Anno 3°

lunedì, 18 giugno 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'Evento

Azioni ENI, il piano industriale convince veramente?

mercoledì, 13 giugno 2018, 13:29

Nel mese di marzo Eni ha diramato i propri risultati finali sul 2017, e ha colto l’opportunità di presentare il proprio nuovo piano aziendale 2018-21 alla comunità finanziaria. Nessuna sorpresa e pochi impatti sulle Azioni ENI: i risultati finali 2017 hanno infatti ribadito i risultati preliminari pubblicati il ​​16 febbraio scorso, e il dividendo di EUR 0,80 per azione sul 2017. Il nuovo piano strategico ha inoltre largamente confermato i principali pilastri già presenti nel piano precedente, che a sua volta era principalmente incentrato sulla crescita della produzione, sulla generazione di cassa e sull'efficienza operativa.

In aggiunta a ciò, il nuovo piano ha anche migliorato la politica dei dividendi e vuole puntare a qualche rialzo sul rendimento totale degli azionisti relativo a un possibile programma di riacquisto in caso di eccesso di liquidità.

La disciplina finanziaria del business plan

Ad ogni modo, il piano è stato accolto positivamente dagli analisti con particolare riferimento alla disciplinafinanziaria, con gli investimenti in conto capitale che dovrebbero rimanere inferiori a 32 miliardi di euro rispetto al 2018-21 (sostanzialmente in linea con il piano precedente), di cui 7,7 miliardi di euro nel 2018.

Complessivamente, il top management ha affermato che la crescita e la disciplina finanziaria sono necessarie per poter generare un free cash flow cumulativo di 22 miliardi di euro nel periodo 2018 - 2021 nel business upstream, un free cash flow cumulato di 2,4 miliardi di euro in Gas & Power e un free cash flow cumulato superiore a 2 miliardi di euro a valle (ovvero per le attività di raffinazione e prodotti chimici).

Per quanto concerne il tema della remunerazione degli azionisti, c’è una proposta di dividendo 2018 di 0,83 EUR per azione (+ 3,75% rispetto al 2017), in contanti. La politica dei dividendi viene così confermata in modo progressivo, e basata sugli utili sottostanti e sulla crescita del free cash flow, di cui sopra si è fatto breve cenno.

Le opinioni degli analisti

Complessivamente, gli analisti rimangono positivi sul destino a medio termine delle azioni ENI, ritenendo che il management di Eni stia correttamente procedendo lungo la strada del rafforzamento delle capacità di generazione di cassa, di efficienza operativa e del progresso nelle attività di esplorazione, garantendo così una futura crescita della produzione. Le ipotesi alla base di questo piano industriale sono sostanzialmente in linea con le previsioni attuali degli osservatori, realizzate però con uno scenario del prezzo del petrolio che va da 60 a 70 USD al barile.

Su tale scenario (che potrebbe però essere rivisto al rialzo) gli obiettivi di Eni vengono giudicati come realizzabili. La crescita finanziaria organica e la disciplina finanziaria piuttosto rigorosa dovrebbero sostenere la nuova e migliorata politica dei dividendi, offrendo un ulteriore vantaggio alla remunerazione degli azionisti.

Vedremo se, condizioni esogene a parte, il destino delle azioni Eni sarà effettivamente così positivo come sta emergendo in queste settimane dalla media delle principali previsioni formulate dagli osservatori internazionali in tale contesto.


Questo articolo è stato letto volte.


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in L'Evento


Prenota questo spazio


martedì, 5 giugno 2018, 16:19

Le Gazzette a cena alla Tosca di Gignano di Brancoli

Questa volta la tradizionale cena delle Gazzette si è tenuta al ristorante Tosca di Paolo Luporini a Gignano di Brancoli. Dopo alcuni mesi di pausa 'forzata' riprende una simpatica consuetudine


giovedì, 31 maggio 2018, 00:14

2 Giugno, la festa fatevela da soli

Il 2 giugno, anche a Lucca, verrà celebrata, in Cortile degli Svizzeri, la festa della Repubblica. Non quella di Lucca, che seppe resistere ai tentativi di minarne l'indipendenza fino al 1799 quando dovette cedere non alla Merkel né a Macron, ma, e perdonateci l'ardire, ad un certo Napoleone Bonaparte


Prenota questo spazio


sabato, 12 maggio 2018, 11:29

Convegno Cisl su disabilità e autosufficienza

"Disabilità e non autosufficienza per un presente di inclusione" è il tema centrale del convegno organizzato dalla Federazione pensionati  FNP Cisl Toscana Nord - Anteas Lucca con le RLS, rappresentanze dei lavoratori per la sicurezza, di Castelnuovo Garfagnana, Piana di Lucca, Versilia Nord e Versilia Sud


mercoledì, 25 aprile 2018, 23:25

Montagna Longa, la verità 'scomoda' sul disastro del DC 8 AZ 112 Alitalia

Il 5 maggio 1972 il DC 8 AZ 112 Alitalia con 115 persone a bordo precipitò in località Montagna Longa a Palermo prima dell'atterraggio. A distanza di 45 anni una super perizia tecnica riapre il caso parlando apertamente di un attentato


lunedì, 23 aprile 2018, 12:48

Microgaming a sostegno del progetto “All-In Diversity”

L’entrata di Microgaming nel team dei membri fondatori del progetto “All-in Diversity”, contribuirà a dare un nuovo impulso all'iniziativa volta a conferire un’impronta più inclusiva al settore del gaming. La software house si è unita a Kindred, GiG e IGT, gli altri membri fondatori del progetto


giovedì, 19 aprile 2018, 19:39

Marco Gasperetti alle lezioni di giornalismo della Gazzetta

Sarà proprio questo mago delle tecnologie e dell'on line, docente universitario a Pisa e inviato speciale del Corriere della Sera, l'ospite delle lezioni di giornalismo della Gazzetta di Lucca di venerdì pomeriggio 20 aprile alle 17 a Palazzo Bernardini sede dell'associazione industriali