Anno X

mercoledì, 8 dicembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Garfagnana

Mario Puglia, regista e protagonista di una fiction in cui l'illegalità non aveva confini

giovedì, 17 dicembre 2020, 10:26

di aldo grandi

Il procuratore capo della Repubblica di Lucca Lucia Rugani ha aperto la conferenza stampa presso l'ex Galli Tassi con una premessa a suo avviso doverosa e che ha voluto fare il punto su una persona e una personalità sicuramente complessa come quella di Mario Puglia, ex sindaco e adesso vice sindaco nonché dirigente dell'ufficio tecnico del comune di Vagli, in realtà l'anima e, allo stesso tempo il corpo di una attività illegale che ha finito per pregiudicare la legalità dello sviluppo economico in Garfagnana.

Il magistrato ha voluto spiegare che non è stata questa la prima volta in cui Puglia è finito sotto inchiesta, ma nelle altre circostanze era stato sempre assolto. In questa occasione gli investigatori non sono, però, partiti da un singolo episodio o da una singola querela o da un singolo esposto. Hanno, invece, preso in esame nella sua vastità il fenomeno che, dal 2014 a sei mesi fa, ha interessato in maniera sempre più aggressiva e completa il comune di Vagli sia come ente sia come territorio all'interno dei quali si è andata sviluppando una sorta di associazione a delinquere finalizzata all'ottenimento di illeciti guadagni a beneficio di poche e sempre le medesime persone, Mario Puglia in testa.

La dottoressa Rugani ha ritenuto importante fare questa premessa proprio per sottolineare come, da un lato, il protagonista di questa fiction, Mario Puglia, abbia sempre avuto un rapporto di rispetto nei confronti delle forze di polizia e della magistratura mentre, dall'altro, abbia posto in essere comportamenti di aperta e manifesta illegalità insieme agli altri arrestati e indagati che sono arrivati fino alla minaccia di ricorrere all'uso delle armi per convincere i più riottosi a piegarsi alle necessità dell'associazione delinquenziale.

Trentasei gli indagati dell'indagine, cinque le misure cautelari, oltre 1 milione 500 mila euro di beni sequestrati e l'inchiesta è ancora in corso. 

"Non può esserci sviluppo senza legalità e rispetto della legge". Questo, in sintesi, il messaggio pronunciato dal procuratore capo Rugani a fine intervento, come a voler rilevare l'importanza e la indissolubilità dei due aspetti, sviluppo e lagalità, messi in pericolo e a rischio proprio da una rete articolata di rapporti illegali che hanno favorito imprenditori locali, amministratori, familiari degli stessi. 

A differenza di alcuni anni fa, questa volta è stata compiuta dagli investigatori, carabinieri - stazione di Camporgiano in primis - squadra mobile, presente la dottoressa Silvia Cascino, guardia di finanza, una attività complessa ed articolata diremmo quasi 'panoramica' su tutta l'attività illegale svolta dal sodalizio criminale. Essa è stata passata al setaccio sin nei minimi particolari, sono state esaminate puntigliosamente vecchie querele, denunce, segnalazioni, esposti, passaggi di proprietà di fabbricati e terreni. Sono state analizzate sin nei minimi particolari le attività dell'ente Comune e i rapporti di Mario Puglia in qualità non solo di sindaco o vicesindaco, ma, soprattutto, di dirigente dell'ufficio tecnico, con gli imprenditori. Inoltre è stata anche affrontata l'attività estrattiva per il marmo e anche in questa circostanza sono state individuate pesanti illegalità e responsabilità. 

Incredibile quanto ha raccontato il capo della squadra mobile Silvia Cascino avallata dal sostituto procuratore titolare dell'indagine, a proposito di un episodio avvenuto a Vagli e avente come responsabile il vicesindaco Mario Puglia - ma il sindaco, dov'era? -. Era da poco crollato il ponte di Albiano ad Aulla e, come già avvenuto per il Ponte Morandi a Genova, erano stati avviati controlli e verifiche su tutti i ponti. Il ponte della Tambura era stato, quindi, chiuso.

A questo punto, per collegare Vagli Sotto parte vecchia e Vagli Sopra c'erano solamente due strade: via delle Cave, la migliore e la più lunga dove erano stati già stati avviati e pressoché conclusi dei lavori di rifacimento del manto stradale e una strada sterrata, via del Guado.

Appena chiuso il ponte della Tambura, il vicesindaco Puglia afferra al volo l'occasione e comprende che è il momento di fare i lavori di somma urgenza sulla strada sterrata, via del Guado, a suo avviso era la più adatta, ma, soprattutto, quella cui erano stati destinati i fondi.

Qualcuno gli fa osservare che c'era già via delle Cave come strada percorribile dove, peraltro, stavano per essere ultimati i lavori. Niente da fare. Puglia ordina ugualmente di smontare la strada perché, altrimenti, si sarebbero persi i soldi dei lavori di somma urgenza di via del Guado.

Quindi, nella notte, l'imprenditore cui si era rivolto Puglia, ha smantellato, letteralmente, via delle Cave isolando, così, gli abitanti di Vagli di Sopra. E al telefono, durante una conversazione, lo stesso Puglia ha confessato che a lui non importava niente se qualche abitante di Vagli di Sopra sarebbe rimasto isolato.

Perché a suo avviso era più importante rifare via del Guado e ottenere i soldi ella somma urgenza.

Al termine dell'inchiesta gli investigatori, coordinati dal sostituto procuratore della Repubblica Salvatore Giannino, hanno individuato portato alla luce un ampio e ramificato sistema, facente capo a Mario Puglia, con lo scopo di ottenere la spartizione di occasioni di guadagno personali utilizzando il Comune di Vagli.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

tuttonatura2016

lamm


Altri articoli in Garfagnana


mercoledì, 8 dicembre 2021, 08:49

Inaugurata una targa in marmo in ricordo di Vanessa

Alle 19.30 di ieri, 7 dicembre, è partita da Sant'Andrea di Gallicano la fiaccolata in ricordo di Vanessa Simonini, uccisa 12 anni fa i località Campilato, da un suo "amico" che si era invaghito di lei e, vistosi respinto, le tolse la vita


martedì, 7 dicembre 2021, 21:56

A Pieve Fosciana torna la tradizione della festa degli sposi

Rappresenta una delle feste più sentite per la comunità di Pieve Fosciana che, a partire dal 1993, celebra la Festa degli Sposi per festeggiare le coppie di coniugi più longeve


Prenota questo spazio


martedì, 7 dicembre 2021, 15:36

Green pass, controlli sui mezzi pubblici: in 13 sono senza

E' questo l'esito dei controlli effettuati dai verificatori di Autolinee Toscane a supporto delle forze dell’ordine, nel primo giorno di entrata in vigore del Green Pass obbligatorio per i passeggeri del tpl


martedì, 7 dicembre 2021, 13:15

Lutto per la scomparsa di Pierluigi Boggi, storico cameriere da “Carlino”

Accusati problemi di salute solo pochi mesi fa, le sue condizioni erano progressivamente peggiorate fino al ricovero, sabato scorso, all’hospice a Villetta di San Romano. Qua, nella serata di domenica 5 dicembre, si è spento, all’età di 70 anni, Pierluigi Boggi


martedì, 7 dicembre 2021, 11:13

50 stelle di Natale per la fiaccolata in ricordo di Vanessa

50 stelle di Natale per sostenere le attività del Centro Antiviolenza "Non ti scordar di me" di Gallicano. Donna Imprese Coldiretti Lucca al fianco delle donne vittime di violenza nella giornata ricordo di Vanessa Simonini, ventenne di Gallicano vittima di femminicidio il 7 dicembre 2009


lunedì, 6 dicembre 2021, 18:35

I sindaci incontrano il nuovo comandante della guardia finanza

Lunedì 6 dicembre, presso la sede dell’Unione Comuni Garfagnana, i sindaci dei comuni componenti l’Unione Comuni Garfagnana hanno incontrato il nuovo comandante della guardia di finanza nella provincia di Lucca, colonnello t. SPEF Marco Querqui, insediatosi il 14 settembre


Ricerca nel sito


bidiba


prenota


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio