Anno 3°

giovedì, 4 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Pasqua, l'allarme di Confagricoltura "In Toscana il 15 per cento in meno di agnello sulle nostre toscane"

venerdì, 19 aprile 2019, 10:37

A Pasqua, sempre meno agnelli sulle tavole toscane. Il calo è già stato stimato intorno al 15%. 

«Le richieste rimangono più o meno stabili nelle zone di campagna, ma nei centri abitati più grandi e nelle città, la tradizione dell'agnello pasquale è sempre meno praticata» spiega Angela Saba, Presidente della sezione Ovicaprini di Confagricoltura Toscana. «In alcune aziende i capi non sono stati addirittura ritirati e molti allevatori, per tutelarsi, hanno accettato di vendere con largo anticipo ai commercianti, che poi hanno provveduto a congelarli in attesa delle festività». 

La consueta impennata degli acquisti last minute da parte dei consumatori, non salva di certo la situazione, i ricavi degli allevatori rimangono al palo. 

«Ogni anno che passa, siamo costretti a vendere ai grossisti a prezzi sempre più bassi, anche in occasione di questa Pasqua, i nostri margini perdono più del 20 %» spiega ancora Saba. «Chi ha venduto in questi giorni lo ha fatto a una media di 3,50 euro al chilo, ma chi si è mosso più di un mese fa ha dovuto abbassare il prezzo a 2,50 euro. Prezzi ridicoli per una carne pregiata e di grande valore nutrizionale».

«La situazione degli allevatori nella nostra regione è allo stremo» spiega ancora Saba. «In Toscana, negli allevamenti, concentrati soprattutto in Maremma, la situazione è preoccupante. Ogni anno chiudono più di 50 aziende, ne sono rimaste circa 1200, che nel giro di breve, se l'andamento non cambierà - tra predazione, prezzo del latte in picchiata e incremento dell'import di carne da fuori - scompariranno, trascinandosi dietro tutto un indotto che dà da mangiare a tantissime famiglie».  

Altro fenomeno negativo, quello della sostituzione delle razze autoctone con pecore di razze straniere. «Per ridurre i costi di gestione, si passa a razze che solitamente vengono allevate solo a stabulazione fissa, nelle stalle e non al pascolo, con conseguenze pesanti sulla biodiversità e sull'ambiente. Il pascolo brado non inquina e permette la conservazione del territorio a differenza dell'allevamento intensivo che fortunatamente ad oggi non ha mai preso vita nella nostra regione, ma che diventerà l'unica alternativa alla scomparsa della pastorizia tradizionale» denuncia ancora Saba. 

Eppure, molti studi attestano le qualità della carne ovina. «I nostri agnelli, che vengono allevati con il solo latte materno, liberi e senza alcun tipo di alimentazione forzata, producono una carne tra le migliori che possano esistere in commercio, una carne che sotto l'aspetto nutrizionale non ha controindicazioni, ricca di acidi grassi buoni e adatta a tutti».

Unica nota positiva: è in forte aumento la richiesta che proviene dal mondo musulmano, grande consumatore, per motivi religiosi, di carne ovina. «Ormai una bella fetta di mercato circa un 20% della nostra produzione segue questo canale di vendita» conclude Saba. «Una conseguenza della società che cambia, alla quale guardiamo con molto interesse, visto che genera un consumo costante, distribuito su tutto l'anno e non concentrato nelle festività natalizie e pasquali come è per la maggior parte degli italiani. Credo tuttavia che sia molto importante invertire questo trend, con un consumo consapevole che faccia riflettere tutti senza seguire mode insensate che stanno distruggendo interi comparti produttivi. Mangiare sano è un diritto e la conoscenza un obbligo».


toscano

regionetoscana

tuscania

luccaedil

coppi

maxibazar

ristorante ol bugno


Altre notizie brevi


venerdì, 29 maggio 2020, 11:10

Toscana Nazionalista: presidio a Gallicano presso la Kedrion

I militanti di Toscana Nazionalista, comunità aderente a La Rete, si ritroveranno di fronte allo stabilimento Kedrion di Gallicano (Lucca) sabato 30 maggio dalle ore 10:30, "per protestare - si legge nella nota - "contro il conflitto di interessi sul plasma, dato che la Kedrion Biopharma è della famiglia Marcucci di cui Paolo...


mercoledì, 20 maggio 2020, 16:03

Agricoltura: i fondi a disposizione del comparto florovivaistico

Tra i settori maggiormente colpiti dagli effetti economici della pandemia Covid-19 spicca il comparto florovivaistico italiano che sta vivendo una situazione di estrema difficoltà. Il periodo primaverile, infatti, è quello in cui si realizzano i maggiori introiti e se la filiera del vivaismo orticolo ha proseguito il lavoro a sostegno...


conflavoro


mercoledì, 20 maggio 2020, 12:24

Incubatori d'impresa e start-up house, in apertura avviso accreditamento 2020

L'appuntamento è per il mattino di lunedì 1 giugno, quando alle 9.00 saranno aperti i termini per presentare la domanda di accreditamento regionale da parte di incubatori di impresa e start up house toscane.


mercoledì, 20 maggio 2020, 12:18

Coronavirus, oltre due milioni di euro per il terzo settore

Un avviso pubblico da oltre 2milioni di euro, per sostenere le diverse attività del terzo settore in ambito sociale, è stato deliberato dalla Regione nell’ultima seduta di Giunta, su proposta dell’assessore per il diritto alla salute e al sociale, Stefania Saccardi.Si tratta per l’esattezza di 2.360.682,00 di euro, derivanti dal...


mercoledì, 20 maggio 2020, 12:17

Coronavirus, dalla Regione 500 mila euro per contenere gli effetti sociali dell'emergenza

La Regione destina 500.000 euro a progetti per contenere gli effetti sociali dell'emergenza Covid-19. Lo fa con due delibere portate in giunta dall'assessore al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi e approvate nel corso della seduta di lunedì scorso.


martedì, 19 maggio 2020, 12:52

Coronavirus e sicurezza sul lavoro, regole aggiornate alla luce di Dpcm e ordinanze regionali

Con la ripresa di tutte le attività lavorative, agli abituali rischi sul lavoro si aggiunge anche il rischio contagio. Ecco quindi che la Regione ha preso misure stringenti anche su questo fronte. Tutte le attività economiche, produttive, sociali e professionali che hanno ripreso o riprenderanno nei prossimi giorni, in base...


venerdì, 15 maggio 2020, 15:55

Cassa integrazione in deroga, oltre 37 mila domande e 96 mila lavoratori coinvolti

Sono 37.522 le domande di Cassa integrazione in deroga inviate alla Regione dalle imprese toscane in difficoltà per l'emergenza epidemiologica. I lavoratori coinvolti sono in tutto 96.325.  


giovedì, 14 maggio 2020, 17:15

Anticipo sugli ammortizzatori Covid, l’accordo ora esteso anche a Poste

All’anticipo della cassa integrazione e degli altri ammortizzatori per dipendenti legati all’emergenza Covid ci pensano in Toscana le banche ed ora anche Poste Italiane. L’intesa che la Regione ha firmato quasi un mese fa, il 14 aprile, con ventiquattro tra i più diffusi istituti presenti, si allarga: ancora una volta...


giovedì, 14 maggio 2020, 13:24

DL Rilancio, ALI Toscana sostiene appello piccoli e medi comuni a vocazione turistica: "Dal Governo un fondo per salvarli"

ALI Toscana è accanto ai piccoli e medi Comuni a vocazione turistica che chiedono al Governo strumenti e risorse per sopravvivere all'emergenza Covid-19. "La petizione – spiega il presidente di ALI Toscana Francesco Casini –, nata su iniziativa del sindaco di San Gimignano e promossa da molte amministrazioni toscane, ben...


giovedì, 14 maggio 2020, 12:40

Centri commerciali naturali, dal 30 maggio bando da 630 mila euro

A partire dal 30 maggio e fino al 20 luglio sarà aperta l'edizione 2020 del bando per la concessione di contributi a sostegno degli investimenti per le infrastrutture per il turismo ed il commercio e per interventi di micro-qualificazione dei Centri commerciali naturali.


Ricerca nel sito


ennebicomputers


Associazione Musicale Lucchese


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio