Anno 3°

domenica, 21 gennaio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Ponte Guglielmo Lera, il nuovo svincolo sul lato sbagliato"

giovedì, 13 luglio 2017, 22:27

di francesco saisi

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, questa lettera inviataci da un nostro lettore, Francesco Saisi, che è voluto intervenire sulla recente presentazione dei lavori di adeguamento sul ponte Guglielmo Lera, a Pian di Coreglia, all’intersezione con la sr445.

“Dopo quasi dieci anni di calvario per chi è obbligato a transitare su quel tratto di strada, nei giorni scorsi è stata annunciata, finalmente, la messa in sicurezza del ponte Guglielmo Lera, lato SR445 nell'abitato di Piano di Coreglia.
Da quanto si apprende, con il prossimo intervento, dovrebbe essere risolto il problema del dislivello in fase di risalita che, soprattutto quando è affrontato da camion dalla zona industriale in direzione Piano di Coreglia, in modo particolare con asfalto reso viscido anche dalla sola pioggia, fino ad oggi ha creato delle difficoltà nel tratto delle due curve in contro pendenza, una esse che fa invidia al famoso "cavatappi" del circuito di Laguna Seca in California.
Un'altra parte di disagi comunque, tra cui non pochi incidenti e l'ultimo tra l'altro risalente ad un paio di settimane fa, si verificano sul versante opposto, lato Turrite Cava, precisamente all'innesto con la provinciale 57, di certo più pericoloso che l'innesto sulla regionale visto l'intensità del traffico, dove nelle ore di punta l'immettersi nella corsia in direzione Lucca c'è chi la definisce una roulette russa, così come altre noti dolenti sono la mancanza di un marciapiede e l'illuminazione pressoché assente. Ben vengano i lavori di adeguamento, ma speriamo di non dover aspettare altri dieci anni per provvedere ad successiva messa in sicurezza visto che reperire i soldi, da quelle parti, non sembra poi tanto difficile, la storia dello stadio di Ghivizzano parla da se. Del resto per noi maligni la presenza di certe figure alla conferenza di presentazione dell'inizio dei lavori non lascia dubbi sul perché abbiano scelto quel lato, anche se meno pericoloso, come primo adeguamento e se a pensar male si fa peccato spesso però ci si indovina”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


venerdì, 5 gennaio 2018, 18:48

Fulvio Testi: governatore, poeta e diplomatico seicentesco

Riteniamo necessario continuare nell’elencazione, sia pur in forma sintetica, di fatti e/o  personaggi che sono nati in Garfagnana o vi hanno dimorato o che hanno comunque avuto rapporti con la nostra valle. Iniziamo perciò dal poeta e diplomatico Fulvio Testi


lunedì, 1 gennaio 2018, 13:20

"Pirogassificatore, il diritto al lavoro non può prevaricare sulla salute dei cittadini"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera, a firma di una cittadina, in risposta alle dichiarazioni della Cgil di Lucca sulle scelte dell'azienda Kme riguardo la costruzione di un pirogassificatore.


Prenota questo spazio


sabato, 30 dicembre 2017, 15:52

“Mercato di Castelnuovo, stavolta si è rischiata la tragedia!”

Secondo quanto sostiene il commerciante Tiziano Innocenti, non ci sarebbero le condizioni per soccorrere nel modo migliore una persona in caso di necessità e ci invia la foto di un intervento avvenuto due giorni fa in piazza Umberto I


sabato, 16 dicembre 2017, 17:10

Isi (frigo) Barga e Ctt Nord, il disagio raccontato dagli studenti

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di denuncia da parte di una studentessa dell'alberghiero all'Isi di Barga che si è fatta portavoce dei ragazzi della scuola e dei pendolari per denunciare la situazione all'interno dell'istituto e sui mezzi pubblici di trasporto


sabato, 16 dicembre 2017, 10:08

"Un ricordo di Domenico Casotti a dieci anni dalla sua scomparsa"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo ricordo della figura di Domenico Casotti, 53 anni, ex cavatore di Gorfigliano, a distanza di dieci anni dalla sua scomparsa


mercoledì, 13 dicembre 2017, 19:14

Isi (frigo) Barga, una scuola che fa acqua e gelo da tutte le parti

Aule al freddo, riscaldamento non funzionante, acqua che filtra dalle pareti e allaga i locali, finestre rotte e mai riparate, lezioni con tanto di piumino indosso: questa è la nuova struttura visitata persino (sic!) ad agosto dal ministro Fedeli