Anno 3°

mercoledì, 1 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'Evento

Scatta l'obbligo dei dispositivi anti-abbandono in auto: multe fino a 326 euro

giovedì, 7 novembre 2019, 13:02

È ufficiale: da oggi, giovedì 7 novembre, i seggiolini anti-abbandono sono obbligatori. Le auto che trasportano bambini fino a 4 anni dovranno essere dotate di sistemi di allarme in grado di segnalare la presenza del piccolo a bordo. Chi non si metterà in regola incorrerà in sanzioni da 81 a 326 euro, oltre alla decurtazione di 5 punti dalla patente.

«L'introduzione di questa norma - commentano Luca Gelli e Luca Sangiorgio, rispettivamente presidente e direttore di Aci Lucca - è importante per grandi e piccoli. È infatti necessario fare tutto ciò che possiamo per tutelare la sicurezza dei passeggeri più piccoli, ma è altrettanto importante permettere ai cittadini, ai genitori, ai nonni, a chiunque trasporti i piccoli, di dotarsi di tali strumenti, utili per evitare gli episodi drammatici dei bambini "dimenticati" in auto. Sarebbe però auspicabile un periodo di tolleranza, evitando quindi l'immediata applicazione delle multe, per dare tempo a tutti di provvedere all'acquisto e di adeguarsi alla nuova normativa».

«Dopo questa bella conquista - proseguono i vertici del Club lucchese - speriamo che si sblocchi anche la modifica dell'art. 172 del Codice della Strada, con l'approvazione del disegno di legge che prevede l'introduzione dell'obbligatorietà delle cinture di sicurezza a bordo degli scuolabus. Sarebbe il coronamento della nostra battaglia "A Scuola Sicuri", nata in provincia, dal basso, con l'aiuto di genitori, insegnanti e amministratori locali: la dimostrazione che l'unione, anche nel piccolo, fa la forza. Stiamo aspettando che, dopo l'approvazione unanime nelle due commissioni trasporti di Camera e Senato, il disegno di legge venga discusso e definitivamente approvato in Aula».

I SISTEMI ANTI-ABBANDONO. I seggiolini di nuova generazione sono dotati di sensori che rilevano la presenza del bambino, segnalandola nel caso in cui il conducente si allontani dall'auto. In generale, comunque, le auto dovranno essere dotate di dispositivi capaci di attivarsi automaticamente, completati da un allarme in grado di avvisare il conducente della presenza del bambino nel veicolo attraverso appositi segnali. Per chi ha già un seggiolino e non vuole sostituirlo, sono comunque disponibili sistemi da installare sotto il seggiolino stesso o da inserire nell'accendisigari.

Per incentivare l'acquisto dei dispositivi salva bebè, lo Stato ha previsto un bonus di 30 euro a famiglia: per il 2019 è stato messo a disposizione un fondo da 15,1 milioni di euro, che scenderà a un milione nel 2020. Le modalità di erogazione saranno disciplinate nelle prossime settimane da un apposito provvedimento.


Questo articolo è stato letto volte.


Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in L'Evento


Prenota questo spazio


lunedì, 30 marzo 2020, 20:28

Dante Giampaoli e la sua canzone sul coronavirus

In questo periodo, chiusi nelle loro abitazioni, gli italiani una ne fanno e cento ne pensano: ciascuno trova nelle proprie passioni, abituali o nuove, il modo per trascorrere il tempo e tenere alto il morale


lunedì, 30 marzo 2020, 17:53

Coronavirus, questi leggono i numeri e non li capiscono: per malati diversi stessa cura!

Per fare una fotografia oggi della situazione nelle Regioni Italiane, per capire dopo due o più mesi di Covid-19 qual è l’impegno “attuale” delle strutture sociali e dei cittadini, deve essere considerato un dato fondamentale, il numero di abitanti delle Regioni stesse


Prenota questo spazio


domenica, 29 marzo 2020, 16:57

Stefano Cecchi, vita e pensieri di un giornalista-poeta durante l'emergenza Coronavirus

Giornalista, scrittore, opinionista sportivo, uno dei pochi, tra gli ultimi, giornalisti con la testa sulle spalle, le spalle sotto la testa e il buonsenso a fare da cornice: "Coronavirus? Non avevo paura, ma ora mi cospargo il capo di cenere e sono preoccupato"


martedì, 24 marzo 2020, 08:29

Covid-19: è emergenza anche per le Gazzette. Tienici in vita!

In un momento delicato come questo nel quale l'emergenza Coronavirus ha immobilizzato i pagamenti e ingessato i crediti, anche le Gazzette, come tutte le attività che vivono di introiti pubblicitari privati, rischiano di esaurire le proprie risorse entro pochi mesi


martedì, 17 marzo 2020, 09:32

Il decreto 'Cura Italia' per tutti quelli che non hanno voglia di... diventare scemi

Ecco le principali misure del decreto-legge Covid Ter del 16 marzo 2020 che dovrebbe, secondo i geni che lo hanno redatto, curare l'Italia in questo momento di emergenza


sabato, 14 marzo 2020, 18:53

Coronavirus? No, Xanax a gogo

Se un risultato le misure draconiane adottate dal Governo in materia di contagi, è stato l'aumento esponenziale del consumo di medicinali per fronteggiare ansia e attacchi di panico