Anno 3°

sabato, 24 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Garfagnana

"Piccolo è bello" e boia chi molla è il grido di battaglia

mercoledì, 13 febbraio 2013, 18:13

Signora Righini, ci parli del suo negozio

Questo negozio è stato aperto a Gallicano nel 1989, mezzo paese mi disse che ero matta e che avrei “campato” sei mesi, dopo 24 anni sono sempre aperta; la gente del paese mi vuole bene e mi ha sostenuto tutto questo tempo, le istituzioni un pochino meno.

Quando il negozio è stato aperto la grande distribuzione era già sbarcata a Gallicano?

La grande distribuzione non c’era, sfortunatamente quando è arrivata ci ha messo in ginocchio. Lo ammetto, ho pianto tanto perché pensavo di non farcela; le bollette, l’affitto, le tasse. A differenza della grande distribuzione non possiamo permetterci a fine anno di essere in passivo. Fortunatamente ho retto il “colpo”, per ora.

Come è riuscita a reggere quello che ha definito “colpo”.

Nel mio caso offrire un servizio diverso, un prodotto migliore e un rapporto umano. La grande distribuzione si permette di prendere il prodotto e venderlo sotto prezzo. Noi non possiamo certo farlo. Da parte mia il rispetto per il cliente è totale e viene percepito in ogni momento.

A Gallicano quanti negozi sono rimasti?

Sette o otto. Non siamo mai stati forti commercialmente, ma l’arrivo della grande distribuzione ha tolto ogni stimolo di crescita. Si permettono di vendere di tutto, riesce a “dare alle gambe” a chiunque. Inizialmente proposi di specializzarsi comprando e vendendo “localmente”, piccoli negozi con prodotti locali di prima qualità; sfortunatamente l’idea fu bocciata. Gallicano ha fondamentalmente un giro di clienti interno. Il mio negozio è tra i più fortunati perché riesce ad essere conosciuto anche fuori del paese.

Possiamo dire che per tenere in vita un negozio di questo tipo ci vogliono tanto sacrificio e tanta passione.

Il nostro è un lavoro di pura passione e sacrificio, non ho mai fatto un giorno di malattia, ho lavorato fino all’ultimo giorno prima di partorire. Sarebbe anche giusto riuscire ad avere 100 euro in fondo al mese di guadagno, ma il sistema non lo permette. Chiediamo almeno di poter lavorare, ho dovuto anche levare la tenda esterna; tassa per la tutela degli automobilisti. Se paghi la tassa l’automobilista non si distrae. Chi vende la frutta sulle strade che tasse paga? Noi dobbiamo sentirci in colpa se regaliamo una banana ad un bambino. La Tarsu è aumentata, alla fine chiuderemo e andremo a mangiare a casa dei politici. Ci dovrebbero dare un premio; socializziamo con la gente, regaliamo un sorriso quotidianamente, ci siamo inventati un lavoro, non siamo sulle spalle di nessuno. Invece ci aumentano le tasse. A Gallicano ci sono nove fondi commerciali vuoti. Non credo che le istituzioni siano interessate alla nostra sopravvivenza. La burocrazia è pazzesca.

Gallicano è un paese di grande interesse turistico?

Interesse turistico? Inizialmente volevo stare aperta il mercoledi pomeriggio e chiudere il lunedi mattina. Per forza dovevo stare chiusa il mercoledi. Arrivata la grande distribuzione siamo diventati un posto di interesse turistico… il mercoledi posso stare aperta. Ci sono flotte di turisti ovunque a Gallicano….

Finiamo in bellezza questa intervista.

Ringrazio tutte quelle persone che in questi anni mi hanno sostenuto, altrimenti avrei chiuso. Tengo dei buoni prodotti e anche dopo i controlli mi hanno fatto i complimenti. Preferisco vendere prodotti locali, o al massimo italiani. La qualità deve essere sempre altissima. Non venderei mai un prodotto estero a basso prezzo, per principio e per rispetto verso il cliente. 

 

Simone Alex Sartini

Grande distribuzione e piccoli negozi, un tema che a Gallicano divampa. Credo che questa piccola intervista possa aprire un dibattito. Ho intenzione, se l’articolo piace, di intervistare anche gli altri piccoli negozi del centro e sentire le loro storie.

Ringrazio per tutto. Un abbraccio forte. Simone.


Questo articolo è stato letto volte.


tuttonatura2016


notini


settimana


bistecca


Altri articoli in Garfagnana


venerdì, 23 agosto 2019, 19:53

A Gallicano un orto per salvaguardare e promuovere i prodotti locali

Il fagiolo fico di Gallicano, il pomodoro fragola, il cavolo nero di Trassillico sono solo una minima parte di quello che producono gli orti, coltivati in maniera completamente biologica da 12 persone grazie associazione Cittadini Virtuosi


venerdì, 23 agosto 2019, 18:37

In mostra a Castiglione 18 sculture in marmo

Garfagnana Innovazione, in collaborazione con il comune di Castiglione di Garfagnana, con la curatela di Walter Tognocchi (oxocurators), installerà 18 opere in marmo in un percorso che attraverserà il borgo medievale


Prenota questo spazio


venerdì, 23 agosto 2019, 15:10

Si perde nel Parco dell'Orecchiella, ritrovato 75enne

Stamattina la squadra del Sast (Soccorso Alpino e Speleologico Toscano) è stata attivata dai carabinieri di Castelnuovo Garfagnana per un disperso nel Parco dell'Orecchiella. Un uomo di 75 anni, originario di Genova, con dei problemi di salute, che si trovava assieme alla moglie nei pressi di "Casini di corte", si...


venerdì, 23 agosto 2019, 14:20

Ancora disagi per i lavori sulla fibra ottica a Nicciano. Tim: "Avviate verifiche"

Dopo aver denunciato nell'aprile dello scorso anno la gestione dei lavori sulla fibra ottica nel paese di Nicciano, da parte dell'azienda, Riccardo Pedreschi, cittadino del posto, è tornato a segnalare nuovi disagi dovuti, stavolta, alla manutenzione fatta dopo i lavori. Tim attivata subito per le verifiche del caso


venerdì, 23 agosto 2019, 14:12

Maltempo, prolungato il codice giallo per rovesci e temporali

La sala operativa della protezione civile regionale conferma il codice giallo per oggi, e prevede analoga situazione anche per domani sabato (sempre dalle 13 alle 21) su buona parte della Regione per la possibilità di rovesci e temporali


venerdì, 23 agosto 2019, 10:59

I valutatori dell'Unesco hanno concluso la loro missione di rivalidazione nelle Alpi Apuane

Dal 2 al 6 agosto scorsi una coppia di valutatori inviati dall'Unesco ha fatto visita alle Alpi Apuane percorrendole in lungo e in largo. Sono stati cinque giorni di missione senza un attimo di respiro, tra sopralluoghi nel Parco ed incontri con i rappresentati delle comunità locali insieme agli operatori delle imprese...


Ricerca nel sito


ennebicomputers


prenota


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio