Anno 3°

venerdì, 17 agosto 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'Evento

Azioni ENI, il piano industriale convince veramente?

mercoledì, 13 giugno 2018, 13:29

Nel mese di marzo Eni ha diramato i propri risultati finali sul 2017, e ha colto l’opportunità di presentare il proprio nuovo piano aziendale 2018-21 alla comunità finanziaria. Nessuna sorpresa e pochi impatti sulle Azioni ENI: i risultati finali 2017 hanno infatti ribadito i risultati preliminari pubblicati il ​​16 febbraio scorso, e il dividendo di EUR 0,80 per azione sul 2017. Il nuovo piano strategico ha inoltre largamente confermato i principali pilastri già presenti nel piano precedente, che a sua volta era principalmente incentrato sulla crescita della produzione, sulla generazione di cassa e sull'efficienza operativa.

In aggiunta a ciò, il nuovo piano ha anche migliorato la politica dei dividendi e vuole puntare a qualche rialzo sul rendimento totale degli azionisti relativo a un possibile programma di riacquisto in caso di eccesso di liquidità.

La disciplina finanziaria del business plan

Ad ogni modo, il piano è stato accolto positivamente dagli analisti con particolare riferimento alla disciplinafinanziaria, con gli investimenti in conto capitale che dovrebbero rimanere inferiori a 32 miliardi di euro rispetto al 2018-21 (sostanzialmente in linea con il piano precedente), di cui 7,7 miliardi di euro nel 2018.

Complessivamente, il top management ha affermato che la crescita e la disciplina finanziaria sono necessarie per poter generare un free cash flow cumulativo di 22 miliardi di euro nel periodo 2018 - 2021 nel business upstream, un free cash flow cumulato di 2,4 miliardi di euro in Gas & Power e un free cash flow cumulato superiore a 2 miliardi di euro a valle (ovvero per le attività di raffinazione e prodotti chimici).

Per quanto concerne il tema della remunerazione degli azionisti, c’è una proposta di dividendo 2018 di 0,83 EUR per azione (+ 3,75% rispetto al 2017), in contanti. La politica dei dividendi viene così confermata in modo progressivo, e basata sugli utili sottostanti e sulla crescita del free cash flow, di cui sopra si è fatto breve cenno.

Le opinioni degli analisti

Complessivamente, gli analisti rimangono positivi sul destino a medio termine delle azioni ENI, ritenendo che il management di Eni stia correttamente procedendo lungo la strada del rafforzamento delle capacità di generazione di cassa, di efficienza operativa e del progresso nelle attività di esplorazione, garantendo così una futura crescita della produzione. Le ipotesi alla base di questo piano industriale sono sostanzialmente in linea con le previsioni attuali degli osservatori, realizzate però con uno scenario del prezzo del petrolio che va da 60 a 70 USD al barile.

Su tale scenario (che potrebbe però essere rivisto al rialzo) gli obiettivi di Eni vengono giudicati come realizzabili. La crescita finanziaria organica e la disciplina finanziaria piuttosto rigorosa dovrebbero sostenere la nuova e migliorata politica dei dividendi, offrendo un ulteriore vantaggio alla remunerazione degli azionisti.

Vedremo se, condizioni esogene a parte, il destino delle azioni Eni sarà effettivamente così positivo come sta emergendo in queste settimane dalla media delle principali previsioni formulate dagli osservatori internazionali in tale contesto.


Questo articolo è stato letto volte.


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in L'Evento


Prenota questo spazio


sabato, 11 agosto 2018, 15:32

Haber protagonista a Casa Pascoli: "Nella carriera di un attore bisogna rischiare"

Intervista esclusiva ad Alessandro Haber, il celebre attore e regista, dopo la lettura delle poesie a Casa Pascoli in occasione della serata dedicata ai 50 anni dell’Associazione Lucchesi nel Mondo a Castelvecchio


venerdì, 3 agosto 2018, 18:36

Tutto pronto per Histrionika, il festival di arte di strada

Alla sua quinta edizione, Histrionika, il Festival di arte di strada firmata Ecoeventi e realizzata grazie al sostegno del Comune di Lucca e la collaborazione dell’Opera delle Mura cresce e conferma la sua location intersecandosi come sempre con la Storia per rendere ancora più “fantastica” l’estate lucchese


Prenota questo spazio


venerdì, 3 agosto 2018, 11:02

Aldo Grandi: sospeso, ma non arreso

Aldo Grandi, l’incorreggibile. Amato o odiato. Non ci sono vie di mezzo. E’ lo storico che ha scritto 12 saggi molto apprezzati, il giornalista alieno in terra di provincia un po’ sonnacchiosa. Senza Aldo Lucca sarebbe sicuramente molto più noiosa, ma intanto la sospensione dall’Ordine se l’è beccata e lui morde...


venerdì, 3 agosto 2018, 10:52

Qualità dell'aria in Toscana: trend positivi, ma permangono criticità

Lo stato della qualità dell’aria ambiente in Toscana si presenta complessivamente positivo. Dai dati della Rete regionale, però, permangono alcune criticità per tre inquinanti: PM10, ossidi di azoto e ozono


martedì, 31 luglio 2018, 17:47

Nasce Teseo, la app del gruppo Ctt Cap Copit

Con Teseo sarà possibile avere informazioni sulla mobilità di tutta la Toscana Nord-Ovest, in corrispondenza dei bacini storici dove operano Ctt, Cap e Copit, ovvero nelle province di Livorno, Pisa, Massa Carrara, Lucca, Pistoia, Prato ed il territorio di Empoli


lunedì, 30 luglio 2018, 18:47

Festa di compleanno a sorpresa per Aldo Grandi

"Io di sorprese nella vita ne ho ricevute tante, tante belle ed altre meno, ma questa è sicuramente la più bella dell'ultimo decennio". Esordisce così, a caldo, Aldo Grandi, dopo essersi imbattuto nel maxi regalo fattogli dalla famiglia delle "gazzette" per festeggiare le sue 57 primavere