Anno 3°

giovedì, 9 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Garfagnana

Liberiamo l'Italia: "Cedimento galleria Enel, un'altra puntata dell'Italia che frana?"

lunedì, 3 febbraio 2020, 17:37

Liberiamo l'Italia - Comitato Territoriale Lucchese interviene sulla maxi-frana che ha provocato l'interruzione della viabilità tra la Versilia e la Garfagnana.

"Un'intera comunità isolata - esordisce il Comitato -, la strada di comunicazione tra la Garfagnana e la Versilia interrotta per chissà quanto tempo, studenti e lavoratori pendolari costretti a passare ore in macchina per raggiungere il luogo di studio e di lavoro. A tutto ciò si aggiungano i danni per le attività economiche della Val d'Arni, nonché quelli al trasporto merci (marmo e non solo). E' questo il risultato del cedimento della galleria Enel che collega il bacino idroelettrico di Isola Santa con la centrale di Torrite, a Castelnuovo di Garfagnana".

"E poteva andare peggio - spiega -, visto che solo la fortuna ha impedito che agli enormi danni materiali si aggiungesse la perdita di vite umane. Di fronte a questo disastro forte è la sensazione di trovarsi davanti ad un'altra puntata dell'Italia che frana. Dopo i viadotti e le gallerie autostradali di Benetton e compagnia, è ora la volta delle opere idrauliche dell'Enel? Nel caso di Isola Santa non c'è ancora una verità ufficiale, ma si parla adesso del cedimento di uno sportello di ispezione della galleria. Un fatto che, se confermato, denuncerebbe uno stato d'incuria dell'impianto senza precedenti".

"Quel che in genere i cittadini non sanno - continua -, e che spesso gli amministratori sanno anche meno, è che nell'intera Valle del Serchio vi sono circa 90 chilometri di canali e gallerie che trasportano l'acqua alle centrali idroelettriche. Non tutti hanno lo stesso livello di pericolosità di quello che ha ceduto nella notte tra il 31 gennaio ed il 1° febbraio, ma si tratta comunque di opere abbastanza vecchie, costruite fondamentalmente tra il 1915 ed il 1950. Opere in alcuni casi assolutamente vetuste, come nel caso della diga di Villa Collemandina, che non a caso l'Enel è stata costretta a svuotare e che dovrà ricostruire interamente".

"Adesso è certamente il momento di riparare al più presto i danni - afferma il Comitato -. Ma sarebbe sbagliato non cogliere questa occasione per alcune riflessioni più generali. In primo luogo, ciò che è avvenuto sia almeno di monito per il futuro. La sicurezza non può essere solo materia per convegni rituali. Ben più importante, invece, il controllo pubblico su attività così impattanti come quella idroelettrica. Tutta questa problematica ci rimanda infatti ad un problema più generale: la necessità della gestione pubblica di un settore strategico (anche per la sicurezza, ma non solo) come quello dell'energia. Con la privatizzazione, l'Enel è diventata una Spa dedita principalmente al profitto. Quanto ha inciso, in termini di tagli, questa nuova situazione in atto ormai da un ventennio? Questa è la domanda fondamentale, quella che tutti dovrebbero farsi, quella che ci rimanda al paragone con i disastri autostradali dei Benetton".

"Come movimento Liberiamo l'Italia - conclude -, attualmente in fase costituente, non abbiamo dubbi: il settore energetico deve essere nazionalizzato. E se L'Unione europea ci dirà che questo non è possibile, sarà solo una ragione in più per mandarla al diavolo. I dogmi europeisti che negli anni '90 imposero la svendita delle aziende di stato devono essere rovesciati. Da allora, tutto ciò che è stato privatizzato - dall'energia alle telecomunicazioni, dalle autostrade ai trasporti - funziona peggio e costa più di prima. I cittadini lo sanno bene. Aggiungiamoci adesso la minor sicurezza ed il quadro è fatto. Se il disastro dell'altra notte parla da solo, che almeno si apra un dibattito, che nessuno faccia finta che nulla è successo, che ognuno - forze politiche ed istituzioni - si assuma le proprie responsabilità!"





Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

tuttonatura2016

prenota_spazio

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Garfagnana


giovedì, 9 aprile 2020, 16:18

Coronavirus, 25 nuovi casi in provincia di Lucca

L'aumento dei nuovi casi positivi di oggi (+173) risulta relativamente contenuto. Tra i motivi c’è anche il minor numero di tamponi processati. C'è stata un'alta richiesta di tamponi, e il servizio sanitario ha cercato di assecondarla


giovedì, 9 aprile 2020, 15:49

Ctt Nord, mascherine obbligatorie sui bus

A partire dal 13 aprile, all’interno degli autobus urbani ed extraurbani di CTT Nord e nei locali aziendali di accesso al pubblico, è in vigore l’obbligo di indossare mascherina di protezione avendo cura di coprire naso e bocca per tutta la durata del viaggio


Prenota questo spazio


giovedì, 9 aprile 2020, 15:09

Tampone in auto anche alle donne in gravidanza a termine

Anche le donne in gravidanza a termine a Lucca  vengono sottoposte a tampone in auto per scoprire l’eventuale presenza di infezione da Coronavirus


giovedì, 9 aprile 2020, 14:41

Supermercati chiusi per Pasqua e Pasquetta

I supermercati della provincia di Lucca saranno chiusi a Pasqua e Pasquetta. A ordinarne la chiusura con apposita ordinanza sono i sindaci dei Comuni che ospitano sul proprio territorio i negozi della grande e media distribuzione


giovedì, 9 aprile 2020, 14:16

Unione Comuni, si lavora a nuove strategie turistiche per esaltare il valore del territorio

L’Unione Comuni Garfagnana, per quanto possibile, intende manifestare la propria presenza e solidarietà al settore turistico e delle produzioni locali in questo difficile momento che ci vede tutti impegnati nel superamento della fase emergenziale, augurandosi che avvenga quanto prima


giovedì, 9 aprile 2020, 12:24

L'associazione Valle di Arni dona uova di cioccolato agli ospedali

L'associazione Valle di Arni ha donato 12 kg di uova di cioccolato agli ospedali Noa di Massa Carrara, ospedale unico della Versilia e all'ospedale Santa Croce di Castelnuovo Garfagnana


Ricerca nel sito


ennebicomputers


prenota


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio