Anno 3°

sabato, 4 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'Evento

I Marcucci festeggiano i 100 anni della tata Maria Gianfranceschi

sabato, 8 febbraio 2020, 21:19

di donatella beneventi

Il traguardo del secolo di vita è un privilegio che a pochi capita, ancora più raro se si è in gran forma e con lo spirito sempre alto: così è per Maria Gianfranceschi, che ha festeggiato il suo centesimo compleanno a Montignoso, circondata da gran parte della comunità, che le ha organizzato una magnifica festa presso la casa delle ex suore, a fianco alla chiesa di Santa Maria della Rosa.

Per lei tutti si sono adoperati per farle passare un pomeriggio indimenticabile, grati della sua bontà e della sua generosità, a partire dal senatore Andrea Marcucci, con il quale Maria aveva un rapporto speciale, essendo stata la sua tata per i primi 15 anni di vita: è stato lui che l’ha accolta all’ingresso della casa, profondamente emozionato, lasciandosi andare ai dolci ricordi dell’infanzia, nella quale Maria occupa un posto di primo piano: “Un legame che non si è mai interrotto - dice Marcucci - ma che è proseguito anche da adulto, è stata presente in tutti i momenti più importanti della mia vita”.

Maria è arrivata in auto insieme alla sorella Vittoria, 95 anni, con la quale vive: passo sicuro, indipendente, sguardo attento e parlata vivace, non sembra davvero che abbia cento anni; per tutti ha un saluto, un gesto di affetto, è sorpresa della presenza di stampa, televisione e fotografi. Per lei arriva addirittura il Burlamacco direttamente da Viareggio, con la presidente della manifestazione Maria Lina Marcucci e suonano le campane a festa, mentre l’assessore al sociale del comune di Montignoso, in fascia tricolore, le dona la pergamena incorniciata con gli auguri dell’amministrazione e l’atto di nascita di Maria: “Questo è il saluto dell’amministrazione comunale per Maria - dice la Podestà - e voglio approfittare per ringraziare tutti per aver reso possibile una bella festa, come Don Graziano della parrocchia che ci ha concesso l’uso della sala e anche gli sponsors come la Bottega di Adò, il panificio del Cinquale e ringraziamo Andrea Marcucci che ci ha rifornito delle bevande, più tutte le persone che hanno realizzato dolci e torte. Maria è un orgoglio per la nostra comunità e la festa per lei è una festa per tutti noi”.

Ma quale sarà il segreto di Maria, che l’ha portata a spegnere la centesima candelina?

“Ho sempre lavorato tanto - dice con tanta gratitudine negli occhi - lavoravo nei campi, non ho avuto una vita fatta di comodità: adesso vivo in tranquillità, alla sera mi faccio sempre una minestrina e poi mi piacciono tanto i dolci, per loro c’è sempre posto”.

 


Questo articolo è stato letto volte.


Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in L'Evento


Prenota questo spazio


giovedì, 2 aprile 2020, 13:09

Congratulazioni alla neo dottoressa Elisabetta Benedetti

In momenti difficili come quelli che stiamo vivendo, diventano ancora più significative le belle notizie, come quella della neo dottoressa Elisabetta Benedetti, di Cune, frazione di Borgo a Mozzano


giovedì, 2 aprile 2020, 11:14

Giovanni Barco: "Coronavirus, così curo e guarisco i miei pazienti"

Medico chirurgo, professore di cure palliative e terapie ossidative con ossigeno poliatomico liquido, specializzato in farmacologia, biochimica e biochimica clinica, consulente esperto Aifa (agenzia italiana del farmaco), il professor Barco prende di petto l'infezione e spiega qual è la sua terapia


Prenota questo spazio


lunedì, 30 marzo 2020, 20:28

Dante Giampaoli e la sua canzone sul coronavirus

In questo periodo, chiusi nelle loro abitazioni, gli italiani una ne fanno e cento ne pensano: ciascuno trova nelle proprie passioni, abituali o nuove, il modo per trascorrere il tempo e tenere alto il morale


lunedì, 30 marzo 2020, 17:53

Coronavirus, questi leggono i numeri e non li capiscono: per malati diversi stessa cura!

Per fare una fotografia oggi della situazione nelle Regioni Italiane, per capire dopo due o più mesi di Covid-19 qual è l’impegno “attuale” delle strutture sociali e dei cittadini, deve essere considerato un dato fondamentale, il numero di abitanti delle Regioni stesse


domenica, 29 marzo 2020, 16:57

Stefano Cecchi, vita e pensieri di un giornalista-poeta durante l'emergenza Coronavirus

Giornalista, scrittore, opinionista sportivo, uno dei pochi, tra gli ultimi, giornalisti con la testa sulle spalle, le spalle sotto la testa e il buonsenso a fare da cornice: "Coronavirus? Non avevo paura, ma ora mi cospargo il capo di cenere e sono preoccupato"


martedì, 24 marzo 2020, 08:29

Covid-19: è emergenza anche per le Gazzette. Tienici in vita!

In un momento delicato come questo nel quale l'emergenza Coronavirus ha immobilizzato i pagamenti e ingessato i crediti, anche le Gazzette, come tutte le attività che vivono di introiti pubblicitari privati, rischiano di esaurire le proprie risorse entro pochi mesi