Anno X

mercoledì, 26 gennaio 2022 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Garfagnana

Infermieri stremati dopo due anni di pandemia dichiarano sciopero

giovedì, 13 gennaio 2022, 22:05

La segreteria territoriale Nursind Lucca e Versilia interviene in merito alle criticità assistenziali tuttora presenti e dichiara sciopero il 28 gennaio.

"Siamo arrivati alle porte coi sassi, parafrasando un vecchio detto popolare ma che fa capire la realtà sanitaria di questi giorni - esordisce -. La nuova escalation covid, la quarta ondata, ci obbliga a riflessioni che portano alla luce ancora una volta le inefficienze nella gestione di questa pandemia ai danni dei cittadini e dei professionisti della salute".

"L'amministrazione regionale - incalza -, nonchè le direzioni delle varie aziende ospedaliere e delle ASL hanno perpetrato gli stessi errori, la stessa incapacità di programmazione e di implementazione di azioni e politiche atte a fronteggiare una situazione che già all'inizio del 2020 si prospettava drammatica e adesso si preannuncia catastrofica. Nonostante tutto questo permane il blocco delle assunzioni con concorsi già espletati e graduatorie già in essere, peggiorando la voragine storica nelle dotazioni organiche, alla quale si aggiungono pensionamenti, certificati lunghi, gravidanze non sostituite, assenze per infezioni da covid, quarantene ecc".

"In questi giorni - sottolinea Nursind - hanno annunciato lo sblocco delle assunzioni, ma va considerato che gran parte delle assunzioni annunciate, sono costituite da infermieri che già stanno lavorando a tempo determinato e che proprio per questo non porteranno nessuna implementazione nelle dotazioni organiche. Un esiguo incremento forse lo potremo vedere non prima di un paio di mesi, tempo dovuto all’iter burocratico necessario all’espletamento delle pratiche per le assunzioni. L'aumento dei contagi, la recrudescenza dei quadri clinici, l'aumento dei ricoveri, hanno portato alla riapertura delle degenze e delle terapie intensive covid positivi e all'implementazione dei posti letto, senza che la regione e le direzioni aziendali avessero veramente pianificato una strategia organizzativa per affrontare questa ennesima ondata che per tutti era prevedibile".

"Avevamo già paventato - attacca - sia in sede aziendale che regionale, che un'altra ondata associata al blocco delle assunzioni non sarebbe stata sostenibile. Anche se l'impatto nelle terapie intensive non è paragonabile ai precedenti periodi, tutto è stato comunque rimesso in moto, riaperto, riorganizzato. Il personale sanitario è stato ancora una volta catapultato nel giro di poche ore a sopperire alle mancanze gestionali e organizzative, ricollocato repentinamente in setting e degenze ad alta criticità e specializzazione. I servizi domiciliari e territoriali, la cui attività riveste un ruolo nevralgico in un periodo come questo, non sono stati implementati adeguatamente".

"Tocca constatare ancora una volta - affonda Nursind - che il personale sanitario è palesemente insufficiente, tale da non poter garantire pause adeguate durante i turni di lavoro, non esiste una programmazione degli intervalli di riposo atti a diminuire lo stress da lavoro correlato (psicofisico), negli ultimi due anni sono stati accumulati mesi di ferie ed ore di straordinario, ferie e riposi comunque ancora sospesi. Da inizio pandemia un numero sempre più esiguo di lavoratori ha garantito le prestazioni per le attività ordinarie e portato avanti tutte le nuove attività nate con la pandemia (vaccinazioni, tamponi, sorveglianza sanitaria, tracciamento, terapie monoclonali, aperture nuove degenze covid, USCA, ecc). Tutto si impara, tutto si affronta, è stato ampiamente dimostrato da chi, specialmente negli ultimi due anni, ha risposto in modo esemplare e professionale, ma mancano le risorse umane e senza assunzioni, senza un risolutivo adeguato e celere intervento atto ad incrementare le risorse necessarie, le prossime settimane avranno un impatto ancora più devastante sui luoghi di cura, sui professionisti sanitari e sui cittadini. Mai avremmo pensato di arrivare a questo punto, ma dopo due anni di richieste completamente inascoltate non abbiamo altra scelta che proclamare uno sciopero generale per il prossimo 28 gennaio al fine di manifestare il nostro disagio che ad oggi ha raggiunto un livello non più sostenibile".

"Chiediamo a tutte le istituzioni, agli ordini professionali, ai Sindaci - conclude - di supportare la nostra richiesta di aiuto che deve necessariamente essere raccolta al fine della tutela della salute di tutta la collettività".


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

tuttonatura2016

lamm

carrefour


Altri articoli in Garfagnana


martedì, 25 gennaio 2022, 13:56

Coronavirus, quasi mille casi in una settimana in Valle del Serchio: a Barga 18 ricoveri

Questi gli aggiornamenti sulla situazione Covid nell’Azienda USL Toscana nord ovest. I nuovi casi positivi, dal 18 al 24 gennaio sono stati 27.679, con 102 comuni coinvolti


martedì, 25 gennaio 2022, 12:50

"Giù le mani dal demanio civico di Vagli Sotto e Stazzema!"

Con oggi è la terza istanza presentata dal gruppo di intervento giuridico (GrlG) perché vengano finalmente rese effettive le statuizioni della sentenza dell’11 giugno 2019


Prenota questo spazio


martedì, 25 gennaio 2022, 12:37

Lupi, Confagricoltura Toscana: "La specie protetta? Tra poco saranno le nostre imprese. Pronti a protestare”

Marco Neri, presidente di Confagricoltura Toscana, chiede interventi urgenti sul riequilibrio della presenza di lupi, predatori e ungulati, la cui coesistenza con l'agricoltura e l'allevamento "è ormai impossibile"


martedì, 25 gennaio 2022, 12:27

Tessuto imprenditoriale in recupero nel 2021, ma ancora al disotto dei livelli pre-pandemia

Registrata una ripresa, nel corso del 2021 da parte del tessuto imprenditoriale lucchese, un recupero ancora parziale rispetto ai livelli precedenti la pandemia


martedì, 25 gennaio 2022, 11:57

Disoccupazione agricola 2022 che in Toscana riguarda circa 40 mila lavoratori avventizi

La scadenza è il 31 marzo 2022, termine entro il quale è possibile presentare la domanda di disoccupazione agricola per l'anno 2021. Sono interessati - lo ricorda Amedeo Sabato (Segretario della FAI CISL Toscana Nord) - tutti coloro che hanno lavorato in agricoltura, anche per un breve periodo nel 2021,...


martedì, 25 gennaio 2022, 09:58

La filiera corta batte la pandemia

Porri, bietole, finocchi, spinaci, bietole di stagione per zuppe e piatti di stagione ma anche olio extravergine di oliva e pesce a miglio zero per mangiare bene e sano nel rispetto del rapporto qualità-prezzo in tempo di rincari, evitare fino al 60% di sprechi e tenersi lontani da file e...


Ricerca nel sito


bidiba


prenota


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio