Anno 3°

sabato, 31 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'Evento

Museruole per tutti: è l'inizio della fine

lunedì, 5 ottobre 2020, 20:07

di aldo grandi

Ci siamo presi un'altra denuncia all'ordine dei giornalisti competente per territorio e, il 28 ottobre, saremo sottoposti a regolare processo. Il tutto per aver utilizzato espressioni particolarmente forti all'indirizzo di questo Governo per le misure adottate in materia di emergenza Covid-19. Ci contestano la forma, ma, in realtà, non digeriscono la sostanza. A segnalarci sono stati i due soliti esponenti della Sinistra toscana i quali, oltre ad essere verniciati di rosso, sono anche estremamente favorevoli alle misure antivirus e convinti che andrà, davvero, tutto bene. Non conosciamo, a parte i loro nomi, quale sia la loro professione, ma non abbiamo dubbi sul fatto che, quasi certamente, avranno lo stipendio garantito a fine mese. 

Purtroppo questo Paese non è diviso soltanto geograficamente, politicamente, ideologicamente, economicamente, ma anche e, soprattutto, professionalmente: da un lato chi, per vivere, deve lavorare e guadagnare senza alcuna certezza se non quella di sperare di arrivare alla fine del mese e chi, al contrario, parassita o meno, sa che, in ogni caso, comunque vadano le cose, Coronavirus o no, Ebola o no, malattie varie o no, quarantena o no, avrà sempre l'accredito puntuale sul proprio conto corrente. E' una questione di meritocrazia: il parassitismo la esclude a priori e questo Paese, complice una Chiesa che sembra voler riportare tutti ad una fratellanza universale nel nome della povertà, della omogeneizzazione, della omologazione e della rinuncia, è il peggiore esempio di parassitismo esistente. Anzi, ancora poco e ci troveremo di fronte a dei saprofiti veri e propri visto che di gente da spremere come limoni per portargli via quel che faticosamente guadagnano, non ce ne sarà più.

Ci hanno anche denunciato perché abbiamo scritto, senza fare né nomi né cognomi, 'di giornalisti leccaculo'. Mah, evidentemente la lingua batte dove il dente duole. 

A Roma e nel Lazio il governatore della Regione Zingaretti - quello che solo a sentirne il nome ci fa venire la nausea e l'itterizia - ha deciso di far indossare la mascherina anche all'aperto e ovunque. Questo vuol dire che se io sto camminando sulla spiaggia di Fregene, di Ostia o di Sabaudia da solo e non indosso il 'mezzo burqa', potrei venire multato e, magari, anche denunciato e, forse, persino arrestato visti i tempi e vista la capacità delle forze dell'ordine di adeguarsi ai diktat del potere.

Quanto questa misura che verrà adottata da questo Governo di fantocci, di impediti e di eunuchi - e denunciateci un'altra volta - sia ridicola, illogica e inutile pensiamo sia abbastanza evidente anche a chi ha un quoziente di intelligenza inferiore a... 10 se si pensa che, teoricamente, il minimo per una intelligenza normale dovrebbe essere, dicono, 90.

Museruole, quindi, per tutti nella convinzione che nessuno si ribellerà e nella speranza che questo serva - ma non servirà - a battere il Covid-19. Peccato che, se andiamo a vedere i dati, emerge chiaramente come il numero dei morti sia assolutamente infinitesimale rispetto a mesi fa e che anche i contagiati siano, nella stragrande maggioranza, assegnati al loro domicilio per precauzione senza alcun sintomo e che gli ospedali sono assolutamente in grado di affrontare ogni eventuale emergenza.

Già, ma volete mettere la paura? Che non fa novanta come si suol dire, ma anche dieci volte tanto. Così, tanto per non correre rischi, invece di isolare l'unico contagiato, si isolano tutti quelli che hanno avuto a che fare con lui negli ultimi... 365 giorni e via alla caccia all'untore. Oggi essere asintomatici è peggio che essere dei criminali. 

Guardate come hanno ridotto la scuola: le mamme lo sanno bene, i genitori anche, gli insegnanti pure, i dirigenti scolastici lo hanno sempre saputo, ma ognuno pensa per sé e al fatto che, comunque vadano le cose, nonostante l'istruzione, ormai, sia devastata e irrecuperabile, il 27 di ogni mese ci sarà lo stipendio garantito. Tutti a casa nemmeno si trattasse dell'8 settembre 1943, quella sì una tragedia nazionale e, paradossalmente, il punto di partenza che ci ha condotti fino qui. Ma lasciamo perdere i riferimenti storici, che la grande maggioranza degli italiani non ha nemmeno più la memoria se non per quello che ha mangiato la sera prima.

Il Governo ha deciso che in tutta Italia dovremo indossare le mascherine h24 se siamo all'aperto e non gliene frega niente se respireremo male, se la pelle suderà e sarà soggetta a psoriasi, se aumentano i fobici, se sono sempre più numerose le mamme che si rivolgono a psicologi e psichiatri perché non riescono a reggere lo stress da Covid applicato ai figli, se i bambini sono soggetti a traumi costanti sottoponendosi a tamponi senza senso e senza alcuna utilità. Potremo andare avanti all'infinito.

Quando la Scienza decide e gestisce la Politica, a che cosa servono i politici? Quando la Scienza diventa l'unico imperativo categorico, a cosa serve la Chiesa e a cosa serve la salvezza dell'anima? Se è la Scienza a decidere i destini dell'Uomo, tutto diventa lecito purché sia prodotto da coloro che detengono il Sapere. E a quel punto tutto diventa possibile e lecito, anche l'impossibile. 

Dicono che siamo negazionisti sapendo bene che questo termine veniva usato, negli anni Ottanta e Novanta, per bollare quei pochi studiosi che negavano l'Olocausto o ne ridimensionavano la portata. Cercano, in sostanza, di inculcarci il senso di colpa per qualsiasi pensiero che vada fuori dal loro tracciato. E' così che si procede. Lo sapevano benissimo i professionisti del terrore staliniano e comunista. 

Vogliono imporci la loro Ideologia che ha come obiettivo rovesciare ciò che è stato da sempre, ciò che è per natura. E se ci ribelliamo, siamo razzisti, fascisti, negazionisti, sovranisti. Non provano nemmeno a confutare quel che sosteniamo, ci etichettano e ci distruggono a priori. E' una dittatura che, adesso, si avvale anche di una finta emergenza sanitaria.

Vogliono darci ad intendere che le minoranze hanno più diritti delle maggioranze. Che solo per essere diversi dagli altri bisogna avere dei diritti e nessun dovere. Guardate la teoria Lgbtq. Guardate cosa sta succedendo sul fronte della procreazione relegata a vendita di carne al macello: uteri in affitto, uteri in vendita, uteri a destra e a manca e fra poco si riuscirà anche a poter far nascere un essere umano senza più bisogno dell'utero. Sapete cosa vuol dire questo? Significa distruggere definitivamente ogni identità, anche l'ultima, quella derivante dalla nascita. E cercano di farla passare come l'ennesima scoperta della scienza che aiuta chi non può avere figli. Basta. Non ne possiamo più.

E mentre questo papa ignobile, senza vergogna, incapace di essere quello per cui è stato scelto, non leva un grido casomai un flebile sussurro, noi ci sentiamo inorridire di fronte a tutto ciò. Così come ci viene da pensare una cosa: ma se adesso esistono le quote rosa per tutelare le donne, chi ci dice che, fra qualche anno e con la teoria Lgbtq in auge, non verranno rivendicate anche le quote Lgbtq? Ossia, visto che esisterà anche un terzo e un quarto sesso, chi mi dice che a scuola, in cattedra, al lavoro, in politica, ovunque, non si chieda e si ottenga di avere pari numero e pari opportunità anche tutti i sessi che verranno richiesti? E non è, forse, già reale il fatto che lo stato italiano paga le cure ormonali a chi vuole cambiare sesso, quando ci sono persone normali che di cure ne avrebbero bisogno molto, ma molto di più? 

Cosa c'entra il Covid con tutto ciò? C'entra, c'entra. Mentre siamo tutti terrorizzati ogni giorno dai giornalisti del mainstream sulle conseguenze di questa epidemia part-time, i politicanti portano avanti i loro disegni devastanti. E noi, gente, tutti a brebis.


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in L'Evento


Prenota questo spazio


giovedì, 29 ottobre 2020, 15:24

"Covid, io non ci sto": a Firenze Momi tiene aperto il ristorante 'Tito Baracca' fino alle 22

Mohamed El Hawi, 34 anni, detto Momi, musulmano, ma nato e cresciuto in S. Frediano, si ribella al Dpcm: "Ho cinquanta dipendenti e tre ristoranti, la gente ha bisogno di me, non posso deluderla"


domenica, 25 ottobre 2020, 11:15

Marcello Pera: "Dio esiste, ma Bergoglio non lo vede più. Ormai vicini a uno scisma"

Il professor Marcello Pera, ex presidente del Senato, in questa interSvista esclusiva affronta la crisi dell'Occidente, la decapitazione di Samuel Paty a Parigi, l'incedere dell'Islam, l'"apostasia" di papa Bergoglio, gli italiani e il Covid, l'ipocrisia delle classi dirigenti progressiste e la dissoluzione della famiglia naturale


Prenota questo spazio


sabato, 24 ottobre 2020, 10:01

Napoli sveglia l'Italia

Hanno tirato e stanno tirando la corda ed era inevitabile che, prima o poi, questa tendesse a spezzarsi. A Napoli non è tanto la protesta contro il lockdown che colpisce, ma il fatto che la polizia - gli agenti antisommossa - si mettono dalla parte della gente che non vuole...


martedì, 20 ottobre 2020, 13:25

La psicoterapeuta Giuliani lancia l'allarme: "Un altro lockdown sarebbe psicologicamente devastante per molte persone"

La responsabile del Centro Das di Lucca denuncia senza mezzi termini i rischi che sta correndo, da mesi, ormai, la mente umana e mette in guardia contro quello che potrebbe, drammaticamente, accadere: "C'è necessità di affetto, di abbracci, di emozioni, non possiamo permettere al Covid di impossessarsi di noi"


martedì, 20 ottobre 2020, 10:42

Moto e scooters d’epoca a Palazzo Pfanner, un inizio davvero col botto

Domenica 18, alle 10:30, nella bella location di palazzo Pfanner, in una giornata fortunatamente assolata che ha fatto da cornice all’evento, si è inaugurata la mostra di moto e scooters d’epoca


sabato, 17 ottobre 2020, 20:03

Heil Covid

La dittatura politico sanitaria è instaurata. Per, dicono, contrastare i contagi, ma non usando il buonsenso, non basteranno mai le misure che stanno adottando per cui non solo il coprifuoco, ma anche peggio, magari l'arresto e, perché no?, i campi di... concentramento