Anno 3°

domenica, 16 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Garfagnana

Monte Palodina, l'evoluzione del folklore

mercoledì, 27 marzo 2013, 17:17

di simone alex sartini

La Garfagnana è una terra magica; folklore, magia, mistero e leggende sono parte integrante di questo luogo a suo modo incantato. Guaritori, segnatori, operatori dell’ occulto, convivono con gnomi, folletti, fate, streghe, buffardelli e linchetti. Tutte queste cose fanno parte di un passato che non dobbiamo mai dimenticare, una storia tramandata da generazioni che non deve essere sepolta. Alzi la mano chi non è mai andato a farsi togliere il malocchio dalla signora anziana del paese, oppure chi non si è mai fatto segnare un poro o una verruca. Vogliamo parlare del Fuoco di S. Antonio? Sembra che alcuni medici locali vedano di buon occhio i segnatori dell’ Herpes zoster.

Fra i tanti posti magici della Garfagnana, il Monte Palodina si distingue per una serie di avvistamenti, testimonianze e leggende che si susseguono negli anni. Il Monte Palodina, alto 1171 metri, è il bancone panoramico sulla valle del Serchio e il vicino Appennino. Meta di escursionisti, cacciatori e cercatori di funghi, alla fine degli anni '80 diventò famoso in tutta Italia. Una mattina, G. F. infermiere appassionato di caccia, si recò sul monte Palodina per una battuta. Mentre stava ricaricando il fucile, sentì uno strano scricchiolio; pensò ad un animale selvatico, ma subito dopo si trovò di fronte un grosso essere squamoso con la testa di rettile. Il cacciatore, preso dal panico, scappò lungo il sentiero distruggendo anche il fucile nella precipitosa fuga.

La notizia arrivò ai media locali, che riportarono dettagliatamente l’accaduto. In poco tempo anche i media nazionali si interessarono al mostro della Palodina, trasformando il monte in una sorta di X Files. Furono fatti molti tentativi e indagini per approfondire l’accaduto, ma ogni sforzo risultò vano; dell’ essere squamoso non vi era traccia. Tutto archiviato con un sorriso e molte battute ironiche. Sono passati più di trenta anni, ma sembra che le leggende e gli avvistamenti sul monte Palodina non cessino di interessare una parte della popolazione. Parlando con gli appassionati di misteri locali, si viene a sapere che le testimonianze in stile X files sul monte Palodina risalgono agli anni '70; una persona vide una piramide arancione stazionare sul monte per 1 ora prima di scomparire.

Negli anni '80 ci furono numerosi avvistamenti ed esperienze al limite della realtà. Sopra Gallicano fu avvistato un oggetto volante pentagonale con otto luci colorate, il testimone lo descrive più grosso della Luna, ad una altezza di circa 1300 metri. Un altro testimone riporta di aver trovato in Palodina otto persone che avevano picchettato Pian di Lago con delle apparecchiature, per l’epoca, futuristiche; dissero che dovevano fare dei rilievi perché una volta quel monte era un vulcano.

Negli anni '90, due amici erano andati con la tenda a Pian di Lago per passare la notte in compagnia; improvvisamente dall’oscurità apparve un elicottero completamente nero con un faro che illuminava il bosco. Una anziana signora, riporta che mentre cercava i funghi sul monte Palodina, vide una creatura con il muso tipo coccodrillo ed il corpo ricoperto di squame. Alcuni ragazzi che campeggiavano in Pian di Lago, videro delle persone alte 1 metro che si aggiravano di notte nel bosco facendo rumore. Nel 2000 un cacciatore avvistò, sempre nella stessa zona, delle persone alte poco più di 1 metro che scapparono subito spaventate.

In tempi recenti, testimoni riportano di aver visto nel cielo degli oggetti rotondi fermarsi molto tempo sul monte Palodina; concordano sul fatto che gli oggetti volanti in questione avevano luci colorate e stazionavano sul monte prima di scomparire. Numerose anche le testimonianze di persone che dicono di aver visto elicotteri completamente neri sorvolare il monte. Realtà? Fantasia? Suggestione? Non è dato saperlo. La Garfagnana, terra dei misteri per eccellenza, sembra aver evoluto e modernizzato il folklore passando dai linchetti agli alieni.

Sul monte Palodina c’è una base militare tipo Area 51? Certo che vedere un lucertolone di due metri venire a prendere un caffè in piazza a Gallicano farebbe il suo effetto. Per ora dobbiamo accontentarci di testimonianze tramandate nel tempo, avvistamenti ed incontri, aprendo la mente ad ogni interpretazione, ricordandoci anche che la Garfagnana è famosa si per i misteri, ma anche per il vin bono.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania


tuttonatura2016


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Altri articoli in Garfagnana


domenica, 16 febbraio 2020, 19:56

Una cerimonia in ricordo del giovane Damiano Riva

Ieri mattina, nel palazzo comunale di Gallicano, si è tenuta una commuovente cerimonia per commemorare la tragica scomparsa di Damiano Riva, giovane gallicanese


domenica, 16 febbraio 2020, 16:04

Nuovo incendio sul Monte Croce: bruciati 20 ettari di bosco

Ancora fiamme sul Monte Croce. Nella mattinata una colonna di fumo è stata avvistata vicino alla zona dove il 6 febbraio si era verificato un altro incendio. Sul posto squadre dalla Garfagnana


Prenota questo spazio


sabato, 15 febbraio 2020, 18:12

Viabilità Garfagnana, Simonini: “Situazione difficile, tante le criticità evidenziate durante il mio mandato”

Prosegue la nostra inchiesta “viabilità in Valle del Serchio”. E’ il turno di Simone Simonini, oggi referente di “Cambiamo! con Toti” ma già consigliere provinciale. Non si occupava direttamente di viabilità e strade, ma da parte sua sono stati tanti gli interventi e le istanze legate a questa problematica territoriale


sabato, 15 febbraio 2020, 16:04

Viabilità Garfagnana, Giannoni: "Presenterò interrogazione su sicurezza"

Sempre più al centro del dibattito politico in questi giorni la sicurezza della cosiddetta “Fondovalle”, numerosi sono stati infatti gli incidenti avvenuti lungo la principale arteria di collegamento di tutta la Mediavalle e Garfagnana


venerdì, 14 febbraio 2020, 14:38

Maxi-frana, tre settimane per riaprire un primo collegamento con Isola Santa

Le ditte incaricate dall'amministrazione provinciale già operative da lunedì 17 febbraio. Si perfeziona la convenzione tra Provincia ed Enel per il rimborso dei primi interventi di somma urgenza stimati in 350 mila euro


venerdì, 14 febbraio 2020, 12:11

Viabilità Garfagnana, Comparini: “Problema storico, serve un progetto complessivo a lungo termine”

Prosegue la nostra inchiesta sulla viabilità in Garfagnana, andando ad intervistare coloro che l’hanno vissuta o la stanno vivendo, dal punto di vista politico e amministrativo. E’ la volta di Alberto Comparini, ex consigliere provinciale dal 2011 al 2015, consigliere comunale a Villa Collemandina ed ex consigliere di Castelnuovo


Ricerca nel sito


ennebicomputers


prenota


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio