prenota_spazio

Anno 3°

martedì, 18 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Garfagnana

Incidenti in montagna, una giornata di prevenzione con il Sast

mercoledì, 13 giugno 2018, 16:21

di andrea cosimini

Con l'approssimarsi della stagione estiva, non solo aumenta la frequentazione della montagna, ma aumenta anche il pericolo di incidenti ad alta quota. Per questo si pone il problema di come ridurre al minimo i fattori di rischio una volta imboccati i sentieri delle nostre vette. E, come sempre, la parola chiave in questi casi è una sola: prevenzione.

Per questo la stazione di Lucca del Sast (Soccorso Alpino e Speleologico Toscano), in concerto con l'Unione dei comuni della Garfagnana, ha deciso di aderire alla Giornata Nazionale della Sicurezza in Montagna. Nell'ambito del progetto "Sicuri in Montagna" realizzerà infatti un presidio fisso domenica 17 giugno in località Piglionico, proprio alla partenza del sentiero che porta al Rifugio E.Rossi, con lo scopo di sensibilizzare gli escursionisti e renderli più consapevoli del rischio. Non solo. I tecnici daranno anche luogo ad un’esercitazione pratica alle pendici della Pania Secca, dove verrà simulato un intervento di soccorso alpino in parete, in un ambiente tipicamente apuano. 

"Intercetteremo gli escursionisti in partenza - ha spiegato il capostazione del Sast di Lucca, Davide Barsetti - e distribuiremo loro delle schede con una serie di questionari. Si tratta di una campagna di prevenzione volta a ridurre il rischio di incidenti in montagna che, molto spesso, si verificano perché non c'è piena consapevolezza del pericolo".

I casi più frequenti sono scivolate e cadute. Solitamente mentre si fa escursionismo o mentre si va alla ricerca di funghi. Scopo del Sast, però, non è quello di colpevolizzare, ma di dare indicazioni basiche di buon senso creando consapevolezza negli escursionisti.

"Una delle cause più frequenti di infortuni - ha sottolineato Alessandro Lanciani, medico del Sast - è legata all'inadeguatezza della propria attrezzatura e del proprio abbigliamento. Molti cercatori di funghi, ad esempio, si dirigono nei boschi con la classica mimetica militare, tipica dei cacciatori, che però, in caso di soccorso, rende il fungaio difficile da riconoscere in mezzo al bosco. Altri ancora sbagliano calzatura. Si usa infatti indossare gambali di gomma, con la convinzione di proteggersi dall'acqua e dagli attacchi di vipera, ma la loro suola piatta risulta molto pericolosa nei tratti in pendenza. Tra i consigli utili quindi: vestire con colori sgargianti, indossare scarpe adatte, dare indicazioni ai propri familiari sulla zona dove si è diretti e munirsi sempre di telefono". 

Entusiasta dell'iniziativa di prevenzione anche l'assessore alla protezione civile dell'Unione dei comuni della Garfagnana Francesco Angelini che ha ricordato ancora una volta i rischi legati alle nostre montagne: "Ogni anno - ha ribadito - assistiamo sulle nostre montagne ad incidenti, talvolta, anche mortali. Per questo la presenza del Sast sul territorio è determinante. L'Unione ha aderito volentieri a questa giornata di sicurezza per informare le persone su come comportarsi nel nostro territorio, certo bellissimo, ma in certi casi ostile. Le nostre montagne hanno sentieri bianchi e rossi, tutti segnati dal Cai, e azzurri, un po' più pericolosi, ma comunque percorribili. E' consigliato quindi seguire questi sentieri tracciati. Vogliamo che l'attività del Sast sia sempre più di formazione che di soccorso".

A tal proposito Roberto Storai, vice-capostazione del Sast con una pluridecennale esperienza alle spalle, ha tenuto a chiarire come tutte le zone di montagna risultino pericolose se non si è consapevoli del rischio: "Non esistono zone "rosse" - ha specificato -. Ci sono solo zone più frequentate dove la possibilità di incidenti risulta conseguentemente maggiore. Per fortuna, però, la maggior parte degli interventi che facciamo sono per incidenti non gravi. Il mio consiglio è di guardare sempre le previsioni meteo prima di mettersi in viaggio, consapevoli però che il tempo, sulle nostre montagne, può cambiare in maniera repentina".

Per contattare il soccorso alpino non esiste un numero di emergenza. Il Sast, infatti, è un prolungamento del 118 in territorio ostile, impervio o ipogeo. Esso viene attivato, in caso di bisogno, dalla centrale operativa ed interviene, solitamente, nelle zone più difficili da raggiungere con l'aiuto dell'elisoccorso Pegaso 1 (da Firenze), 2 (da Grosseto) o 3 (dal Cinquale). Eccezionalmente, presso il centro operativo Cav di Pieve Fosciana (una delle due basi operative in Valle del Serchio con il centro intercomunale di protezione civile di Pian a Gioviano), il Sast può contare anche sul supporto di un altro elicottero, messo a disposizione da un privato, Gianpaolo Bertoncini, per ogni evenienza. Sulla carta le unità del soccorso alpino sul territorio sono 30 anche se, operanti, sono poco più di una ventina. Il territorio di competenza della stazione di Lucca del Sast è però molto vasto ed insiste su Alpi Apuane, Garfagnana, Valle del Serchio e Appennino. 













Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


tuttonatura2016


notini


prenota_spazio


Altri articoli in Garfagnana


puntoeacapo


martedì, 18 giugno 2019, 12:06

Una giornata tra le “erbe magiche” ai piedi della Pania di Corfino

Domenica 23 giugno, il Giardino Botanico "Maria Ansaldi" Pania di Corfino dell’Unione Comuni Garfagnana, in collaborazione con il Rifugio Isera Orecchiella e le aziende agricole Podere ai Biagi e Podere degli Gnomi, organizza una giornata dedicata alla scoperta delle piante curative, "magiche" e mitologiche


martedì, 18 giugno 2019, 09:27

Lupi, danni indiretti da predazione: via alle richieste di risarcimento

Greggi decimati dai predatori in Garfagnana. Gli allevatori potranno richiedere il risarcimento anche per i cosiddetti danni indiretti come la perdita di produzione di latte e di carne ed eventuali capi abortiti (ovini, caprini, bovini, bufalini, equini, asinini e suini).


Prenota questo spazio


lunedì, 17 giugno 2019, 17:58

Insediate tutte le giunte: i consigli si tingono di... rosa

Con la seduta consiliare convocata sabato mattina a Pescaglia, sono terminati i consigli comunali di insediamento delle rinnovate giunte nei 15 comuni della Valle del Serchio chiamati al voto durante l'ultima tornata elettorale. Quello che ne emerge è un quadro complessivo in cui la presenza femminile in politica si fa sempre...


lunedì, 17 giugno 2019, 16:24

Improvvisa "bomba d'acqua": vento e grandine in Valle

Un'improvvisa "bomba d'acqua" si è abbattuta, oggi pomeriggio, in alcune zone della Valle del Serchio con forti piogge e grandinate accompagnate da vento e fulmini. Segnalazioni giungono alla redazione dal comune di Barga, da località Arsenale e Castelvecchio, e da Castelnuovo. Non risultano, al momento, danni o problemi alla viabilità


lunedì, 17 giugno 2019, 14:32

Fabbriche, raddoppia la presenza femminile in consiglio

Il mandato del sindaco Michele Giannini è inziato con alcune conferme, come la nomina del vicesindaco Fabrizio Mariani, ma anche con molte novità tra cui il raddoppio della presenza femminile in seno al consiglio. Confermata la consigliera uscente Costanza Forli e nuove elette Marisa Vannetti, Veronica Comunelli e l’assessore esterno Ersilia Catalini


domenica, 16 giugno 2019, 20:06

Il Golf Club Garfagnana festeggia i suoi primi 25 anni

Il Golf Club Garfagnana ha festeggiato oggi, nella splendida cornice di località Braccicorti a Pieve Fosciana, l'importante traguardo dei 25 anni raggiunti con una cerimonia sportiva e conviviale


Ricerca nel sito


ennebicomputers


prenota


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio