Anno X

giovedì, 4 marzo 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Garfagnana

Attenzione a cosa si brucia per scaldarsi

martedì, 19 novembre 2013, 02:28

La crisi economica e la ricerca spasmodica del risparmio per far quadrare i bilanci familiari sempre più disastrati, hanno portato un incremento del riscaldamento a legna. Riscaldare una casa con una caldaia a legna porta un notevole risparmio economico rispetto al metano, al gpl o al gasolio. Esiste però, come in tutte le cose, un prezzo da pagare, non in euro, ma in salute. Quello che una volta veniva visto come un simbolo di calore domestico, il camino garfagnino, viene ora additato come una delle maggiori fonti di inquinamento atmosferico invernale. Il fumo da legna può contenere almeno cinque gruppi di sostanze chimiche classificate come cancerogene dall’IARC ed almeno 26 sostanze chimiche indicate come pericolose dall’ EPA.

Il fumo da legna contiene oltre 100 diversi composti chimici e prodotti; dalla famosa diossina all’arsenico, il cadmio e il piombo. Alcuni studi hanno stimato che il fumo da legna è molto più cancerogeno della stessa quantità di fumo di una sigaretta. La vera minaccia per la salute umana, sempre secondo gli studi, viene dal particolato sottile, un insieme di particelle solide e liquide che si trova in sospensione nell’aria. Per renderci conto dell’inquinamento di una stufa a legna, pensiamo che riscaldarsi una stagione equivale a 200.000 Km percorsi con un’ auto. La combustione di scarti di legno impregnato provoca emissioni di diossine, metalli pesanti, acido cloridrico, monossido di carbonio; bisogna quindi evitare di bruciare nelle stufe, nei camini e nelle caldaie a legna scarti verniciati o rivestiti di Pvc, imballaggi in legno, mobili.

Pericolosissimo e nocivo per la salute è l’uso di rifiuti come combustibile; diossine, furani, formaldeide e metalli pesanti provocano una miscela letale per l’organismo. Bisogna evitare anche di bruciare giornali, riviste, materiale sintetico per imballaggi, plastiche. La combustione di rifiuti nei caminetti, emette diossine e inquinanti tossici tali da mettere in pericolo la vita delle persone. Il risparmio in questo triste periodo risulta essenziale per arrivare a fine mese, cerchiamo però di usare le dovute regole per il riscaldamento a legna, soprattutto di non bruciarci dentro i rifiuti; la salute non ha prezzo.

simone alex sartini


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

tuttonatura2016

lamm

prenota_spazio


Altri articoli in Garfagnana


giovedì, 4 marzo 2021, 14:54

Coronavirus, nove casi in Valle del Serchio

Oggi si registrano nove casi in Valle del Serchio: Pescaglia 1, Borgo a Mozzano 3, Coreglia Antelminelli 1, Piazza al Serchio 2, Pieve Fosciana 1, San Romano in Garfagnana 1


giovedì, 4 marzo 2021, 14:47

Coronavirus, 114 casi in più in lucchesia

Sono 1.239 in più rispetto a ieri (1.205 confermati con tampone molecolare e 34 da test rapido antigenico) i nuovi casi registrati oggi, lo 0,8% in più rispetto al totale del giorno precedente


Prenota questo spazio


giovedì, 4 marzo 2021, 12:44

Coldiretti: "Ok ad asporto fino alle 22 salva viticoltura locale"

Il via libera all'asporto fino alle 22 per enoteche o esercizi di commercio al dettaglio di bevande, fermo restando il divieto al consumo sul posto, salva le circa sessanta enoteche presenti nella provincia di Lucca e supera l'ingiustificata discriminazione nei confronti di negozi alimentari e supermercati ai quali è correttamente...


giovedì, 4 marzo 2021, 11:25

Confesercenti: "Strutture ricettive abusive, giusto il giro di vite"

Confesercenti Toscana Nord, con il suo responsabile area lucchese Daniele Benvenuti, interviene dopo il blitz ai danni di un bed and breakfast del centro storico a Lucca per ribadire la necessità di controlli


giovedì, 4 marzo 2021, 10:51

Vittorio Fantozzi: "La pandemia ha messo a nudo tutti i nostri limiti. La Meloni? Un condottiero"

Vittorio Fantozzi è un politico tout court che vive con passione tutto quello che fa. Alla Gazzetta si racconta e si confessa


mercoledì, 3 marzo 2021, 15:51

Silvio Gemignani, agente di viaggio: “Turismo fermo da un anno, ma ci faremo trovare pronti”

Le incertezze e le paure legate alla pandemia rendono difficile fare previsioni ma nessuno si può permettere di rimanere ad attendere passivi. La pensa così Silvio Gemignani, titolare dell’agenzia viaggi “I viaggi di Andrea”


Ricerca nel sito


prenota


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio