auditerigi

Anno X

sabato, 8 maggio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'Evento

Alessandro Matteucci, il notaio che non ha paura: "Ora vi spiego perché i Dpcm sono contrari alla Costituzione"

giovedì, 29 aprile 2021, 17:56

di donatella beneventi

Nei giorni scorsi, su Facebook, è comparso un video nel quale si vede la presenza delle forze dell'ordine in un locale per controlli legati al rispetto delle norme anticovid e l'intervento di un uomo che ha invitato le stesse a rifiutarsi di eseguire le norme dei Dpcm contrari alla costituzione.

Il tutto suffragato da un volantino dove sono spiegate le motivazioni di tale disobbedienza, che ricordano una serie di sentenze a cura del Tar del Lazio, dal Tribunale di Reggio Emilia e dal giudice di pace di Frosinone, che in virtù dell'articolo 13 della Costituzione, ha sancito che "ogni azione contro i cittadini, in forza di decreti dichiarati incostituzionali, costituirà notizia di reato da inoltrare alla procura della Repubblica".

L'uomo in questione è Alessandro Matteucci, di professione notaio, quindi uomo di legge e pubblico ufficiale, con uno studio professionale piuttosto noto a Carrara, che ha accettato di spiegare alle Gazzette il suo punto di vista sullo stato delle cose, da quando circa quattordici mesi fa la vita di ciascuno di noi è stata vistosamente e drammaticamente sconvolta dalla pandemia.

"Cerco di fare un discorso organico - spiega - per far capire a chi vorrà leggere questo intervento cosa sta accadendo dal mese di marzo 2020. Partiamo da quella che si potrebbe definire una deficienza civilistica: ho rilevato, dal mio osservatorio, che l'italiano medio non sa che cosa sia uno stato e del suo ruolo, come facente parte di uno stato concettualmente inteso. Uno stato non esiste se non ci sono tre elementi che lo caratterizzano: un territorio, dei confini e un popolo in salute, nel senso più completo della parola. Uno stato con una popolazione di malati, anche in termini di salute mentale, non regge, non sta in piedi e non riesce nemmeno a realizzare quegli organi amministrativi che consentono la gestione della cosa pubblica  fondata democraticamente, con una cultura condivisa. Cosa ci manca di fatto? Un popolo che sia consapevole della propria posizione sul territorio: noi siamo i datori di lavoro dei soggetti che servono ad amministrare il bene comune, quindi nominiamo i nostri rappresentanti, che con il potere esecutivo, attua le regole che vengono formulate dal potere legislativo. Quindi la nostra struttura non prevede che chi ha il potere esecutivo, si sostituisca a quello legislativo".

"In questi anni - prosegue il notaio - e Andreotti è stato il primo ad aprire alla consuetudine di usare il Decreto Legge e trasformarlo in qualcosa di stabile questa lenta deriva per il ruolo doveroso del Parlamento che si è andato a perdere. E' importante che il cittadino torni ad avere un ruolo datoriale di lavoro nei confronti di quelli che fanno le leggi e amministrano lo stato, cosa che non è stata fatta negli ultimi tempi, benché siano andati al governo persone che le leggi, per professione, le conoscono molto bene. Per cui, abbandonando il diritto dovere di andare a votare, che implica una conoscenza di chi si vuole scegliere sulle base delle competenze e del profilo personale, è chiaro che si è diseducati a vagliare le informazioni che arrivano, come un allarme pandemia, tramite i mass media, per poi scoprire, tramite i dati Istat, che il tasso di morti per covid non è lontano da quelle per complicazioni da sindrome influenzale. Lo stato ha emesso quello che viene conosciuto come il "decreto tachipirina", per cui di fatto si è vietato ai medici ciò che il giuramento di Ippocrate prevede, cioè la visita domiciliare a un malato, la valutazione tramite auscultazione e anamnesi, impedendo di somministrare l'idrossiclorochina, unica sostanza che era permessa storicamente per le influenze e di consigliare al paziente di "rimanere in vigile attesa".

"Nessun governo - incalza Matteucci - può interferire con le competenze medicali, è un reato: chi è pubblico ufficiale deve stare all'interno del proprio incarico, che comporta innanzitutto quello di avere un potere controbilanciato da doveri: tanto potere, doppio dovere, doppia responsabilità con conseguenze legali doppie , in termini di pena e sanzione, rispetto ad altre figure che non giurano sulla costituzione. Trovarci davanti ad una classe dirigente che si è totalmente "dimenticata" delle regole del gioco è molto grave, come l'articolo 32 della Costituzione che chiaramente, al secondo comma recita che "nessuno può essere sottoposto ad un trattamento sanitario, se non in forza di legge" e sottolineo questa parola, scelta dai padri costituenti non a caso, ma sapendo non ci sarebbe stato dubbio alcuno sul procedimento per la sua approvazione, che deve passare per gli organismi democratici previsti, Quello che sta accadendo, farebbe rabbrividire i padri costituenti perché un uomo solo, non eletto da noi, decide cosa sia meglio per noi, saltando gli step dell'approvazione di una legge".

Ascoltando Alessandro Matteucci sorge spontanea la domanda sul perché un amministratore dello stato, che ha responsabilità sulla vita dei cittadini a tutti i livelli, dovrebbe paradossalmente volere "il male" del suo stesso paese: "Basta dare un'occhiata alle norme di diritto societario - spiega - per dare un senso a questo paradosso: io personalmente mi sono fatto esperienza in merito in un famosissimo studio professionale; nell'ambito societario, se fondo una società e nomino un amministratore, la prima cosa che si guarda è che non ci sia conflitto di interessi, se andiamo a vedere il curriculum dell'amministratore dello stato Italia, ci accorgiamo che non è così libero da interessi, ha un'autorevolezza in un settore, visto con un occhio di riguardo in un ambiente di élite, che agisce in funzione dei suoi interessi e dei suoi affini, muovendo le carte della politica sulla base degli interessi di parte e chi attualmente ricopre in questo momento il ruolo di amministratore unico, ha i suoi interessi nell'alta finanza, in conflitto con quelli del paese. So perfettamente che la comunicazione di routine ha coniugato parole come complottismo, negazionista, espressioni che fanno parte di una fraseologia ricorrente: la tendenza culturale, è verso il basso, per cui il cittadino medio, che è assuefatto da trasmissioni spazzatura, da un mantra ripetitivo che non consente la riflessione e la crescita, - unitamente ad un impoverimento dell'educazione pubblica scolastica -  permette agli amministratori di fare esattamente quello che vogliono indisturbati, convinti che chi solleva obiezioni sia un complottista, il nemico numero uno, appoggiandosi ad una comunicazione parziale e inadeguata".

"Prova ne è - conclude il notaio di Carrara - che siamo scivolati al 77° posto sulla qualità dell'informazione, e obbedendo ciecamente a quello che viene calato, senza possibilità di verifica. Quello che voglio dire e che è evidente, è che in quattordici mesi non c'è stato un passaggio alle Camere per deliberare la legge, andando avanti con norme transitorie decise da una persona sola: stiamo assistendo ad un colpo di stato, in cui sono stati negati tutti i diritti e i doveri della Costituzione, con una sequenza di illeciti penali dai quali dobbiamo difenderci: è anticostituzionale chiudere le attività perché il lavoro è un dovere ed è su questo che si fonda il nostro paese e la sovranità appartiene al popolo".


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in L'Evento


Prenota questo spazio


giovedì, 6 maggio 2021, 13:35

Un lungo viaggio sulla linea gotica

Sabato 8 maggio alle 17,30 la presentazione della pagina Fb della casa della memoria con l’assessore regionale alla memoria storica Alessandra Nardini


lunedì, 3 maggio 2021, 08:45

L'inGiustizia

250 mila copie vendute di un libro che resterà nella storia della nostra sfasciata repubblica: la storia segreta della magistratura italiana tra potere, politica e affari. Alessandro Sallusti e il caso Palamara, la strumentalizzazione della Giustizia da parte di una casta super-politicizzata e ideologizzata


Prenota questo spazio


domenica, 2 maggio 2021, 11:50

Bella Ciao, solo una canzone o anche una 'bufala' storica?

Interessante questo contributo sulle origini di una canzone che è diventata un simbolo per manifestazioni con il minimo comune denominatore della Resistenza e dell'antifascismo: ma fu vera gloria?


venerdì, 30 aprile 2021, 12:16

Formare per crescere, parola di Teseo

Non un semplice slogan, ma un dato di fatto. Lo dimostra il team dell'agenzia formativa Teseo, con sede a Capezzano Pianore e operativa su tutto il territorio nazionale grazie alle competenze dei dirigenti, dei docenti e dei tutor che ne fanno parte


sabato, 24 aprile 2021, 20:18

Covid? Ma vaffanculo...

Ancora una volta Lucca non ci sta e, alle 18.30, in piena zona arancione, scende in piazza non per protestare contro le misure anti-Covid, ma, più semplicemente, perché non ce la fa più e vuole vivere, incontrarsi, parlarsi e non c'è mascherina che tenga


sabato, 24 aprile 2021, 20:10

Non ha la mascherina, multato all'aperto Aldo Grandi

Ci eravamo recati in piazza S. Michele per immortalare la valanga di giovani intenti a vivere quando, dopo aver scattato una foto alle pattuglie della polizia che non sapevano cosa fare, ci è stato intimato di indossare la mascherina nonostante ci fossero decine di persone senza