auditerigi

Anno X

giovedì, 13 maggio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'Evento

Non ha la mascherina, multato all'aperto Aldo Grandi

sabato, 24 aprile 2021, 20:10

di aldo grandi

Facciamo i cronisti. Raccontiamo i fatti. Stiamo in mezzo alla gente anche con il Covid perché un giornalista che sta alla scrivania davanti al Pc per tutta la giornata o davanti a una telecamera senza andare a conoscere il mondo circostante non merita di essere chiamato tale. Soprattutto di questi tempi. Così, quando ci hanno avvisato che in città, in particolare a Piazza San Michele, di fronte ad esercizi pubblici e ben oltre le 18, c'erano assembramenti piuttosto robusti, siamo andati a verificare. 

E abbiamo scoperto che non solo era vero. Di più. Centinaia di persone, migliaia probabilmente se contate tutte insieme, quasi tutti giovani e tutti con un minimo comune denominatore: vivere.

Abbiamo scattato alcune immagini e abbiamo notato due pattuglie della polizia che assistevano impotenti e senza sapere cosa fare. In realtà parlando spesso al cellulare. Forse per consultarsi con la questura sul da farsi. La foto che abbiamo scattato, però, deve aver dato fastidio perché appena fatta, siamo stati chiamati e invitati a indossare la mascherina che non avevamo. O meglio, ne avevamo due al braccio, ma le usiamo solo al coperto per una forma di rispetto verso gli altri. All'aperto, invece, siamo assolutamente sicuri che si tratta di una inutile precauzione che devasta le menti e riduce gli esseri umani a cavie. Lo diciamo da sempre, e lo hanno detto, un anno fa, persino alcuni componenti del Comitato Tecnico Scientifico, ma sono stati subito 'oscurati'.

Comunque sia abbiamo risposto ai due agenti che eravamo lì per fare un servizio giornalistico e che non indossiamo mai all'aperto la mascherina perché siamo stanchi di ubbidire a ordini privi di buonsenso che limitano la nostra salute in primis e la nostra libertà. 

L'agente ci ha detto che la pensava come noi, ma che doveva far rispettare quello che avevano stabilito i governanti e che anche lui, nonostante indossasse una divisa, la sera a casa ha una famiglia e dei figli che patiscono le stesse conseguenze di questa vergognosa e ridicola emergenza sanitaria. No problem abbiamo risposto.

"Se la metta per favore" ha detto gentilmente il poliziotto, ma noi, altrettanto con cortesia, gli abbiamo spiegato che la nostra dignità vale più di 400 euro di multa e che se doveva farci una contravvenzione, bene che ce la facesse pure. A noi, abbiamo aggiunto, sembrava assurdo dal momento che c'erano decine di persone senza il dispositivo di protezione, ma la risposta è stata: 'Uno alla volta, intanto cominciamo con lei'.

Bene. Abbiamo consegnato il documento di identità e uno dei due agenti ha chiamato in questura per comunicare il nostro nominativo e, presumibilmente, domandare, pensiamo noi, cosa fare dal momento che, per i venti minuti che avevamo girato per la piazza, la polizia non aveva multato nessuno e gli stessi agenti ci hanno confessato che, 'come vede, agiamo con moderazione'. 

All'altro capo del telefono devono aver detto di procedere con la multa. 

Non abbiamo battuto ciglio. Non abbiamo chiesto sconti né atteggiamenti di riguardo perché giornalisti. Anzi, abbiamo invitato i due agenti a procedere regolarmente perché, come ha giustamente affermato uno di loro che aveva letto qualche nostro articolo, 'per lei queste cose sono come medaglie sul petto'.

Esattamente. Noi non crediamo a questo terrore sparso a quattro mani e riteniamo che nella vita, ad un certo punto, si debba scegliere da che parte stare. Noi lo sappiamo da sempre. 400 euro valgono assolutamente l'autostima che questa multa ci ha conferito. Avremmo potuto evitarla, semplicemente, indossando la mascherina alla richiesta dell'agente che, probabilmente e lo ringraziamo, avrebbe anche evitato. Ma era, per noi, una questione di dignità. Non si può scrivere e parlare in un senso e, poi, di fronte alla multa farsela sotto o chiedere di essere trattati con particolare riguardo e diversamente dalle centinaia di migliaia di persone che hanno il coraggio di dire basta.

400 euro non ci renderanno più poveri, ma certamente più ricchi dentro e questo, in fondo e in un mondo dove solo il denaro ha, ormai, importanza, è quello che conta.


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in L'Evento


Prenota questo spazio


giovedì, 6 maggio 2021, 13:35

Un lungo viaggio sulla linea gotica

Sabato 8 maggio alle 17,30 la presentazione della pagina Fb della casa della memoria con l’assessore regionale alla memoria storica Alessandra Nardini


lunedì, 3 maggio 2021, 08:45

L'inGiustizia

250 mila copie vendute di un libro che resterà nella storia della nostra sfasciata repubblica: la storia segreta della magistratura italiana tra potere, politica e affari. Alessandro Sallusti e il caso Palamara, la strumentalizzazione della Giustizia da parte di una casta super-politicizzata e ideologizzata


Prenota questo spazio


domenica, 2 maggio 2021, 11:50

Bella Ciao, solo una canzone o anche una 'bufala' storica?

Interessante questo contributo sulle origini di una canzone che è diventata un simbolo per manifestazioni con il minimo comune denominatore della Resistenza e dell'antifascismo: ma fu vera gloria?


venerdì, 30 aprile 2021, 12:16

Formare per crescere, parola di Teseo

Non un semplice slogan, ma un dato di fatto. Lo dimostra il team dell'agenzia formativa Teseo, con sede a Capezzano Pianore e operativa su tutto il territorio nazionale grazie alle competenze dei dirigenti, dei docenti e dei tutor che ne fanno parte


giovedì, 29 aprile 2021, 17:56

Alessandro Matteucci, il notaio che non ha paura: "Ora vi spiego perché i Dpcm sono contrari alla Costituzione"

Su Facebook è comparso un video nel quale si vede la presenza delle forze dell'ordine in un locale per controlli legati al rispetto delle norme anticovid e l'intervento di un uomo che ha invitato le stesse a rifiutarsi di eseguire le norme dei Dpcm


sabato, 24 aprile 2021, 20:18

Covid? Ma vaffanculo...

Ancora una volta Lucca non ci sta e, alle 18.30, in piena zona arancione, scende in piazza non per protestare contro le misure anti-Covid, ma, più semplicemente, perché non ce la fa più e vuole vivere, incontrarsi, parlarsi e non c'è mascherina che tenga