Anno 3°

martedì, 22 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'Evento

Fioriere come distanziatori sociali: la soluzione "green" al Covid

mercoledì, 20 maggio 2020, 11:25

Si percepisce un’aria di ripartenza per le attività commerciali, che dopo essere rimaste chiuse per quasi tre mesi, stanno piano piano riaprendo con tutte le accortezze previste dalla legge. “Sanificazione” e “distanziamento sociale” sono diventate le parole d’ordine di ristoratori, baristi, proprietari di pub e di stabilimenti balneari.

A proposito di distanziamento sociale, molte attività stanno puntando sui divisori in plexiglas per rispettare le normative legislative. Ma è davvero l’unica soluzione? Secondo l’azienda “C.R.V Piante” di Cesare Romano non è così. Infatti, insieme al figlio, Deryl Romano, stanno portando avanti un’idea Green e super competitiva dal punto di vista del prezzo per dare un’alternativa a tutti i commercianti e imprenditori. “Credo che una soluzione “green” sia più accattivante per attrarre i clienti - spiega. - Vedere il plexiglass ricorda, a mio avviso, una situazione ospedaliera, asettica e priva di colore. Mentre la cena condivisa con gli amici, o il gustarsi un aperitivo con la propria ragazza, ma anche giocare a carte sotto l’ombrellone in spiaggia, sono momenti di felicità e gioia che dovrebbero essere contornati in maniera visiva da messaggi positivi e colorati, facendoci dimenticare per un attimo questo virus che ci ha privato della nostra quotidianità. Per questo - continua Deryl, responsabile dell’iniziativa di C.R.V Piante - credo che la soluzione delle fioriere per garantire il distanziamento sociale tra i tavoli e tra gli ombrelloni sia la soluzione più accattivante e vantaggiosa per gli imprenditori che devono mettersi a norma. Oltre a fare arredamento, questi prodotti potranno essere riutilizzabili anche in futuro, a differenza del plexiglas che, finita questa situazione, non verrà più utilizzato in alcun modo. Siamo fermamente convinti che questa soluzione sia la migliore e la stiamo sviluppando insieme ad un’azienda di Pistoia, leader del settore vivaistico. In sintesi - conclude Deryl - le piante rimangono e potranno essere riutilizzati anche negli anni successivi, inoltre sono molto più ornamentali e invitanti per la clientela, rispetto a una barriera di plastica trasparente. Infine, ultimo aspetto ma non in ordine di importanza, i costi sono contenuti e reggono molto bene il confronto con l’acquisto delle barriere in plexiglas”.

L’idea è quindi quella di trasformare piante rampicanti, spalliere fiorite e arbusti in separatori eco sostenibili. Potranno essere create composizioni e soluzioni ad hoc a seconda delle esigenze del cliente. La scelta delle piante che potrebbero decorare i pub, i ristoranti e gli stabilimenti balneari è molto ampia. C’è il bambù, la vite, l’oleandro, ma anche cespugli di more, il gelsomino, la passiflora e i bouganville: tutte resistenti a temperature elevate, vicinanza al mare e alla carenza d’acqua. Inoltre queste piante fioriscono proprio nel periodo estivo andando a donare colore e profumo alle attività commerciali che se ne doteranno. Alcuni stabilimenti balneari italiani hanno già avviato i contatti per installare questo tipo di “distanziatori sociali”. Le richieste arrivano anche da Francia e Germania. Una soluzione ecosostenibile, di lunga durata e molto più colorata, profumata e ornamentale rispetto a una barriera in plexiglas.

Per ulteriori informazioni si può contattare l’azienda C.R.V Piante al numero: 0583 974 251


Questo articolo è stato letto volte.


Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in L'Evento


Prenota questo spazio


venerdì, 11 settembre 2020, 16:42

Una strada intitolata a Matteoli? Magari a Pisa o Livorno, ma non certo a Lucca

Una strada intitolata a Lucca ad Altero Matteoli? Lo ha chiesto Marco Martinelli, suo amico e delfino, ma, sinceramente, che cosa ha fatto l'ex ministro di An per la nostra città e, soprattutto, per questa povera Italia?


venerdì, 4 settembre 2020, 15:02

Zombie

Il vescovo monsignor Paolo Giulietti ha accettato di non celebrare la processione di S. Croce. La Chiesa ancora una volta ha piegato la testa di fronte alla pseudo-scienza


Prenota questo spazio


mercoledì, 2 settembre 2020, 18:50

Clandestini, quando l'accoglienza è impossibile e figlia dell'ipocrisia

Roberto Di Stefano, segretario nazionale del Nuovo Sindacato Carabinieri ci ha inviato un documento che la dice lunga su quale sia la reale situazione dell'accoglienza dei clandestini nei centri del sud ormai ridotti in condizioni umane inaccettabili e dove i militari non possono intervenire perché le 'regole di ingaggio' sono figlie...


lunedì, 31 agosto 2020, 17:09

La Scuola italiana al bivio fra conoscenza e ignoranza, realtà e finzione

Iniziamo con la mitica frase dell'attuale "ministra" dell'Istruzione Azzolina: «Non è un travaso di conoscenze che viene fatto, gli studenti non sono imbuti (!!) da riempire». Fantastico! E allora a che cosa serve la scuola?


giovedì, 20 agosto 2020, 20:12

La società dei giornalisti estinti

Novantaquattro pagine che si leggono e si divorano in un battibaleno. Una storia, a firma Marco Gasperetti, che profuma di giornalismo sin dalla prima riga e che spiega a tutti, giovani in primis, che cosa significa questo mestiere e perché vale(va) la pena di farlo


mercoledì, 19 agosto 2020, 15:52

Trovato il cadavere del piccolo Gioele

Esistono storie che iniziano da una fine. La fine della certezza che fosse ancora in vita il piccolo Gioele Mondello, 4 anni, che è scomparso improvvisamente insieme alla madre, Viviana Parisi che, di anni, ne aveva 43