unica in grado di essere accettata passivamente da tutti. Così è stato, così è e così sarà.

Quanto al vaccino, lo ripetiamo. Libertà di scelta e noi scegliamo di non vaccinarci. Non è egoismo né possono obbligarci cercando di instaurarci e instillarci sensi di colpa verso i più deboli e gli anziani. Non sono, allo stato attuale, questi ultimi i più deboli della catena. I deboli o disgraziati che dir si voglia sono tutti coloro che non hanno di che vivere e di che sperare, che sono stati messi in ginocchio da un governo che non ha pensato se non a se stesso dimostrando di essere una classe digerente piuttosto che dirigente.

Noi stiamo vicini ai commercianti, agli imprenditori, ai liberi professionisti, ai ristoratori, ai gestori di bar e a tutte le partite Iva che, se non lavorano, non mangiano. Per loro, per il loro futuro e la loro possibilità di sopravvivenza, il vaccino si sono ben guardati dall'inventarlo.


Questo articolo è stato letto volte.


Avvocato Francesconi

lamm

tuscania

prenota_spazio


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


Prenota questo spazio


sabato, 6 marzo 2021, 14:09

Draghi di carta(pesta): questo Governo fa schifo e la gente non ce la fa più a sopravvivere

Che popolo di imbelli, sciocchi, stupidi, idioti che siamo. Tutti credevamo che con l'avvento di Mario Draghi, come per incanto, tutto sarebbe cambiato e, magari, tornato come prima. E questo solo perché Draghi, oltre ad essere un economista, sarebbe anche nelle grazie dei mandarini a capo degli organismi sovranazionali i...


mercoledì, 24 febbraio 2021, 23:14

Aprire tutto, aprite tutti

Se qualcuno sperava che mister Mario Draghi avrebbe cambiato qualcosa beh, c'è soltanto da restare delusi. Il nuovo primo ministro avrebbe potuto e dovuto fare, se veramente voleva rappresentare una rottura rispetto al precedente sodalizio, l'opposto di ciò che era stato fatto fino al suo avvento: aprire tutto senza se...


Prenota questo spazio


sabato, 13 febbraio 2021, 23:44

Riusciranno i nostri (sic!) eroi a ritrovare... quel che, ormai, è sparito per sempre

E' nato il Governo Draghi e, a leggerne i componenti, viene non soltanto l'itterizia, ma anche un profondo senso di rabbia misto a frustrazione e amarezza. Ci sono persone che, a dirla tutta, starebbero bene a pulire i cessi degli autogrill sulle autostrade di questo sfasciato Stivale: niente di nuovo...


giovedì, 4 febbraio 2021, 01:29

Finché c'è la Gazzetta c'è speranza: appello a quei giovani e non solo che vogliono collaborare con noi

Con l'amico e collega Luca Tronchetti non sempre siamo stati d'accordo, a cominciare dalle sorti della Lucchese dove lui, a dire il vero, ha visto molto, ma molto più lungo di me. Tuttavia su molti aspetti della nostra professione e non soltanto, la pensiamo, a grandi linee, allo stesso modo...


sabato, 30 gennaio 2021, 13:11

Sulla Gazzetta uno spazio dedicato ai film: si comincia con Vento di primavera, la storia della più grande retata di ebrei in Francia

I nostri lettori, ormai, conoscono a menadito la prima pagine o homepage del nostro giornale. In alto, a destra, accanto alla notizia principale, esiste da sempre uno spazio riservato ai filmati che il sottoscritto, onestamente, non si è mai curato di gestire in maniera omogenea e organizzata.


mercoledì, 13 gennaio 2021, 00:23

Ristoratori d'Italia (e non solo): disobbedienza o morte

Venerdì prossimo, 15 gennaio, decine di migliaia di ristoratori di ogni parte d'Italia - ad eccezione, a quanto pare, di Lucca (e Versilia, Garfagnana e Massa Carrara?) dove non ce n'è nemmeno uno o così pare, apriranno i battenti per non chiudere più in spregio, giustificato, ai ridicoli e inconcludenti...