Anno 3°

sabato, 21 aprile 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

#ToscanaSicura, in duecento a discutere come rendere e far sentire città e paesi più sicuri

sabato, 14 aprile 2018, 14:33

Sicurezza ‘partecipata' oggi di scena a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, sede della presidenza della Regione. In oltre duecento si sono iscritti all'evento organizzato da Regione e Anci: amministratori locali e regionali, prefetti, rappresentanti delle forze dell'ordine ma anche cittadini e associazioni di cittadini, categorie economiche e ordini professionali, esperti dell'Irpet, del Sant'Anna, del Cnr e dell'Università di Firenze. Gomito a gomito, per tre ore abbondanti, mischiati e seduti ad otto tavoli ciascuno guidato da un facilitatore e che hanno invaso più sale del palazzo che si affaccia sulla centralissima piazza del Duomo, pronti a confrontarsi su come rendere città e paesi più sicuri o semplicemente farli percepire a chi li abita e frequenta tali.

"La sicurezza – spiega l'assessore Vittorio Bugli – è un tema ad ampio spettro, fatto di temi diversi e che si costruisce con politiche trasversali ma anche innovative. E l'innovazione nasce e si fa con il confronto e il coinvolgimento delle persone. Ce lo insegnano le grandi imprese ed è una prassi non nuova per questo assessorato".

Il primo obiettivo è dunque quello di capire e analizzare, quindi scambiarsi buone pratiche ma anche superare luoghi comuni e costruire insieme linee guida condivise, da raccogliere in un documento da presentare prima delle vacanze estive o subito dopo, a settembre. Partecipazione democratica e metodo di lavoro. Il percorso è iniziato appunto stamani, il primo report on line tra una settimana nelle stanza ‘virtuale' dedicata alla sicurezza su Open Toscana.

Nell'intervento prima dell'avvio dei lavori Bugli era partito dalla sicurezza ‘registrata' e quella ‘percepita'. "Gli ultimi dati del Viminale – spiega – ci parlano di un paese non solo sostanzialmente sicuro, ma addirittura più sicuro che in passato". Nell'ultimo anno gli omicidi denunciati si sono ridotti dell'11,8 per cento, le rapine dell'11 e i furti del 9 per cento.

"Ma nella percezione comune sembra che ci sia un ‘allarme sicurezza'. "Non dobbiamo – dice - calvalcare le paure strumentalmente ma non possiamo neppure ridicolizzarle o sottovalutare i segnali di fragilità percepita. Non dobbiamo neppure fermarci alla risposta facile, di qualcuno che i reati sono in calo perché la gente ha smesso di denunciarli. Dobbiamo invece anzitutto capire. Servono analisi che vadano oltre i dati del Viminale. E poi dobbiamo trovare le soluzioni, senza dimenticare le cause sociale, partendo da quella disgregazione delle comunità che spesso è alla radici di molti mali, provando a ricostituire quel senso di ‘comunità' che oggi non è più quello di un tempo perché lavoriamo in luoghi lontani, i bambini non vanno nelle stesse scuole e spesso non conosciamo neppure i vicini&quo t;.

"Dobbiamo distinguere - conclude - tra disagio sociale, che spesso è associato al degrado, e comportamenti criminali. "Servono interventi puntuali e politiche integrate. Ci dobbiamo interrogare sulla sicurezza, ma senza correre il rischio di sostituire il welfare con il controllo e la repressione. E se il problema è la disgregazione delle comunità, occorre stare attenti a non produrre ulteriore marginalizzazione".

Anche il sindaco di Prato e presidente dell'Anci Toscana, Matteo Biffoni, è sulla stessa linea. "La richiesta dei cittadini è quella di sentirsi tranquilli e di vivere nella massima serenità – spiega - Anche se il numero dei reati nel nostro paese è in calo, il senso di insicurezza è forte: quindi noi abbiamo il dovere di ascoltare e dare risposte a questo disagio. L'iniziativa di oggi va proprio in questo senso: lavorare in sinergia, istituzioni, forze dell'ordine e associazioni, ognuno con le proprie peculiari competenze, per trovare insieme le soluzioni". Si parte dalla videosorveglianza, l'illuminazione, la riqualificazione degli spazi e il presidio sociale, ovvero quartieri e paesi più belli e vissuti. "Su questo - auspica Biffoni - chiediamo attenzione e risorse al governo che verrà: dare rispo ste a questa preoccupazione è la nostra volontà".

"La Toscana va meglio di altre regioni - conclude Bugli – ma anche se i nostri dati sono migliori non possiamo accontentarci".

 


manifesto


centro caf strambi


santori


prenota_spazio


Altre notizie brevi


prenota_spazio


venerdì, 20 aprile 2018, 15:15

Prevenzione sismica, nel 2018 programmati interventi per oltre 7 milioni di euro

Sette milioni e 250mila euro da programmare nel 2018 per interventi utili a difenderci dai terremoti. Tanto vale il Documento operativo di prevenzione sismica (Dops), appena approvato dalla giunta regionale, che ha l'obiettivo di pianificare per quest'anno le risorse statali disponibili che consentiranno di intervenire e mettere più in sicurezza gli...


venerdì, 20 aprile 2018, 13:44

Barni e Grieco: "Insieme contro la violenza sulle donne"

"Abbiamo utilizzato risorse nazionali e regionali per realizzare una politica di sistema contro la violenza sulle donne". La vicepresidente e assessore alle pari opportunità della Regione Toscana, Monica Barni, spiega così l'operazione compiuta per aiutare tutte le donne che hanno il coraggio di denunciare le violenze subite.


prenota_spazio


venerdì, 20 aprile 2018, 12:57

Rossi: "Siamo dalla parte delle donne che hanno il coraggio di denunciare le violenze subite"

"Noi siamo dalla parte delle donne che hanno il coraggio di denunciare le violenze subite". E' con questa dichiarazione di intenti che il presidente della Toscana, Enrico Rossi, ha presentato ai giornalisti il pacchetto di provvedimenti adottati dalla Regione per aiutare le donne che hanno subito violenze a trovare un...


venerdì, 20 aprile 2018, 12:33

Gioco d'azzardo, oltre 3 milioni alle Asl per prevenzione, cura e riabilitazione

Oltre 3 milioni alle aziende sanitarie toscane per attivare azioni di prevenzione, cura e riabilitazione per le persone con disturbo da gioco d'azzardo. Fanno parte del finanziamento indistinto dei Livelli Essenziali di Assistenza assegnato alla Regione Toscana, che con una delibera approvata nel corso dell'ultima seduta di giunta li ripartisce...


venerdì, 20 aprile 2018, 12:32

Codice Rosa, una rete regionale per le vittime di violenza

In Toscana il Codice Rosa è un progetto attivo già da sette anni (nato nel 2010 nella Asl 9 di Grosseto, è diventato poi progetto regionale nel 2011), che assicura una risposta efficace alle vittime di violenza che si presentano nei pronto soccorso degli ospedali toscani, e garantisce una presa...


venerdì, 20 aprile 2018, 12:31

Dalla Regione un aiuto concreto alle donne vittime di violenza: sono 11 ogni giorno

Arriva dalla Regione Toscana un aiuto concreto alle donne vittime di violenze. E' quanto prevedono due delibere, approvate nel corso dell'ultima Giunta regionale, con cui si stanziano 1,3 milioni di euro, da utilizzare da qui a fine anno per favorire la loro autonomia, abitativa e lavorativa.


venerdì, 20 aprile 2018, 08:53

Festa Bavarese agli impianti sportivi di Gallicano

Il Rione Borgo Antico del Palio di S. Jacopo e gli Amatori Gallicano organizzano per sabato 5 maggio dalle 19.30 presso gli impianti sportivi di Gallicano una Festa Bavarese. Stinco, crauti e birra a volontà per una serata allietata dalla musica di Occia DJ con la sua musica anni '80.


giovedì, 19 aprile 2018, 17:25

Il M5S incontra gli elettori a Borgo a Mozzano

Il M5S di Borgo a Mozzano invita tutti gli elettori ad incontrarsi domenica 22 aprile alle 21 presso la ex Cappella delle Oblate (accanto al Circolo in Borgo). Il 4 marzo il M5S ha raccolto 1045 voti nel comune di Borgo a Mozzano. Lo slogan della campagna elettorale nazionale era "Partecipa...


giovedì, 19 aprile 2018, 14:51

Kme, Giovannetti e Baccelli (Pd): "Importante il voto in consiglio regionale, l'impegno per il lavoro e l'ambiente prosegue"

Il Consiglio regionale torna ad occuparsi della vicenda dello stabilimento KME di Fornaci di Barga. Questa volta lo fa approvando una mozione proposta dai consiglieri PdIlaria Giovannetti e Stefano Baccelli e sottoscritta anche da rappresentanti del Movimento 5 Stelle, della Lega, di Forza Italia, di Mdp-art.1 e del gruppo Misto (non hanno firmato...


mercoledì, 18 aprile 2018, 17:06

Morti bianche, Martelli (Acli Toscana): "Per fermare le morti bianche lavoro di squadra fra istituzioni, imprese e sindacati"

"Pensare che ogni anno in Toscana ci sono oltre 70 persone che vanno a lavorare e non ritornano a casa perché muoiono sul lavoro è ingiusto. E' vero che il numero di "morti bianche" si è abbassato ma ancora è inaccettabile, basti pensare che nei primi mesi di quest'anno siamo...


Ricerca nel sito


Associazione Musicale Lucchese


Pucciprogetto legno


prenota_spazio


maranello corse


conflavoro


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio