Anno 3°

lunedì, 24 settembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Diabete, al campo scuola per imparare a gestirlo

martedì, 13 marzo 2018, 14:59

Al campo scuola per imparare a gestire il diabete, acquistando autonomia, conoscendo altri coetanei, facendo sport, divertendosi, stando all'aria aperta, a contatto con la natura. Quello che per la maggior parte dei ragazzi è un progetto facilmente realizzabile, per i loro coetanei affetti da diabete presenta qualche difficoltà in più. Per questo dal 2000 la Regione Toscana sostiene progetti di organizzazione di campi scuola per bambini e adolescenti con diabete. Un sostegno che è stato riconfermato anche per il 2018, con una delibera approvata stamani dalla giunta, su proposta dell'assessore al diritto alla salute e welfare Stefania Saccardi. La delibera destina complessivamente 150.000 euro alle aziende che hanno presentato progetti specifici.

Ai campi scuola, che sono gestiti dal Centro regionale per il diabete dell'età evolutiva dell'azienda ospedaliero-universitaria Meyer, dalla ex Asl 6 di Livorno (Toscana nord ovest) e dalla ex Asl 9 di Grosseto (Toscana sud est), i ragazzi imparano, con l'aiuto di medici e psicologi, a gestire il diabete e superare i problemi connessi con la convivenza con una patologia cronica.

"Come Regione consideriamo fondamentali questi campi scuola per ii bambini e ragazzi con il diabete, e per questo ci teniamo a finanziare ogni anno i progetti, ormai da tanti anni - sottolinea l'assessore Stefania Saccardi - Il campo scuola è il primo passo per l'autonomia del ragazzo dalla famiglia. Al campo scuola è il ragazzo ad essere coinvolto e responsabilizzato in prima persona nella gestione della propria patologia. Le esperienze degli anni passati ci hanno dimostrato l'efficacia e la valenza terapeutica di questi campi e noi, in accordo con le associazioni di volontariato, siamo determinati ad assicurare continuità a questi progetti".

"Dall'inizio degli anni ottanta il nostro Centro di riferimento organizza il campo scuola, trasferendo le competenze multidisciplinari del team sanitario al di fuori dell'ospedale e permettendo così ai soggetti con diabete, all'interno di una sorta di vacanza, di acquisire, verificare ed approfondire le conoscenze diabetologiche necessarie per la gestione della terapia nel quotidiano - dice la dottoressa Sonia Toni, responsabile del Centro regionale per il diabete dell'età evolutiva del Meyer - Il campo scuola è parte integrante del programma di educazione all'autocontrollo e all'autogestione del diabete, che prevede nozioni teoriche, addestramento pratico e supporto psicologico per superare le problematiche di vita connesse con la convivenza con la malattia cronica".

"In particolare la gestione del diabete richiede che, fin dai primi momenti dopo l'esordio, la famiglia e il bambino siano parte integrante del team e siano gli attori principali del processo di cura - spiegano gli esperti coinvolti nell'organizzazione dei campi scuola - Affinché questo possa avvenire è necessario che la famiglia entri nel percorso di accettazione per trasformare la malattia in condizione di vita, e trovi le risorse che la mettano in condizione di superare la cronicità e trasformarla in energia. In questo percorso si inserisce il campo scuola, che rappresenta sotto tutti gli aspetti un alto momento di educazione terapeutica: un'opportunità finalizzata a migliorare le capacità di autogestione e l'integrazione sociale".

I campi scuola per i bambini e ragazzi con diabete

I campi per i ragazzi più grandi (11-16 e 14-17 anni) sono rivolti ai soli ragazzi, con la partecipazione di 3-4 ragazzi di età superiore, che svolgono la funzione di "diabetico guida", grazie alle esperienze già maturate nei precedenti campi scuola. I campi per i più piccoli sono rivolti ai gruppi familiari e il bambino (6-10 anni) partecipa con entrambi i genitori. Ai campi sono presenti medici, infermieri, psicologi, pediatri, dietisti, preparatori atletici della facoltà di scienze motorie, personale dell'Associazione diabetici. I campi si svolgono in montagna, in agriturismo, in barca.

Per i medici, vivere in stretto contatto, 24 ore su 24, con i ragazzi, consente loro di osservarli più da vicino a stabilire con loro un rapporto che non è più di dipendenza medico-paziente, ma di collaborazione attiva e diretta. Le lezioni teoriche si alternano a esercitazioni pratiche e ogni ragazzo è stimolato a compiere da solo i controlli e le terapie necessarie.

Il diabete dell'età evolutiva

Ogni anno nella fascia di età 0-14 anni si verificano 8-10 nuovi casi ogni 100.000 bambini e 6-7 nella fascia di età giovanile tra 15 e 29 anni. E il trend è in aumento, in Toscana come nel resto d'Italia: +3,6% l'anno. Il diabete dell'età evolutiva colpisce in Italia circa l'1 per mille della popolazione ed è pari a circa l'8% di tutti i casi di diabete. Questa patologia a carattere sociale emergente può essere affrontata con la prevenzione primaria e secondaria, ma quando si è ormai evidenziata, diventano fondamentali l'autocontrollo e la capacità di gestione da parte dei ragazzi. Il periodo di vacanza (da 7 a 10 giorni) passato "da solo" rassicura i genitori sulla capacità del figlio di autogestirsi, e sviluppa nel ragazzo una maggiore sicurezza di sé.

 


coppi


notini


ristorante ol bugno


prenota_spazio



Altre notizie brevi


puntoeacapo


sabato, 22 settembre 2018, 16:17

Palp, parte la campagna di adesione in Valle del Serchio

Dopo Lucca, parte anche anche in Mediavalle e Garfagnana la campagna di adesione a Potere al Popolo, il soggetto politico che unisce movimenti, associazioni e partiti della sinistra di alternativa. Martedì prossimo (25 settembre), dalle ore 18, presso la sede Rifondazione comunista a Barga, in via di mezzo 34, sarà...


venerdì, 21 settembre 2018, 17:19

Presentazione di “Una Vecchia casa di pietra” di Paolo Puliti a Castelnuovo

Sarà presentato sabato 22 settembre alle 18 presso la Sala "L. Suffredini" il libro "Una vecchia casa di pietra" di Paolo Puliti. Alla presentazione oltre all'autore, originario di Castelnuovo, saranno presenti il sindaco Andrea Tagliasacchi e Arturo Bernava in qualità di moderatore


prenota_spazio


venerdì, 21 settembre 2018, 13:18

Acli Toscana: “Bene la Regione contro la povertà ma non basta”

"In Toscana abbiamo oltre 200mila persone povere o che vivono in uno stato di indigenza. Numeri in aumento, frutto della crisi che ci ha investito dal 2008. Perché la "ripresina" di questi ultimi tempi ha inciso sul reddito pro capite ma ha aumentato anche le disuguaglianze e ha visto crescere...


venerdì, 21 settembre 2018, 11:57

Toscana protagonista di Wiki Loves Monuments 2018

Come ogni anno, Il primo di settembre è iniziata in Italia la settima edizione di “Wiki Loves Monuments” (WLM https://wikilovesmonuments.wikimedia.it/), un concorso certificato dal Guinness World Records come il più grande mai organizzato al mondo.


martedì, 18 settembre 2018, 15:43

Agricoltura di presidio sull'Appennino toscano: 25 gli iscritti al Premio Pontremoli

Entra nella fase finale il Premio Pontremoli 2018, bandito dalla CIA-Agricoltori italiani delle province di Lucca e Massa Carrara, e rivolto ai giovani agricoltori toscani che operano in contesti di particolare svantaggio, o d'isolamento geografico e sociale: a chi resta sull'Appennino, e promuove un’agricoltura che è anche presidio del territorio.


lunedì, 17 settembre 2018, 15:34

Piazza al Serchio: il 18 e 19 settembre sospesa l'attività del CUP

Si comunica che nei giorni di martedì 18 e mercoledì 19 settembre sarà sospesa l'attività dello sportello CUP della Casa della Salute di Piazza al Serchio.


lunedì, 17 settembre 2018, 14:52

Il crowdfunding fra i banchi di scuola con Eppela

Aprire una start up grazie al crowdfunding? Si può imparare anche fra i banchi di scuola. Parte oggi l’iniziativa della piattaforma Eppela dal titolo Young Italian Valley, che ha l’obiettivo di formare nuovi imprenditori e di educarli alle nuove forme di finanziamento ‘dal basso’.


sabato, 15 settembre 2018, 10:58

Peste suina, l'allarme di Confagricoltura: "Toscana a rischio, serve un intervento immediato"

"Stiamo correndo un rischio enorme, se la Regione non si muove subito sarà un disastro per molte delle nostre produzioni", così il presidente di Confagricoltura Toscana Francesco Miari Fulcis lancia l'allarme peste suina dopo la conferma da parte della Commissione europea della notifica da parte del Belgio di due casi di peste...


giovedì, 13 settembre 2018, 15:35

Sergio Tortelli presenta il suo libro "La messa è finita"

Il 22 settembre Sergio Tortelli presenta un libro, "La messa è finita", che trattasi di esperienze di vita vissuta direttamente e indirettamente dell'autore, sintetizzate in poesie e racconti.


giovedì, 13 settembre 2018, 10:49

Ponte delle Catene, inaugurazione cartellonistica e defibrillatore

A Chifenti, sabato 15 settembre alle ore 11, si terrà l'inaugurazione della cartellonistica informativa al Ponte delle Catene. Per l'occasione, inaugurazione di un defibrillatore donato dalla Misericordia di Borgo a Mozzano alla cittadinanza.


Ricerca nel sito


Associazione Musicale Lucchese


prenota_spazio


prenota_spazio


maranello corse


conflavoro


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio